Nino Marmo
Nino Marmo
Politica

Fiera del Levante, Marmo (FI): "Privatizzazione? Iniziata male e finita peggio!"

La strada da percorrere rimarrebbe quella di una fondazione

"Arriva l'ennesima conferma di quanto sosteniamo fin dall'inizio sulla pseudo privatizzazione della Fiera del Levante: scioperano i sindacati emiliani, rompendo le trattative con il Comune ed uno dei punti cardine della protesta è proprio l'operazione pugliese della Fiera di Bologna. Era già tutto previsto".

Così il consigliere regionale e comunale di Forza Italia, Nino Marmo. "Un processo -aggiunge- condotto con asineria, per usare un eufemismo. Con il 15% del capitale, la Fiera di Bologna dovrebbe occuparsi della gestione dell'ente barese. Ma si ignora, colpevolmente da troppo tempo, i problemi della Fiera bolognese, che vive un momento di grande difficoltà dovuta a problemi relativi agli assetti interni. Una condizione narrata e fotografata ampiamente dalle cronache emiliane. Ma è un processo nato male dall'inizio: non dimentichiamo, infatti, i rilievi che come Gruppo consiliare abbiamo incardinato in un'interrogazione, a cui abbiamo ricevuto risposte "stravaganti" in Consiglio regionale. L'assessore regionale Capone (che sappiamo bene non esserne l'artefice), allora, ci rispose che il secondo bando di affidamento per la Fiera del Levante non era stato pubblicato sul Guce né sul Guri, violando i principi del Codice degli appalti, perché si riteneva più "legalizzante" la pubblicazione su quotidiani come il Sole 24Ore. Senza contare, poi, anche la smania di nomine che ha colpito il presidente Emiliano, il quale ha ritenuto più utile la nomina di due commissari della Fdl anziché di uno, come vuole lo statuto dell'ente. Ed oggi, a pochi giorni dall'assemblea dei soci bolognesi, che dovrebbe esprimersi sull'ingresso definitivo nella fiera nostrana, si moltiplicano i mal di pancia. Eppure, una proposta seria l'abbiamo avanzata da subito per rilanciare la campionaria: una Fondazione. Sarebbe stato un valido strumento per rilanciarla -conclude Marmo- dopo essere stata "munta" per anni dal centrosinistra barese e pugliese fino al suo declino totale".
  • nino marmo
Altri contenuti a tema
Nuovo Regolamento Edilizio, Marmo (FI): "Ancora un pastrocchio!" Nuovo Regolamento Edilizio, Marmo (FI): "Ancora un pastrocchio!" "Così si ingolfano gli uffici tecnici comunali"
Cavalcavia e crolli:"Parola d'ordine, prevenzione. Il governo regionale si attrezzi" Cavalcavia e crolli:"Parola d'ordine, prevenzione. Il governo regionale si attrezzi" Lo chiedono i consiglieri regionali di Forza Italia Nino Marmo e Domenico Damascelli
1 Petrolio e Pertusillo. Marmo(FI): "Inquinamento e possibili ripercussioni su acqua pugliese" Petrolio e Pertusillo. Marmo(FI): "Inquinamento e possibili ripercussioni su acqua pugliese" E rivolgendosi al governatore pugliese "Tutti i nodi vengono al pettine"
Accreditamento residenze sanitarie, Marmo (FI): "Proviamo a dare una svolta" Accreditamento residenze sanitarie, Marmo (FI): "Proviamo a dare una svolta" L'esponente azzurro chiede una svolta politica su questa particolare materia
Consorzi Bonifica: Regione impegnata in modifiche, opposizioni all'attacco Consorzi Bonifica: Regione impegnata in modifiche, opposizioni all'attacco L'annuncio dopo la comunicazione da parte del Consiglio dei Ministri di aver impugnato la legge pugliese
"Briganti... a chi?!": il 31 marzo vi raccontiamo un'altra storia "Briganti... a chi?!": il 31 marzo vi raccontiamo un'altra storia Interverrà Pino Aprile, autore di "Terroni" e "Carnefici"
Marmo (FI): "La Valle dell'Ofanto non può essere terra di frontiera" Marmo (FI): "La Valle dell'Ofanto non può essere terra di frontiera" Presentata una interpellanza urgente in Parlamento da parte del senatore Gasparri
IRCCS, Marmo: "Per la ricerca, opportuno costruire legame con Università" IRCCS, Marmo: "Per la ricerca, opportuno costruire legame con Università" "Persa un'ennesima occasione per riorganizzare e snellire le strutture e i vertici degli IRCCS"
© 2001-2017 AndriaViva è un portale gestito dall'associazione Progetto Futuro. Partita iva 07930130724. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.