Rilevazioni campi elettromagnetici Andria
Rilevazioni campi elettromagnetici Andria
Cronaca

Campi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centro

Monitoraggio ed attenzione per una città senza regolamentazione in materia. Presidenza del Consiglio e Regione Puglia spingono per una più uniforme distribuzione

Nessun allarmismo ma monitoraggio ed attenzione: è questo il senso di una ricerca approfondita tra i campi elettromagnetici nella Città di Andria. Antenne, ripetitori, piccoli e grandi impianti, tecnologia avanzata e vetusta: è il quadro di una città che non ha un Regolamento per l'istallazione ed il controllo di questi strumenti tecnologici che ci permettono di telefonare o navigare sulla rete web ad alta velocità ma che, probabilmente, possono anche dar fastidio alla salute umana. Il probabilmente è sopratutto perchè non è ancora accertato da parte della scienza la completa relazione tra campi elettromagnetici e malattie tumorali, ma resta evidente che una concausa di fattori può scatenare patologie.

Ed allora sul campo per mappare la città con le rilevazioni assieme all'Ing. Antonio Mastrodonato ed il misuratore utilizzato per questo tipo di analisi. La partenza d'obbligo dal centro cittadino: i valori in tutta la zona attorno a Piazza Trieste e Trento risultano esser costantemente oltre i 3 volt su metro con picchi, tra via Napoli e via Firenze di 3,8. In via Vespucci, invece, rivolti verso la piazza i valori restano costanti sui 3,2 con picchi di 3,5. Se ci si rivolge verso Palazzo di Città, invece, i valori scendono di poco attestandosi sui 2,7 volt su metro.

Soltanto numeri, come numeri sono quelli che la legge prevede siano dannosi per la salute: il decreto del Presidente del Consiglio dell'8 luglio 2003 «Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici», fissa due parametri importanti: se un luogo vedrà esposte persone per più di 4 ore consecutive, il valore massimo deve essere nei limiti dei 6 volt su metro, mentre per i luoghi nei quali la presenza umana è inferiore alle 4 ore, il limite può esser superato. Ma a questo si è aggiunta nel 2006, la legge regionale della Puglia (n. 14 del 14/09/2006) che ha regolamentato una legge già impostata ben quattro anni prima sulle «Norme transitorie per la tutela dell'inquinamento elettromagnetico prodotto da sistemi di telecomunicazioni e radiotelevisivi operanti nell'intervallo di frequenze tra 0Hz e 300GHz». La legge regionale cerca di uniformare le procedure autorizzatorie degli enti in questa materia. In particolare si richiede, negli obbiettivi di qualità, di perseguire in massimo grado «l'obiettivo di minimizzare e di rendere uniforme sul territorio l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici». In più la stessa Regione abbassa l'ipotetico limite già ai 4,5 volt su metro e l'ARPA Puglia consiglia ai comuni di non superare i 3 volt su metro nelle autorizzazioni congiunte.

Ma Andria ha delle profonde diversità: su via Castel del Monte, per esempio, la rilevazione ha fornito 1,40 volt su metro come valore medio. In zona presenti antenne ma sopratutto la centrale elettrica che passa, con i suoi grandi cavi rialzati qualche anno fa, su di un asilo. Spostandoci in via Trani, accanto all'ITIS «Jannuzzi», valori pressocchè simili senza grandi variazioni come nella zona di via Asiago, negli scorsi mesi al centro di molte polemiche. Le rilevazioni danno un valore compreso tra 1,30 e 1,50 volt su metro. Ma su uno dei palazzi di quella via non vi è più un'antenna di telefonia che ha sicuramente diminuito l'esposizione in zona. Il centro città, dunque, è quello con il più alto tasso d'esposizione: le cause possono esser molteplici ed oltre alla presenza di antenne di telefonia anche mascherate da camini, vi sono le potenti antenne di trasmissione della Polizia Municipale e della Guardia di Finanza nonchè una vecchia antenna di una radio locale probabilmente ancora in uso.

Il Comune di Andria non ha un proprio piano di regolamentazione ma, proprio nella legge regionale n. 14, è specificato che gli enti comunali dovrebbero dotarsene. I piani, infatti, perseguono la realizzazione del principio di precauzione contemplato dall'art. 174 del Trattato UE e dei relativi corollari A.L.A.R.A. ed A.L.A.T.A. intervenendo sulle scelte tecnologiche e su quelle localizzative al fine di assicurare il minor grado possibile di impatto degli impianti. Una più uniforme distribuzione dei campi elettromagnetici in città sarebbe un buon modo per combattere una tipologia di inquinamento ambientale, sopratutto se si è nei pressi di strutture con persone sensibili.
4 fotoCampi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centro
Campi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centroCampi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centroCampi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centroCampi elettromagnetici: rilevazioni «alte» in centro
Carico il lettore video...
  • news andria
  • campo elettromagnetico
  • inquinamento andria
  • inchiesta andriaviva
Altri contenuti a tema
Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Andria, concluso il primo ciclo delle rilevazioni sulla qualità dell'ambiente Promosso dal Forum Ambiente e Salute "Ricorda Rispetta" ha visto impegnati gli studenti dell'IPSIA Archimede di Andria
Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Andria, che aria respiriamo? Partite le rilevazioni del Forum "Ricorda Rispetta" degli inquinanti aerodispersi Un monitoraggio sarà effettuato dagli studenti dell'IPSIA per tutto il periodo delle festività natalizie
Lavori stradali su via Bari, serpentone di auto nelle vie adiacenti: "Qui nella zona l'aria è irrespirabile" Lavori stradali su via Bari, serpentone di auto nelle vie adiacenti: "Qui nella zona l'aria è irrespirabile" Manca il buon senso da parte di tanti cittadini, che potrebbero fare a meno di adoperare le autovetture
Svolta green della Regione, finanziamenti solo per l’acquisto di scuolabus a zero emissioni Svolta green della Regione, finanziamenti solo per l’acquisto di scuolabus a zero emissioni Gli acquisti dal 2022 solo con alimentazione elettrica, per un trasporto scolastico sostenibile
Al via la manutenzione degli impianti fotovoltaici comunali ed il monitoraggio dell'aria in città Al via la manutenzione degli impianti fotovoltaici comunali ed il monitoraggio dell'aria in città Il gruppo consiliare M5S Andria invita il Comune ad adoperarsi anche per misurazioni del livello acustico e l'elettromagnetismo
Interventi anti inquinamento: la Regione destina alle province € 3 mln Interventi anti inquinamento: la Regione destina alle province € 3 mln Il finanziamento consentirà di svolgere attività di indagine per individuare i responsabili dei danni causati all'ambiente
Incendio Dalena: avviati a Barletta i primi campionamenti di terreno Incendio Dalena: avviati a Barletta i primi campionamenti di terreno Il sindaco Cannito ha scritto all’Autorità giudiziaria chiedendo che si possa dar seguito alla bonifica del sito andato in fiamme
Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" Centro storico sempre più sporco: "Sta tornando ai tempi della movida selvaggia" La preoccupazione del Comitato Residenti Centro Storico di Andria
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.