Test coronavirus
Test coronavirus
Vita di città

Covid-19, D’Alberto: “Una campagna di test rapidi come in Alto Adige”

Il segretario generale della Cgil Bat lancia la proposta alla Regione Puglia

"Così si potrà avere una maggiore contezza della fetta di popolazione positiva al Covid-19 anche nel nostro territorio". Questa è la motivazione alla base dell'idea che lancia il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D'Alberto, alla Regione Puglia impegnata nella gestione della seconda ondata dell'emergenza sanitaria, ovvero una campagna di test rapidi come in Alto Adige.

"Lo screening di massa, così come fatto dagli altoatesini, potrebbe essere reso facoltativo anche nella Bat e permetterebbe di stanare gli eventuali positivi asintomatici. La nostra provincia conta circa 400mila abitanti, se anche la metà dovesse decidere di sottoporsi al test rapido, si riuscirebbe nel giro di pochi giorni a mappare una buona fetta di territorio e intervenire subito stanando coloro che inconsapevolmente purtroppo potrebbero infettare soprattutto la popolazione più fragile, come quella anziana. I tamponi a tappeto potrebbero essere effettuati in ciascuno dei dieci comuni della Bat, dove per alcuni giorni potrebbero essere installate postazioni per i test. Così a stretto giro si raggiungerebbe un interessante obiettivo: in Alto Adige, per esempio, apprendiamo dalla stampa, che con questa modalità sono stati individuati oltre 3mila asintomatici che ora si trovano in quarantena. Riteniamo che questa possa essere una buona pratica e chiediamo alla Regione di prenderla in considerazione, potrebbe in territori maggiormente colpiti, come la Bat, essere una strategia per raffreddare la curva del contagio", spiega D'Alberto.
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1651 contenuti
Altri contenuti a tema
Piano per la ripartenza della scuola in sicurezza: la Regione detta le linee guida Piano per la ripartenza della scuola in sicurezza: la Regione detta le linee guida Dodici punti fondamentali. La Giunta ha stabilito che l'avvio del Piano è dal 1° febbraio 2021
Covid, nella Bat 124 nuovi casi sui 1.233 totali in Puglia Covid, nella Bat 124 nuovi casi sui 1.233 totali in Puglia Nel bollettino odierno registrati anche 30 decessi
Il Covid sposta le nozze e getta il settore in crisi: "Serve distretto del wedding" Il Covid sposta le nozze e getta il settore in crisi: "Serve distretto del wedding" La proposta è della consigliera regionale del M5S Antonella Laricchia
Vaccini anti Covid, partono le verifiche della Regione Puglia sulle somministrazioni Vaccini anti Covid, partono le verifiche della Regione Puglia sulle somministrazioni Il governatore Emiliano ha incaricato gli ispettori del NIRS, Nucleo ispettivo regionale sanitario
Covid-19, negli ospedali di Puglia occupato il 37% dei posti in Terapia Intensiva Covid-19, negli ospedali di Puglia occupato il 37% dei posti in Terapia Intensiva Superata dunque la “soglia critica” fissata dal Ministero della Salute al 30%
Covid, in Puglia 995 casi su oltre 11mila tamponi. Nella Bat 82 positivi Covid, in Puglia 995 casi su oltre 11mila tamponi. Nella Bat 82 positivi Nel bollettino odierno registrati purtroppo 30 decessi, di cui 4 nella sesta provincia
Covid-19, migliora la situazione ad Andria: 474 positivi Covid-19, migliora la situazione ad Andria: 474 positivi Il dato lo comunica la Sindaca che però invita sempre a non abbassare la guardia
Covid-19: 401 nuovi positivi ma meno di 4mila test analizzati Covid-19: 401 nuovi positivi ma meno di 4mila test analizzati Ci sono 32 decessi in Puglia. Nella Bat si registrano 21 nuovi contagi e 4 decessi
© 2001-2021 AndriaViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.