UniverCity

C’era una volta (ma c’è ancora) il caro vecchio statino…

Sprechi e burocrazia universitaria

La lunga scalata verso la laurea è piena di imprevisti, si sa. Ma quando agli imprevisti si aggiungono le lentezze amministrative, lo spreco di denaro si somma alla perdita di tempo. Agli esordi del 2013 possiamo constatare con certezza che solo una parte delle facoltà dell'Università di Bari possiede un sistema di prenotazione online efficiente. E tra queste facoltà «virtuose» soltanto alcune hanno completamente rimpiazzato il vecchio sistema degli «statini».

Ma che cos'è uno statino? A cosa serve? Gli sfortunati studenti ancora alle prese con il cartaceo sanno che lo statino serve per la prenotazione di un esame, scritto o orale. E qui cominciano le rogne. Lo statino compilato dev'essere imbucato nell'apposita cassetta per lo meno 5 giorni prima dell'esame. Qualsiasi studente non frequentante è costretto, insomma, a prendere un treno per recarsi direttamente in facoltà.

Una volta imbucato, lo statino viene prelevato dai segretari di dipartimento che hanno cura di inserirlo insieme agli altri. Ecco che il fatidico giorno dell'esame lo statino ricompare stropicciato e spiegazzato, diverso da come lo avevamo lasciato. Quello fortunato viene conservato nei verbali, testimone della nostra promozione, quello sfortunato invece strappato, appallottolato e cestinato.

Il sistema in questione, decisamente obsoleto, è attualmente utilizzato a Bari ancora in molte facoltà tra cui Giurisprudenza, Lettere, Lingue e Letterature Straniere e Scienze Infermieristiche. Alcune fra queste hanno sistemi di prenotazione diversi in base alle materie o alle segreterie di dipartimento, ma siamo ben lontani dalla completa abolizione.

Eliminare definitivamente lo statino non sarebbe in realtà un incentivo alla nostra pigrizia anche perché bastano già libri e appunti a costringerci ore e ore su sedie o poltrone. Pigri sarebbero piuttosto segretari e professori restii ad aggiornare il sistema nonostante esista già l'Esse 3, piattaforma completamente funzionante a disposizione di tutti gli studenti, e i siti di facoltà. Tonnellate di carta risparmiata farebbero bene all'ambiente e alla gestione dei documenti ufficiali.

Che forse l'anno appena cominciato ci riservi sorprese inaspettate? Chi lo sa, fino ad ora molti tra noi sono ancora costretti a riempire statini d'esame e a farsi postini per amici e compagni.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.