Presentazione lavori Museo diocesano
Presentazione lavori Museo diocesano "San Riccardo"
Religioni

Museo diocesano "S. Riccardo": in attesa della riapertura ufficiale, ecco la presentazione dei lavori

Primo assaggio del nuovo complesso edilizio con una conferenza stampa svoltasi giovedì 11 aprile

Un luogo che compendia secoli di arte e storia. Dopo diversi anni, sta per essere finalmente riconsegnato alla comunità diocesana il Museo diocesano "San Riccardo", sito in via De Anellis 46 ad Andria, che giovedì 11 aprile ha ospitato una conferenza stampa di presentazione (moderata da don Geremia Acri) dei lavori di ristrutturazione, diretti dall'arch. Francesco Brudaglio; un assaggio dell'appuntamento più atteso, ossia la riapertura ufficiale in programma martedì 23 aprile. Sarà il traguardo di un percorso di ristrutturazione edilizia avviato, in prima fase, il 16 marzo 2006 e conclusosi il 10 marzo 2009. Una seconda fase dei lavori e conseguente allestimento museale ha avuto inizio il 12 dicembre 2016 e si è conclusa il 31 marzo 2019.

Un opportunità di indubbio valore per la cittadinanza e l'intera comunità ecclesiale: la fruizione del museo diocesano «costituisce un momento in cui è possibile gustare ciò che la storia ha tramandato - ha dichiarato don Giannicola Agresti, Direttore del Museo - in termini di opere artistiche e non solo. In questo senso, il Museo svolge un importante ruolo culturale, storico, artistico, catechetico». A cura di mons. Luigi Mansi, vescovo della diocesi di Andria, il successivo intervento: «Il Museo diocesano è una delle prime strutture che ho visitato al mio arrivo tre anni fa. E' per me una grande gioia essere presente nel momento in cui viene riconsegnato alla città un museo della nostra vita diocesana, un luogo che raccoglie testimonianze e cimeli di coloro che ci hanno preceduto. Con questa riapertura vogliamo recuperare la nostra storia religiosa e mostrare soprattutto alle giovani generazioni i segni concreti della fede dei nostri antenati».

Successivamente la relazione dell'Ing. Pasquale Losito, incaricato diocesano per i beni culturali ecclesiastici, ha posto brevemente l'accento sulla storia del Museo per poi focalizzarne nello specifico l'attuale strutturazione: «Il Museo Diocesano "San Riccardo" si sviluppa su una superficie di circa 1400 mq scomponibili in almeno due distinti corpi di fabbrica. Il primo, più grande e più recente, la parte "nuova", costruita a partire dal 1952 con un cantiere sociale (la "Casa Sociale", una delle opere di don Riccardo Zingaro) che ha dato lavoro a dei braccianti disoccupati. E' ubicata ad angolo fra la Via De Anellis e la Piazza Toniolo. Il corpo di fabbrica, più antico, è quello che resta del Palazzo Margiotta, si affaccia sempre su Piazza Toniolo e poi penetra nell'isolato spingendosi fino a via Quarti.

Il Museo è stato istituito con Decreto vescovile del 20 maggio 1972 grazie alla ferma volontà di mons. Giuseppe Lanave, allora Vescovo di questa chiesa diocesana che ha raccolto e conservato per la sua comunità un prezioso patrimonio, avendone riconosciuto il valore artistico ma soprattutto di fede. Con il suo successore, mons. Raffaele Calabro, prende corpo l'idea di una sede adeguata per un'ampia fruizione delle opere ed il Vescovo crede così tanto al progetto da impegnare fondi propri della Diocesi per i lavori di manutenzione straordinaria all'intera fabbrica (ad oggi si è superato il milione e mezzo di euro). A questi si sono aggiunti i fondi dell'8 per mille della chiesa Cattolica, fondi europei e contributi di privati.

L'edificio è stato oggetto di una radicale ristrutturazione finalizzata a ridisegnare gli ambienti esistenti adattandoli a museo. Tale intervento ha restituito alla collettività uno straordinario insieme architettonico ricco di piccoli e grandi ambienti che costituiranno un luogo tutto nuovo dove poter mostrare e apprezzare le opere d'arte della Chiesa di Andria; un patrimonio inestimabile che fino ad ora non si era potuto esporre per la mancanza di spazi adeguati e che costituisce una testimonianza significativa della storia, dell'arte e della liturgia della Chiesa Diocesana.

