Profilo AndriaSpia

Oh quante belle figlie, Madama Dorè...

Le quote rosa, queste sconosciute

Non servono studi antropologici, né approfondimenti sociologici per rilevare che nel gruppo ANDRIASPIA la presenza delle donne nelle discussioni più animate sia quasi del tutto assente. In passato abbiamo anche avvistato delle partecipanti attive, stimolanti, con un piglio determinato e dai toni vulcanici, delle vere garibaldine, ma come meteore sembrano sparite misteriosamente.

Coerenti con un'eredità tutta votata ai valori del maschio latino e figli di una città che porta ancora nel suo DNA i geni di una cultura agreste e cafona, la nostra Eva fatica a ritagliarsi degli spazi. D'altro canto, gli Andriesi, pronipoti di una mentalità atavica, rampolli che affondano le loro radici culturali in quell'archetipo di virilità italica, i figli di mammà insomma, i bamboccioni, i choosy, non concedono grandi alternative alle loro colleghe. Una conferma di questo pensiero radicale ed arcaico è la limitatissima percentuale delle donne impegnate in politica anche nella nostra città, con un consiglio comunale che conta solo due consigliere ed una sola assessora.

La stessa scarsissima percentuale di quote rosa si riscontra anche in altri contesti; vi invito a verificare come, nelle discussioni e negli aggiornamenti quotidiani, l'addetto stampa di turno di un partito o di una coalizione, il politico, l'intellettuale, il giornalista, magari anche involontariamente, tendano a trascurare nei propri forum la presenza femminile: se deste un'occhiata alla lista dei nomi inseriti nel tag, inizialmente avreste la sensazione di scorgere la formazione di una squadra di rugby (tutti maschi). Solo dopo attenta e scrupolosa indagine, rileggendo pazientemente l'elenco vi accorgereste, forse, di un'unica testimonianza in rosa, probabilmente un'anima pia (l'esperimento non è comunque garantito).

In questi giorni, la stessa consuetudine al machismo intellettuale si perpetua ancora più marcatamente nelle vicende nazionali, infatti, nella lista dei Saggi del Presidente della Repubblica non è inserito neppure un nome di una donna. Una domanda sorge spontanea: ma siamo sicuri che le donne si siano emancipate definitivamente nella testa degli uomini?

- Oh quante belle figlie, Madama Dorè,
oh quante belle figlie.
- Son belle e me le tengo, Scudiero del re,
son belle e me le tengo.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.