Comune di Andria
Comune di Andria
Politica

Piano di riequilibrio finanziario, Unimpresa Bat: "La preoccupazione del mondo delle imprese"

Sono numerose le associazioni cittadine che attendono di conoscere i dettagli di questa manovra

Si attende con impazienza di conoscere i contenuti del piano di riequilibrio. Numerosi sodalizi ma più in generale l'opinione pubblica sono in attesa di conoscere la manovra finanziaria che dovrà consentire al Comune di Andria di risollevarsi dalla grave crisi economica che lo attanaglia. Unimpresa Bat, per il tramite del suo presidente Savino Montaruli è intervenuta sulla attualissima vicenda.

"Comune chiuso, finestre accese. Così si presentava Palazzo San Francesco la sera di domenica 18 novembre 2018. I consiglieri comunali che arrivavano in ordine sparso ed anche con oltre trenta minuti di ritardo sull'orario fatidico delle 18,30. Qualcuno ha disertato l'incontro ma le facce dei presenti parlavano chiaro e manifestavano tutta la preoccupazione per quella loro firma, quella loro alzata di mano in un consiglio comunale che potrebbe decretare un futuro disastroso per i cittadini andriesi.
La preoccupazione per i contenuti del Piano di Riequilibrio Finanziario da sottoporre all'approvazione della spietata Corte dei Conti aumenta di ora in ora. In città l'argomento è in primo piano e se ne parla ovunque.

Il pomeriggio di lunedì 19 novembre 2018 se ne è discusso anche presso la sede dell'Associazione di Categoria Unimpresa Bat, ad Andria, in un incontro allargato anche a molte realtà associative locali, presenti e molto preoccupate per ciò che accadrà fra qualche giorno.
L'Associazione degli Imprenditori , anche questa volta, è la prima e forse anche questa volta resterà l'unica ad aver preso l'iniziativa".

La relazione è stata affidata al Presidente del Sodalizio, signor Savino Montaruli, il quale dopo l'analisi ha dichiarato: "il mondo delle imprese cittadino sarà fortemente penalizzato dalle decisioni delle prossime ore. Già il taglio dei servizi primari, come la mensa pubblica e l'aumento dei costi per la scuola, ha prodotto un'evidente preoccupazione, anche psicologica, nelle famiglie che si sentono meno sicure delle loro capacità di spesa e riversano queste restrizioni direttamente sui consumi. Come Associazione che rappresenta a livello pugliese una importantissima quota di imprese abbiamo già vissuto l'esperienza della città di Andria in altre città e le conseguenze sono state drammatiche. Emblematico il caso del comune di Mola di Bari, poi giustamente commissariato, dove i tributi e le tasse locali sono aumentate a dismisura portando, per esempio, gli ambulanti del mercato a pagare il canone posteggio più alto d'Italia; oltre mille euro al mese mentre ad Andria, ad esempio, oggi i 540 ambulanti del mercato non pagano un solo euro e potrebbero essere i primi a dover sborsare queste somme anche nella città federiciana. Una reazione a catena che si riverserebbe sulle famiglie, sui consumi e sugli stessi imprenditori che già stanno ponendo in essere un progressivo abbandono dell'interesse commerciale per la città di Andria, anche dopo le diffide, le denunce e le drammatiche conseguenze derivanti da una gestione paradossale ed assurda della vicenda Dehors che ancora non trova soluzione, senza parlare delle somme astronomiche che i negozi ed i pubblici esercizi pagano per la tassa rifiuti, nonostante la raccolta differenziata. Canoni tra i più alti d'Italia che superano molte migliaia di euro l'anno per superfici minime e standard. L'assenza di un Piano del Commercio, con quello vigente scaduto ed assolutamente inappropriato; l'assenza del Documento Strategico del Commercio, unitamente a politiche ambientali disastrose e politiche del lavoro che pongono la città all'ultimo posto nella recentissima classifica di Italia Oggi, accanto agli ultimissimi posti certificati per le Politiche del Turismo e lo Stato Sociale fanno di Andria una città irrecuperabile portata alla deriva dalle non scelte e soprattutto da un disinteresse che, coniugato con incompetenza ed assoluto scollamento dalla realtà, hanno determinato condizioni che peseranno moltissimo, alimentando, peraltro, quel flusso di abbandono del territorio da parte dei giovani che non vi fanno più ritorno."

