UniverCity

Trasporti più costosi in tutta la Puglia

Il biglietto A/R Andria-Bari da 7,80 a 8,18 euro; critiche le associazioni

Settembre, malanno dello studente. A rincarare la dose, oltre allo stress pre-esame e al senso di colpa post-vacanza, ci si mette anche il rincaro dei prezzi per i servizi di trasporto pubblico, sia automobilistico che ferroviario. La misura è stata messa in atto a seguito della delibera del 2 agosto, ai sensi della Legge Regionale n.18 del 31.10.2002, da parte dell'Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità della Regione Puglia.

Quanto costa ai numerosissimi studenti pendolari raggiungere la sede di studio? L'incremento del prezzo del biglietto è pari al 7,3 per cento ed è dovuto all'adeguamento del tasso di inflazione Istat che non veniva ritoccato dal 2010. Anche i prezzi della Ferrotramviaria, già di per sé notevoli, hanno subito un aumento: un biglietto di andata e ritorno da Andria per Bari, pane quotidiano degli studenti, costa adesso 8,18 euro mentre gli abbonamenti settimanali e mensili sono giunti rispettivamente a 24,30 e 81 euro.

Ad essere assoggettati agli incrementi anche la Stp, Ferrovie del Sud Est, Ferrovie Appulo lucane, Ferrovie del Gargano, Trenitalia e il consorzio Cotrap. Non sono previsti aumenti per le tratte inferiori ai 15 chilometri. Anche utilizzare i mezzi pubblici in città sarà più dispendioso e questo non potrà che sfavorirne il già di per sé basso uso. In particolare, il biglietto di corsa semplice nei semplici comuni costa € 0,90, 1 euro per i Capoluogo di Provincia.

Dal canto loro, le associazioni studentesche e dei consumatori hanno duramente criticato la misura effettuata sul settore della Mobilità Regionale. «Si tratta di un incremento - spiegano i ragazzi della Rete della Conoscenza - che nella somma degli effetti della crisi e delle politiche di tagli e privatizzazioni non fa che aggiungere un ulteriore peso ai già soffocati redditi dei cittadini pugliesi e non. In particolare per gli studenti, tra i principali soggetti utilizzatori dei trasporti pubblici per la propria formazione, l'aumento dei costi dei trasporti significa compromettere ancora di più le possibilità di accesso ai saperi, già gravemente danneggiate da anni di politiche di privatizzazione e mercificazione degli stessi». Si mobilitano le associazioni dei consumatori dell'Alta Murgia che, guidate dal comitato "F.A.L…le migliorate" chiedono alle Ferrovie Apulo Lucane di sospendere i rincari e prevedere agevolazioni economiche per meno abbienti, studenti e nuclei familiari costretti all'acquisto di più di un abbonamento.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.