UniverCity

E adesso si studia. Ma dove?

Cronache tragicomiche di una studentessa puntigliosa

Che ne sarebbe stato di Giacomo Leopardi senza la sua biblioteca a Recanati? Cosa sarebbe diventato, a quali altri infiniti avrebbe potuto tendere senza quella fonte inestimabile di sapere?

Mettiamocelo bene in testa. Per studiare non serve solo silenzio, un libro e un evidenziatore. Lo studio è un'attività che preclude in sé la possibilità di interagire. Chiedere, approfondire, ricercare, consultare. Un manuale, un'enciclopedia, un dizionario: allo studente serve uno spazio di condivisione e, perché no, anche un luogo di scambio umano.

Studiavo nella biblioteca G. Ceci. Un anno fa o forse due. Insieme alla voglia sempre più urgente di farmi un caffè amaro, sentì il bisogno di alzarmi e trovare dei libri che avrebbero dovuto sfatare quei dubbi che non mi consentivano di procedere nello studio.
Come si dice "treno" in russo? Nel libricino malconcio che ritrovai in biblioteca non trovai il lemma, tra le mie mani si sgretolava una pubblicazione di fine anni Cinquanta che aveva la presunzione di chiamarsi "dizionario di russo".
Storia locale. Mi servono informazioni su don Riccardo Lotti. Cosa mai avrò trovato? Poca roba sugli scaffali: qualche foto commemorativa del parroco in ghingheri in una tristissima pubblicazione politica.

Eppure la biblioteca cittadina possiede all'incirca 30mila volumi. Quella di Casa Leopardi poco più di 20mila. Sono certa che anche la nostra ha le giuste potenzialità per sfamare qualsiasi spirito, anche il più ingordo di sapere.
Aspettiamo con ansia l'apertura della nuova sede in Piazza S. Agostino nella speranza che il restyling non interessi solo l'estetica del servizio ma anche la qualità offerto da esso.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.