giovanna bruno
giovanna bruno
Politica

Post consiglio comunale, Avv. Bruno (Pd): "La città merita finalmente di leggere la parola fine"

L'esponente di Progetto Andria-Pd chiede una pronta e decisiva risoluzione dell'attuale consigliatura

In quella che si annuncia una settimana cruciale per la maggioranza di centro destra a Palazzo di Città, ecco l'ennesimo commento politico circa quanto accaduto nel corso dell'ultimo consiglio comunale, da parte dell'esponente di Progetto Andria e Presidente provinciale del Pd, il consigliere comunale e provinciale, avv. Giovanna Bruno.

"Pesante caduta di stile dell'amministrazione Giorgino in consiglio comunale: dopo aver approvato il DUP con 15 voti favorevoli e 3 astensioni (Marmo, Lorusso e Nespoli), quindi dopo aver acclarato di non avere i numeri utili a licenziare il bilancio di previsione, per la cui approvazione è richiesta la maggioranza 'speciale' di 17 voti favorevoli, il centro-destra giorginiano chiede la sospensione dei lavori consigliari per 10 minuti (che poi diventano 33 circa) e, una volta tornato in aula su nostra pressione, pur di non avviare la discussione sul bilancio preventivo, chiede l'anticipazione della delibera di regolamento del contenzioso tributario, motivandola con l'urgenza! E dov'era l'urgenza, visto che l'assessore, con fare irriverente, si è attardato a leggere parola per parola il regolamento sotteso alla delibera, pur di perdere tempo e far decorrere la mezzanotte (tempo utile per avviare la discussione sul bilancio di previsione)? È stata una vergogna. Una mancanza di rispetto assoluto per la città.

Tanto più che a fare tutti questi giochetti -prosegue il consigliere Giovanna Bruno- non è stato direttamente il sindaco, che ha pensato bene di non ripresentarsi più in aula dopo la sospensione, senza alcuna giustificazione, ma i suoi faccendieri, tutti presi dal mandarsi messaggi sul cosa fare. Davvero una caduta di stile, che non è finita qui. Infatti la delibera anticipata, è stata in ultimo finanche ritirata dall'assessore (con la contrarietà dell'ufficio che l'ha proposta), dopo essersi reso conto che nessuno della maggioranza l'avrebbe votata, quindi nemmeno gli stessi giorginiani della prima e dell'ultima ora. Insomma, una figura evitabile, se solo si fosse avuto il coraggio di prendere atto che una maggioranza politica non esiste più (questo è!) è che la città merita finalmente di leggere la parola fine su questo copione triste che va in scena da 9 anni a questa parte. Non c'è molto da pensare: o il sindaco si dimette (come ha sempre garantito che avrebbe fatto qualora avesse verificato di non avere più i numeri per governare), o la maggioranza critica gli boccia il bilancio (quando, tra venti giorni, dopo la diffida del prefetto, si tornerà in aula), oppure i dissidenti di maggioranza uniscono le loro firme alle nostre, per sfiduciare il primo cittadino. Non c'è altro. Speriamo ci venga risparmiata la solita tiritera di rimpasto di giunta o di promesse e falsi accordi per accontentare qualcuno e ricomporre un quadro amministrativo che, numeri alla mano, ha cessato di esistere. Andria merita altro. In primis una classe politica capace di affrontare e risolvere, pian pianino, i tanti problemi creati in 9 anni di governo Giorgino", conclude la sua nota l'avv. Giovanna Bruno.
  • Comune di Andria
  • giovanna bruno
  • partito democratico andria
  • Pd
  • Consiglio comunale
Altri contenuti a tema
Villa Comunale “G. Marano”: divieto di transito per tutte le biciclette elettriche Villa Comunale “G. Marano”: divieto di transito per tutte le biciclette elettriche Il Commissario prefettizio Tufariello ha emanato apposita ordinanza per i velocipedi a pedalata assistita e a trazione elettrica
Uffici comunali chiusi il 16 agosto, il Giudice di Pace il 17 agosto Uffici comunali chiusi il 16 agosto, il Giudice di Pace il 17 agosto Eccezione dei servizi pubblici essenziali ed i servizi in turnazione
Mercato ortofrutticolo, Montaruli (Unimpresa Bat): "Nessuno tocchi la gestione pubblica di un patrimonio della città" Mercato ortofrutticolo, Montaruli (Unimpresa Bat): "Nessuno tocchi la gestione pubblica di un patrimonio della città" A Settembre si dovrà decidere del futuro della struttura dell'ortofrutta situata su via Barletta
Ha origini andriesi il nuovo ambasciatore d’Italia in Uruguay: Giovanni Battista Iannuzzi Ha origini andriesi il nuovo ambasciatore d’Italia in Uruguay: Giovanni Battista Iannuzzi Nei giorni scorsi la nomina da parte del Ministero degli Esteri
Corallo, Unione Sindacale di Base: "AndriaMultiservice quale futuro?" Corallo, Unione Sindacale di Base: "AndriaMultiservice quale futuro?" "Aprire, subito, un tavolo di confronto sul rinnovo dei contratti che vada oltre il già penalizzante "piano di rientro" del Comune"
"Scuole Sicure": firmato in Prefettura protocollo per far giungere ad Andria oltre 43mila euro "Scuole Sicure": firmato in Prefettura protocollo per far giungere ad Andria oltre 43mila euro I finanziamenti giungeranno per l'a.s. 2019/2020 e serviranno per videosorveglianza, straordinario per la Polizia Locale etc. etc.
Il Comune di Andria partecipi a "Open Call - Street Art", lo chiede "Andria Bene in Comune" ai Commissari prefettizi Il Comune di Andria partecipi a "Open Call - Street Art", lo chiede "Andria Bene in Comune" ai Commissari prefettizi Richiesta rivolta al subcommissario del Comune di Andria Mariella Porro ed al Commissario Tufariello
Gino Piccolo: “E’ l’ora della Fraternità e dell’Unità” Gino Piccolo: “E’ l’ora della Fraternità e dell’Unità” Una attenta riflessione sociale e politica dal referente del centro "Igino Giordani" di Andria
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.