"Una relazione dunque molto dettagliata e circostanziata che il Componente effettivo eletto della prima, terza e quarta Consulta comunale, Savino Montaruli, ha contenuto in oltre un'ora di rappresentazione. Tra le Associazioni che hanno preso parte all'incontro anche gli Agricoltori aderenti al C.L.A.A. i quali già da giorni stanno tenendo incontri tematici per la preoccupante situazione del mercato delle olive e dell'olio con conseguenze ancor più pesanti sull'economia cittadina e con una bomba sociale pronta a scoppiare in qualunque momento. La città di Andria dunque ad un punto di svolta con un assordante silenzio che persiste da parte di Associazioni e Polisindacati, Ordini Professionali, mondo della Politica e soprattutto da parte di chi ha preso senza dare cioè quei politici che si sono abbuffati di voti non meritati e che fra qualche giorno apporranno le loro firme su quel documento che porterà sicuramente la città allo stremo definitivo. Molti quella firma non la metteranno, non alzeranno quella manina di consenso, non berranno quest'altra damigiana di aceto e forse quel Piano di Riequilibrio Finanziario non arriverà neppure sulla scrivania del Giudice della Corte dei Conti che decreterà il definitivo ed irreversibile dissesto finanziario della Città Fidelis che fu. Intanto il giorno 27 novembre si discute la causa della ex Dirigente del Settore Finanziario dott.ssa Fornelli. Un'altra tegola che potrebbe definitivamente abbattersi su Palazzo San Francesco", conclude la nota di Unimpresa Bat.
  • Comune di Andria
  • unimpresa bat
  • Consiglio comunale
  • giunta comunale
Altri contenuti a tema
Andria si aggiudica un posto tra le "Capitali d'Italia", ecco tutti i protagonisti Andria si aggiudica un posto tra le "Capitali d'Italia", ecco tutti i protagonisti Ieri sera su Marcopolo tv é andata in onda la puntata tanto attesa
Mercato del lunedì, ass. Matera: "Disponibili a ricercare soluzioni" Mercato del lunedì, ass. Matera: "Disponibili a ricercare soluzioni" Proficuo incontro presso le associazioni Unimpresa bat e CasAmbulanti
Discarica ex Fratelli Acquaviva, Assessore Luigi Del Giudice:  "Nessuna discarica"   Discarica ex Fratelli Acquaviva, Assessore Luigi Del Giudice: "Nessuna discarica"   Il delegato all'Ambiente assicura che non vi è alcun provvedimento in atto e che comunque "Andria non è disposta ad accettare compromessi"
Contrasto evasione tributi: intesa tra Comune, Fiamme Gialle e Agenzia delle Entrate Contrasto evasione tributi: intesa tra Comune, Fiamme Gialle e Agenzia delle Entrate Oltre al coordinamento tra le varie istituzioni, l'intesa è diretta alla prevenzione dell'evasione fiscale
Arriva ad Andria il "festival del cioccolato". Tre gli appuntamenti Arriva ad Andria il "festival del cioccolato". Tre gli appuntamenti Previsti per i giorni 8, 9 e 10 marzo dalle ore 10.00 alle ore 22.00, in piazza Catuma
"Finché sarò sindaco non ci sarà nessuna nuova discarica" "Finché sarò sindaco non ci sarà nessuna nuova discarica" Nicola Giorgino chiarisce la vicenda sulla paventata apertura di una nuova discarica ad Andria
Andria “Capitale d’Italia” questa sera su Marcopolo tv Andria “Capitale d’Italia” questa sera su Marcopolo tv Canale 222 del Digitale Terrestre, ore 21.10
Andria, Barletta, Bisceglie e Trani insieme contro gli sprechi alimentari e farmaceutici Andria, Barletta, Bisceglie e Trani insieme contro gli sprechi alimentari e farmaceutici Venerdì 15 febbraio la presentazione del bando regionale
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.