Panorama di Andria
Panorama di Andria
Attualità

Inquinamento ad Andria: nuovi interventi per il Movimento Consumatori, Onda d'Urto e Legambiente Andria

Sulle condizioni della salute pubblica ad Andria molti gli interrogativi che attendono ancora risposte

Negli ultimi giorni, dobbiamo registrare nuove prese di posizione da parte di associazioni circa lo stato di salute nella nostra città.

Dai rispettivi profili fb, riportiamo l'intervento della responsabile del Movimento Consumatori ad Andria, Mariella Inchingolo, circa la vicenda della questione falda, che ha avuto inizio dalla situazione d'inquinamento in cui si trova il pozzo n.4 situato in via vecchia Barletta,

"Molti cittadini ci stanno interpellando su una questione di salute pubblica che non preoccupa solo i medici e i volontari di alcune associazioni civiche ma ciascun consumatore consapevole.
La qualità del cibo è un piacere al quale ciascuno di noi ha diritto, se poi parliamo di sicurezza alimentare aggiungiamo che è un dovere dei produttori e di chi è deputato alla sorveglianza igienico-sanitaria garantirne il soddisfacimento del controllo puntuale e continuativo.
E' notizia recente di una inchiesta giudiziaria scaturita dalla denuncia di un cittadino che ha evidenziato, previe analisi chimico-tossicologiche molto accurate, la presenza di sostanze chimiche tossiche e addirittura cancerogene presenti nell'acqua attinta dalla falda acquifera per il tramite del pozzo artesiano insistente nella proprietà privata.
E' osservazione perfino banale considerare che l'acqua delle falde venga attinta attraverso i pozzi artesiani dai contadini ed utilizzata a scopo irriguo.
Poiché il territorio agro-alimentare di Andria è molto vasto e i pozzi artesiani sono numerosi, ci chiediamo se sia stata fatta una valutazione della qualità delle acque nei pozzi artesiani medesimi, se siano stati informati i contadini, se vengano effettuati controlli sui residui di sostanze chimiche presenti nei prodotti agricoli coltivati nelle zone a valle del pozzo da cui è iniziata l'indagine.
Il Movimento Consumatori ha a cuore la qualità del cibo e soprattutto la salute dei cittadini che incolpevolmente dovessero trovarsi a consumare alimenti a sospetto avvelenamento da sostanze nocive.
A tal proposito vorremmo sapere anche quali siano gli interventi e le azioni che si intendono mettere in moto per evitare che il cibo esposto ai gas di scarico dei veicoli circolanti in città sia commercializzato senza nessun tipo di argine se non sporadici interventi che vengono immediatamente elusi.
Il motivo è sempre lo stesso: la qualità del cibo significa qualità della salute dei consumatori", conclude la nota di Mariella Inchingolo


E intanto è di queste ore la nuova nota di Onda d'Urto e di Legambiente Andria che "mercoledì 31 ottobre, visto l'immobilismo generale, è stata inviata tramite posta certificata a firma del Circolo Legambiente di Andria e di Onda d'Urto uniti contro il cancro, ad Arpa Puglia, Regione Puglia, ASL BAT, Provincia BAT, Comune di Andria e per conoscenza ai consiglieri Regionali andriesi, una nota con il seguente oggetto:
"Contaminazione da Cloruro di vinile e Tetracloroetilene delle acque di falda nell'ambito del territorio di Andria. Accertamento delle responsabilità della contaminazione ed analisi di rischi sanitari ed ambietali. Attendiamo risposte".
  • difesa consumatori
  • onda d'urto
Altri contenuti a tema
Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti: conferenza stampa all'Officina S.Domenico Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti: conferenza stampa all'Officina S.Domenico In programma quattro appuntamenti, a partire da lunedi 19 Novembre
Onda d'Urto, le rassicurazioni dopo l'allarme: «Ospedale, non è amianto ma solo materiale inerte» Onda d'Urto, le rassicurazioni dopo l'allarme: «Ospedale, non è amianto ma solo materiale inerte» La nuova comunicazione del presidente Antonio Tragno circa le lastre sospette al "Lorenzo Bonomo" di Andria
L'appello di Onda d'Urto: «Bonifica dell’amianto subito» L'appello di Onda d'Urto: «Bonifica dell’amianto subito» Il presidente Antonio Tragno: «Parliamo di prevenzione e di Profilo di salute ma non ci ascoltano»
1 Di Renzo (Onda d'Urto): "Verificare la salubrità della falda acquifera che interessa la zona di via vecchia Barletta" Di Renzo (Onda d'Urto): "Verificare la salubrità della falda acquifera che interessa la zona di via vecchia Barletta" Lettera aperta rivolta ai vertici della Civica Amministrazione e dell'Ufficio Ambiente
Onda d'Urto in dialogo con il dott. Riccardo Matera, direttore del Dipartimento di malattie infettive Onda d'Urto in dialogo con il dott. Riccardo Matera, direttore del Dipartimento di malattie infettive Obiettivo del progetto è proteggere ogni individuo ciascuno da agenti patogeni
"Onda d'Urto Onlus" nuovo sponsor sociale della Florigel Andria "Onda d'Urto Onlus" nuovo sponsor sociale della Florigel Andria Le nuove divise ufficiali con il logo dell'associazione saranno indossate a partire dalla gara casalinga contro il Just Mola
Acque contaminate ad Andria, Onda d’Urto cerca di far chiarezza Acque contaminate ad Andria, Onda d’Urto cerca di far chiarezza Contro l’inquinamento della città, questa volta l’allarmismo riguarda alcune fonti d’acqua sotterranee
Potabilità pozzo n.4 delle Regione, Onda d'Urto vuole vederci chiaro Potabilità pozzo n.4 delle Regione, Onda d'Urto vuole vederci chiaro Le analisi effettuate hanno dato esito positivo per la presenza di sostanze nocive, addirittura cancerogene
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.