Federiciani soccorrono civetta
Federiciani soccorrono civetta
Associazioni

Federiciani recuperano un pulcino di civetta

L'animale è stato condotto al entro di recupero fauna selvatica di Bitetto

Storia e tradizioni vi hanno sempre attribuito un forte valore simbolico, talora benefico, talaltra portatore di cattiva sorte. Nell'antica Grecia, ad esempio, era considerata sacra per la dea Atena (da qui il nome scientifico), dea della sapienza, e ancora oggi è raffigurata in molti portafortuna. Dalla tradizione popolare è considerata invece in un'accezione più negativa, tanto che vederla appollaiata sul tetto della propria abitazione era considerato un cattivo presagio.

Si tratta della civetta, il cui nome, associato nel linguaggio comune a quello di una donna che amerebbe farsi corteggiare attraendo numerosi ammiratori: un'usanza dovuta al fatto che questo rapace, quando veniva utilizzato dai cacciatori come richiamo per ingannare i piccoli passeriformi, li attraeva con un particolare modo di battere le ali, con inchini, ammiccamenti e altri atteggiamenti simili, "irresistibile" spettacolo per le potenziali prede.

Nella giornata di ieri, alle ore 16 circa, i volontari Federiciani, chiamati in azione, sono giunti in soccorso di un pulcino di civetta caduto da un albero a l'Altro Villaggio. "La cosa migliore che si possa fare - spiegano i volontari -, se non ci sono gatti o volpi in giro è lasciarlo lì perchè i genitori alimentano il figlio da terra e oltretutto i rapaci, seppur piccoli, sanno difendersi dai predatori gonfiando le piume e soffiando per sembrare più grandi e pericolosi".

I Federiciani, questa domani mattina, hanno consegnato il piccolo al Comandante Riccardo Zingaro che provvederà a farlo recapitare, tramite una pattuglia di Polizia Municipale del Comune di Andria, al Centro Recupero Fauna Protetta di Bitetto. Il rapace, andrà riabilitato lentamente al volo (nessuna voliera è abbastanza grande per esercitare i loro muscoli) e dovrà essere disabituato al contatto umano.
Civetta PulcinoCivetta Pulcinocivetta
  • volontari federiciani
Altri contenuti a tema
Un riccio di terra recuperato in una grondaia di via Mons. Papa Un riccio di terra recuperato in una grondaia di via Mons. Papa Tanta pazienza ed un lungo lavoro per salvare il piccolo animale, grazie alla perizia di Francesco Martiradonna
Incendio in località Bosco di Spirito: sul posto ronda dei volontari Federiciani Incendio in località Bosco di Spirito: sul posto ronda dei volontari Federiciani È successo alle ore 13 e ha interessato circa 30 ettari di terreno
Recuperato un falco grillaio dai Federiciani ad Andria Recuperato un falco grillaio dai Federiciani ad Andria Ora il trasferimento a Bitetto presso il Centro di Recupero della Fauna Protetta
I Federiciani recuperano un Falco Grillaio a Palazzo Ducale I Federiciani recuperano un Falco Grillaio a Palazzo Ducale Sito prediletto da questi volatili che da molti secoli vi dimorano per nidificare
Incendio in Contrada Coleti a Minervino Murge, intervengono i Federiciani Incendio in Contrada Coleti a Minervino Murge, intervengono i Federiciani Dal pianale di Castel del Monte l'avvistamento della coltre di fumo
Recuperato un piccolo gufo dai Federiciani Recuperato un piccolo gufo dai Federiciani Il Comando della Polizia Municipale di Andria lo trasferirà a Bitetto
Consegnati gli attestati di Operatore Protezione Civile agli studenti del “Carafa” Consegnati gli attestati di Operatore Protezione Civile agli studenti del “Carafa” All’incontro tenutosi ieri anche i volontari Federiciani
Rifiuti in fiamme nei pressi del Cimitero, intervengono i Federiciani Rifiuti in fiamme nei pressi del Cimitero, intervengono i Federiciani Il prof. Martiradonna ammonisce a prestare la massima attenzione nella differenzazione degli scarti
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.