L'organismo edilizio è costituito da tre livelli fuori terra, - ha proseguito l'ing. Losito - consistenti in terra, primo e secondo piano con terrazzo praticabile e due livelli interrati. L'intero edificio si presenta come una struttura eterogenea sostanzialmente costituita da due distinti corpi di fabbrica attigui di epoche differenti: il più recente, collocato ad angolo fra Via De Anellis e Piazza Toniolo, e l'altro più antico con affaccio dal primo piano sulla piazza Toniolo e via Quarti. Nel contesto urbano, inoltre, l'edificio si inserisce in un percorso museale costituito dalla Cattedrale, dal Vescovado, da Palazzo Carafa, dal Municipio e dalle Chiese come San Francesco, San Nicola, San Domenico, tutti ubicati all'interno del centro storico.

Il nuovo museo, che al contempo conserverà e valorizzerà le opere memoria storica della Chiesa locale, si articola in percorsi fluidi per ogni piano, offrendo spazi di riposo in luoghi particolari come gli ampi spazi esterni al primo piano (che ospiteranno anche mostre temporanee), i ballatoi che si affacciano sull'atrio centrale e l'atrio al piano interrato. Al piano interrato è collocata una grande area adibita a deposito, conservazione, preparazione e restauro opere, avente una superficie di circa 110 mq. Al piano terra si trovano la biglietteria, l'ufficio informazioni, il bookshop oltre che una sala convegni, arredata con comode poltroncine a scrittoio, per ospitare incontri didattici e/o esposizioni temporanee. Il percorso museale inizia al primo piano dove sono ubicate nove sale di diverse dimensioni che in totale sviluppano una superficie espositiva di circa 400 mq, alle quali vanno aggiunti 170 mq di spazio esterno destinato ad esposizioni temporanee ed eventi. Il secondo piano è costituito da una superficie espositiva di 240 mq oltre che da un archivio e da un ufficio didattico», ha concluso l'ing. Losito.

Di seguito, le imprese e i singoli che hanno provveduto ai lavori di restauro, ordinamento e allestimento del Museo:
- ing. Pasquale Losito, Incaricato diocesano Beni Culturali Ecclesiastici;
- don Giannicola Agresti, Direttore del Museo;
- arch. Francesco Brudaglio, Progettista e direttore del lavori di restauro, ordinamento e allestimento;
- dott.ssa Silvana Campanile, Ricerche bibliografiche e documentali;
- dott. Francesco Carofiglio, dott.ssa Lucia Ceci, Consulenza tecnico-scientifica;
- SAD di Rega R. & C. s.n.c., Lavori di restauro;
- Ieva Michele s.n.c. di Cagnetti Riccardo, Ieva Federico e Ieva Pasquale, Lavori di allestimento museale;
- Consorzio IDRIA s.c.r.l., Servizi di allestimento museale.
  • Museo Diocesano "San Riccardo"
Altri contenuti a tema
Incontro di studio sul recepimento del Regolamento Edilizio Tipo (RET) Incontro di studio sul recepimento del Regolamento Edilizio Tipo (RET) Tutti i Comuni sono tenuti ad adeguare i loro Regolamenti Edilizi ad uno schema tipo
Approvati i finanziamenti per il Museo Diocesano: al via i lavori Approvati i finanziamenti per il Museo Diocesano: al via i lavori Mons. Mansi: «Ci auspichiamo la riapertura entro il 2017»
"La feudalità meridionale", incontro con il prof. Spagnoletti "La feudalità meridionale", incontro con il prof. Spagnoletti L'organizzazione dell'appuntamento è curata dall'associazione Italia Nostra di Andria
"La strada bagnata", Marianna Montenero presenta ad Andria il suo ultimo scritto "La strada bagnata", Marianna Montenero presenta ad Andria il suo ultimo scritto L'incontro con l'autrice si terrà questa sera alle ore 19.30 presso il Museo Diocesano
“La Pasqua bassa” di Antonio Del Giudice torna in libreria “La Pasqua bassa” di Antonio Del Giudice torna in libreria Sabato 20 la presentazione del romanzo presso il salone del Museo Diocesano
Madonne di Puglia, presentazione del libro del Prof. Mignozzi Madonne di Puglia, presentazione del libro del Prof. Mignozzi Evento organizzato dall'Associazione H1 di Andria
Il 25 marzo 2016 il prodigio della Sacra Spina Il 25 marzo 2016 il prodigio della Sacra Spina Al via l'anno giubilare della Diocesi di Andria
Il Romanico in Puglia e Basilicata, un seminario specialistico Il Romanico in Puglia e Basilicata, un seminario specialistico Evento a cura di Hic Locus Est, tappa nella Biblioteca Diocesana
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.