Sede della Corte di Cassazione
Sede della Corte di Cassazione
Attualità

Bufera giudiziaria: la Procura generale della Cassazione chiede sospensione dei magistrati arrestati

Associazione Nazionale Magistrati: «Pronti a intervenire con chi viola le regole»

Il procuratore generale della Cassazione, l'andriese Riccardo Fuzio ha chiesto alla Sezione disciplinare del CSM la fissazione dell'udienza cautelare per la sospensione obbligatoria dalle funzioni e dallo stipendio dei giudici del Tribunale di Roma Antonio Savasta e Michele Nardi arrestati nei giorni scorsi. I due magistrati sono accusati di aver preso parte, quando prestavano servizio a Trani, ad un'associazione per delinquere finalizzata ad intascare tangenti per insabbiare indagini e pilotare sentenze giudiziarie e tributarie in favore di facoltosi imprenditori. Il provvedimento restrittivo è stato disposto dal Gip di Lecce.

Sull'arresto dei colleghi è intervenuta anche l'Associazione Nazionale Magistrati che ha ribadito: «Pronti a intervenire con chi viola regole»

La giunta dell'ANM "ribadisce la centralità della questione morale" e assicura che "la magistratura è capace e pronta ad intervenire efficacemente nei confronti degli appartenenti all'ordine giudiziario che con i propri comportamenti e le proprie condotte violano le regole, tanto quelle penali quanto quelle, non certamente secondarie, disciplinari e del codice etico".

«Senza entrare nel merito delle vicende che saranno accertate dai colleghi che procedono e fatta salva la presunzione di non colpevolezza». La questione morale - sostiene l'ANM- è "cardine fondamentale e imprescindibile per un ordine giudiziario dotato di credibilità ed autorevolezza, valori che i magistrati per primi devono coltivare e praticare, sempre e senza eccezione alcuna, nell'esercizio e fuori dall'esercizio delle proprie funzioni".
  • tribunale di trani
Altri contenuti a tema
Riccardo Giorgino eletto nuovo presidente dell'AIGA sezione di Trani Riccardo Giorgino eletto nuovo presidente dell'AIGA sezione di Trani Subentra a Tiziana Carabellese
Disastro Ferrotramviaria: la Regione Puglia citata come responsabile civile Disastro Ferrotramviaria: la Regione Puglia citata come responsabile civile Il nuovo collegio conferma la decisione precedente e la esclude dalle parti civili, prossima udienza il 18 settembre
Tragedia ferroviaria del 2016: sostituito il collegio giudicante del processo a Trani Tragedia ferroviaria del 2016: sostituito il collegio giudicante del processo a Trani Tra i motivi “l’irrituale e illegittima” anticipazione del giudizio sul conto della Ferrotramviaria definita “inaffidabile” dal precedente collegio
L'ex pm Savasta rimosso dalla magistratura mentre l'ex procuratore tranese Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio L'ex pm Savasta rimosso dalla magistratura mentre l'ex procuratore tranese Capristo nel registro degli indagati per abuso di ufficio Al centro la vicenda per l'ex capo della Procura, l'esposto anonimo sul presunto complotto contro l'Eni recapitato alle procure di Trani e Siracusa
Il 4 luglio 2019 nell'aula bunker di Trani saranno resi noti i nuovi giudici della strage ferroviaria del 12 luglio Il 4 luglio 2019 nell'aula bunker di Trani saranno resi noti i nuovi giudici della strage ferroviaria del 12 luglio Anna Aloysi, presidente"Associazione Anna Aloysi incidente ferroviario Andria Corato 12 luglio 2016"
Ad Andria un processo contro la mafia, è una simulazione per non dimenticare le vittime Ad Andria un processo contro la mafia, è una simulazione per non dimenticare le vittime Iniziativa del Forum dei Giovani con gli studenti delle scuole superiori
Disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A imputata nel processo Disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A imputata nel processo Si tratta di una innovativa decisione del Tribunale di Trani che farà certamente discutere
Rissa nel carcere di Borgo San Nicola, assolto un 44enne di Andria Rissa nel carcere di Borgo San Nicola, assolto un 44enne di Andria È arrivato il verdetto, il fatto non sussiste
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.