Xylella
Xylella
Territorio

Xylella, l'allarme di Italia Olivicola: il 75% dei terreni non viene curato adeguatamente

Ciò comporta il rischio elevatissimo di un avanzamento della sputacchina e della xylella con danni incalcolabili per l'olivicoltura

"Ho girato in questi giorni le campagne della provincia di Bari e del Salento e, purtroppo, emerge chiaramente un quadro preoccupante: solo 1 terreno su 4 è curato e trattato secondo i principi delle buone pratiche agricole (arature, potature, trinciature etc), il 75% dei campi è abbandonato e ciò comporta il rischio elevatissimo di un avanzamento della sputacchina e della xylella con danni incalcolabili per l'olivicoltura".

Così il Presidente di Italia Olivicola, Gennaro Sicolo, durante il convegno a Bari sul futuro dell'olivicoltura pugliese ed italiana dopo le emergenze.

"Stiamo perdendo la battaglia, le buone intenzioni annunciate in convegni e tavole rotonde non vengono tramutate in fatti concreti e tutto ciò che la scienza ci dice viene puntualmente inapplicato, ancora oggi - ha ricordato Sicolo -. Invito la Regione ed i Comuni a multare i falsi agricoltori o gli agricoltori lavativi e chiedo anche al governo di valutare la possibilità di iniziare una battaglia Europea per togliere i premi Pac a tutti coloro che non attuano i corretti trattamenti dei terreni".

"Le parole non bastano più, dopo i ripetuti moniti dell'Unione Europea e dopo il decreto emergenze con le misure e le risorse previste, che abbiamo ottenuto dopo mesi di battaglia con i gilet arancioni, occorrono solo fatti concreti per provare ad arginare il batterio", ha concluso Sicolo.
  • olio extravergine di oliva cultivar Coratina
  • xylella
Altri contenuti a tema
Dazi sull'olio extra vergine d'oliva: incontro con i rappresentanti dell'ambasciata americana Dazi sull'olio extra vergine d'oliva: incontro con i rappresentanti dell'ambasciata americana Rappresentanti di Italia Olivicola, Assitol e Assofrantoi, hanno incontrato a Roma Frederick H. Giles, consigliere per gli Affari Agricoli USA
Arriva sentenza di condanna dall'U.E per l'Italia per le sue lentezze nella lotta alla xylella Arriva sentenza di condanna dall'U.E per l'Italia per le sue lentezze nella lotta alla xylella Le dichiarazioni di Emiliano e Nardone. Indignazione da parte del mondo associazionistico agricolo
Olio d'oliva: sul rischio dazi l'U.E. rassicura l'industria Olio d'oliva: sul rischio dazi l'U.E. rassicura l'industria Per l'Associazione Italiana dell'Industria olearia, gli effetti dei dazi imposti dagli States potrebbero essere drammatici
Olio, Coldiretti Puglia: "Pubblicata domanda di registrazione IGP Puglia" Olio, Coldiretti Puglia: "Pubblicata domanda di registrazione IGP Puglia" Ieri sulla Gazzetta Europea. In 25 anni aumentati del 49% i consumi mondiali di evo
Presentato il piano "Salva Ulivi" contro la xylella. Il parassita si dirige verso Bari e la Basilicata Presentato il piano "Salva Ulivi" contro la xylella. Il parassita si dirige verso Bari e la Basilicata Riunione operativa a Bari sull'attività di monitoraggio
Al via i monitoraggi per la xylella nelle province Bat e Foggia Al via i monitoraggi per la xylella nelle province Bat e Foggia Coldiretti Puglia: "Scatta l'obbligo sigilli su materiale vegetale campionato"
Olio d'oliva, cala l'export italiano ed aumenta l'import dalla Spagna Olio d'oliva, cala l'export italiano ed aumenta l'import dalla Spagna Brutta notizia per la Puglia che detiene un patrimonio di 60 milioni di ulivi
Italia invasa da olio d'oliva dal Marocco, dopo il crollo della produzione pugliese Italia invasa da olio d'oliva dal Marocco, dopo il crollo della produzione pugliese La Puglia detiene un patrimonio di 60 mln ulivi, con una PLV per un valore di oltre 700 mln di euro
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.