Tar Puglia
Tar Puglia
Cronaca

Sequestrata, stordita e violentata: 38enne di Andria condannato a 5 anni e 4 mesi

L'uomo avrebbe adescato una ragazza, di Molfetta, all'uscita di una scuola. Prima il mix di alcol e droga, poi la violenza shock

È arrivato il verdetto nella vicenda giudiziaria che vedeva sott'accusa un 38enne di Andria, ritenuto responsabile di aver abusato sessualmente di una minorenne, originaria di Molfetta, dopo averla stordita con un mix di alcol e droga e violentata, mentre la vittima «esprimeva il proprio dissenso», ed è stato di colpevolezza.

La condanna, impartita dal giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Trani, Lucia Anna Altamura, al termine del processo di primo grado celebrato con la formula del rito abbreviato condizionato ad una perizia psichiatrica dell'imputato, a cui è stata riconosciuta «la diminuente per il vizio parziale di mente», è stata di 5 anni e 4 mesi di reclusione contro i 6 richiesti dall'accusa, rappresentata dal pubblico ministero della Procura della Repubblica di Trani, Roberta Moramarco.

L'uomo, inoltre, che rispondeva di sequestro di persona ai danni della minore, violenza sessuale aggravata per avere abusato dell'inferiorità fisica e psichica della ragazza, dall'uso di sostanze alcoliche e stupefacenti, cessione di stupefacenti e attualmente ristretto ai domiciliari, è stato condannato all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e al risarcimento dei danni in separata sede nei confronti delle parti civili della presunta vittima, rappresentate dall'avvocato Maurizio Altomare.

Stando all'inchiesta, il 29 gennaio 2022, l'uomo avrebbe «adescato la minore, promettendole che l'avrebbe portata a Bari». Così, dopo avere carpito la sua fiducia, l'avrebbe convinta «a recarsi in un'abitazione» abusando di lei. L'attività è partite dalla denuncia della minore che, in ospedale, ha riferito di essere stata violentata senza, però, sapere chi fosse l'autore. Il resto l'hanno fatto le immagini di videosorveglianza visionate dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Andria.

In particolar modo, fondamentali sono state le telecamere installate nei pressi della scuola, dove sarebbe accaduto l'incontro tra la giovane, affetta da «disabilità intellettiva di grado moderato» e il suo presunto stupratore. Lo stupro sarebbe avvenuto in una casa rurale, dove la minorenne sarebbe stata «privata della libertà personale», intontita con «tre birre» e «una canna di hashish»: l'uomo le avrebbe ceduto altro hashish e le avrebbe fatto assumere una «pillola per il mal di testa».

Infine, «dopo averla stordita con l'uso delle predette sostanze, abusando delle sue condizioni di inferiorità fisica o psichica al momento del fatto, la costringeva o quantomeno la induceva a subire atti sessuali, mentre la ragazza esprimeva il proprio dissenso e restava inerme». Le motivazioni della sentenza entro 90 giorni.
  • violenza sulle donne
  • tribunale di trani
  • Questura Andria
  • Polizia di Stato Andria
Altri contenuti a tema
Il Benvenuto del Presidente della Provincia BAT al nuovo Questore di Barletta Andria Trani Il Benvenuto del Presidente della Provincia BAT al nuovo Questore di Barletta Andria Trani "Apprezzato molto che nel suo primo intervento, abbia auspicato un forte senso di collaborazione da parte dei cittadini e delle istituzioni"
Gli auguri di buon lavoro al Questore Fabbrocini dalla CGIL Bat e dalla consigliera regionale Di Bari Gli auguri di buon lavoro al Questore Fabbrocini dalla CGIL Bat e dalla consigliera regionale Di Bari Nel giorno del suo insediamento ad Andria
Il nuovo questore della Bat Alfredo Fabbrocini si presenta Il nuovo questore della Bat Alfredo Fabbrocini si presenta Questa mattina in questura ad Andria l’incontro con i giornalisti del territorio
Andria: rubata auto di servizio alle Poste Italiane dell'agenzia di via Barletta Andria: rubata auto di servizio alle Poste Italiane dell'agenzia di via Barletta Ricerche in corso da parte delle Forze dell'ordine
Il Dr. Claudio Spadaro nuovo dirigente del Commissariato P.S. di Cerignola Il Dr. Claudio Spadaro nuovo dirigente del Commissariato P.S. di Cerignola Lascia la Bat, dov'era giunto nel 2022, quale responsabile del Commissariato P.S. di Trani
Il messaggio di saluto del Sindaco Giovanna Bruno al nuovo Questore Fabbrocini Il messaggio di saluto del Sindaco Giovanna Bruno al nuovo Questore Fabbrocini "Offro al dott. Fabbrocini la mia personale e istituzionale collaborazione", sottolinea il Primo cittadino
Sen. Damiani (FI): "Auguri di buon lavoro al Questore Fabbrocini. Assicuro piena collaborazione istituzionale" Sen. Damiani (FI): "Auguri di buon lavoro al Questore Fabbrocini. Assicuro piena collaborazione istituzionale" Intervento del senatore di Forza Italia Dario Damiani sul nuovo incarico al vertice della Questura Bat
Questura di Andria, SAP Bat. "Al Questore che verrà, alle tante problematiche ed alle questioni irrisolte presenti" Questura di Andria, SAP Bat. "Al Questore che verrà, alle tante problematiche ed alle questioni irrisolte presenti" Lettera aperta al dottor Alfredo Fabbrocini, su vicende legate ad una migliore assegnazione del personale di Polizia
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.