Banca Popolare di Bari
Banca Popolare di Bari
Territorio

Popolare Bari e Popolare Puglia e Basilicata, appuntamento al buio con i risparmiatori

Chiedono chiarezza e trasparenza in merito alle decisioni prese

Le prossime settimane saranno cruciali per comprendere la situazione in cui versano due tra le più importanti banche del centro sud Italia, la Banca Popolare di Bari e la Banca Popolare di Puglia e Basilicata.

«Si riuniranno - ricordano dall'Adoc Andria Trani Corato - infatti le assemblee degli azionisti per approvare i bilanci 2016 dei due istituti, dopo le perdite registrate negli anni passati non solo per la condizione generale dell'economia ma anche per un managment che più che essere attento agli interessi dei risparmiatori, la maggior parte famiglie, impiegati, piccoli artigiani, ha perseguito deleterie logiche di incorporazione (Popolare Bari con Tercas) o di espansione (acquisto degli sportelli nel nord est d'Italia da parte della Popolare di Puglia e Basilicata). Orbene, tutti i risparmiatori di BPB e BPPB, non solo quelli costituitisi nei vari Comitati per la tutela degli azionisti, di cui fanno parte a vario titolo le Associazioni dei Consumatori, vogliono conoscere se le annunciate cure dimagranti nei proclami sbandierati dai Consigli di amministrazione delle banche (riduzione dei crediti in sofferenza, riduzione delle spese inutili a cominciare dai prepensionamenti del personale e dalla chiusura delle doppie filiali), sta portando gli auspicati effetti benefici».

«A fronte dell'impossibilità a poter vendere tali titoli azionari, c.d. illiquidità, e di cui si sta occupando anche Banca d'Italia per le sospette vendite da parte di alcuni azionisti, preferiti ad altri e di cui si sta occupando la Magistratura penale, gli azionisti di BPB e di BPPB intendono chiedere pubblicamente ai vertici societari, ovvero per la BPB al Presidente Marco Jacobini ed al CEO Giorgio Papa e per la Banca Popolare di Puglia e Basilicata al Presidente Leonardo Patroni Griffi ed al CEO Alessandro Maria Piozzi, di ristabilire al più presto delle corrette relazioni con gli azionisti circa la situazione economica delle rispettive banche, dal momento che nelle proprie filiali gli stessi dipendenti sono all'oscuro delle recenti decisioni adottate».

«Spiace oltre modo constatare - prosegue Marilena Berardino, dell'associazione dei consumatori - come in questo lasso di tempo, a fronte della cortina di pervicaci silenzi, siano state diffuse informazioni circa campagne di sostegno a meritorie iniziative filantropiche e di asserito mecenatismo che dovrebbero attenere, dal punto di vista economico, più alla sfera privata degli esponenti che decidono tali provvedimenti piuttosto che addossarle a ulteriori costi per le banche, ergo per gli azionisti».

In questo particolare scenario va registrata l'iniziativa di un importante industriale di Corato e di un noto commercialista andriese, già revisore dei conti al Comune di Andria, di presentarsi come nuovi amministratori della Banca Popolare di Puglia e Basilicata. A fronte di questo interesse non si conosce però il piano industriale per cercare di far uscire dall'attuale situazione la banca appulo-lucana.

«In questo periodo -prosegue la nota di Adoc Andria Trani Corato-, è bene ricordarlo, pur a fronte delle perdite subite per scelte aziendali poco oculate, i consigli di amministrazioni si sono addirittura aumentati i propri compensi, quando avrebbero fatto bene a ridurli e concentrare parte di questi introiti alle campagne di sponsorizzazione o destinare le risorse alle perdite patite dagli azionisti, che ricordiamo essere i veri proprietari della banca.
Pertanto, nel rinnovare la nostra richiesta a fornire periodicamente e per i canali soliti delle dipendenze del territorio, dati economici riferiti all'andamento delle banche, si ribadisce la piena fiducia nell'operato della Magistratura, che su vari ambiti è stata chiamata a giudicare alcune vicende che attengono la vita di questi istituti di credito del territorio, a cui hanno da sempre riposto fiducia migliaia e migliaia di piccoli e laboriosi risparmiatori».

«Quindi è necessario, ora più che mai, che si proceda nel positivo coordinamento delle varie Associazioni dei Consumatori, al fine di assicurare la tutela dei risparmiatori e la fiducia verso il sistema bancario italiano», conclude Marilena Berardino, Adoc Andria - Trani - Corato.
  • Adoc
  • banca popolare di bari
Altri contenuti a tema
Finanza e banche pugliesi, chiesto l'intervento del Governatore di Banca d'Italia Finanza e banche pugliesi, chiesto l'intervento del Governatore di Banca d'Italia La situazione di Bancapulia, Banca Popolare di Bari e di altre banche esaminata dal M5S: "I nostri soldi sono a rischio?"
Comitato azionisti Banca Popolare di Bari pronto ad esaminare bilancio 2016 Comitato azionisti Banca Popolare di Bari pronto ad esaminare bilancio 2016 L'avv.Vincenzo Laudadio dell'ADUSBEF Puglia "a breve suggerimenti per gli azionisti"
Transazione ad azionisti di Veneto Banca, il commento dell'Adoc Andria-Trani-Corato Transazione ad azionisti di Veneto Banca, il commento dell'Adoc Andria-Trani-Corato "Tasso d'interesse vantaggioso, ma il vincolo di tempo rende poco flessibile l'investimento"
Banca Popolare di Bari, dal tribunale di Bari arriva lo stop all'assemblea Banca Popolare di Bari, dal tribunale di Bari arriva lo stop all'assemblea Bloccata la trasformazione in Spa, grazie all'accogliemento del ricorso d'urgenza di tre soci dell'istituto di credito
Nuove decisioni dal Comitato per la tutela azionisti Popolare di Bari Nuove decisioni dal Comitato per la tutela azionisti Popolare di Bari In attesa della decisione della Corte Costituzionale, con le indagini della Procura e del nuovo Decreto del Governo
Riunione Comitato per la tutela degli azionisti della Banca Popolare di Bari Riunione Comitato per la tutela degli azionisti della Banca Popolare di Bari Dopo le ultime vicende finanziarie e penali dell'istituto bancario
Rinnovo contratti statali, impiegati insoddisfatti Rinnovo contratti statali, impiegati insoddisfatti Adoc: pronti ricorsi collettivi per l’illegittimo blocco delle retribuzioni
© 2001-2017 AndriaViva è un portale gestito dall'associazione Progetto Futuro. Partita iva 07930130724. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.