Rocco Dileo
Rocco Dileo
Enti locali

Rocco Dileo: «La politica deve tornare ad avere coraggio, la Puglia merita coraggio»

Il candidato al consiglio regionale pugliese: «Corriamo il rischio che la disaffezione dalla politica comprometta il nostro futuro e quello dei nostri figli»

«Un nuovo slancio riformista per i nostri territori. È ciò di cui ha bisogno non solo la Puglia e il mezzogiorno, ma l'intero sistema paese. Se ne avverte l'esigenza oggi che "particolare" e "generale" coincidono nelle stesse istanze e negli stessi bisogni». Il consigliere comunale di Barletta e candidato al consiglio regionale pugliese, Rocco Dileo, evidenzia così la necessità di ricostruire una politica riformista e programmatica.

«È da qui che si deve ripartire con politiche tese all'ascolto delle comunità e con interventi strutturali che non lascino indietro nessuno. L'emergenza sanitaria non ha fatto altro che evidenziarlo in questi mesi, rimarcando l'impellenza di una capacità gestionale della cosa pubblica che trascenda da ogni forma di fanatismo politico basato su una comunicazione "mordi e fuggi" che preferisce la forma ai contenuti, senza intervenire nel merito delle questioni.

È arrivato il momento di riprendere consapevolezza che fare politica significa amministrare e offrire soluzioni condivise alla comunità e che partecipare, invece, vuol dire condividere istanze, esperienze e metodi.

Il rinnovamento del Partito Socialista Italiano – nelle cui fila Dileo ha militato sin dall'inizio della sua lunga esperienza politica e amministrativa – parte proprio da qui: dalla rigenerazione di una classe politica sempre più trasversale attraverso la condivisione di ideali e valori improntati sulla solidarietà, sulla libertà, sull'uguaglianza e sulla giustizia sociale.

Nonostante il PSI sconti ancora oggi una diffidenza generata dagli eventi dei primi anni '90 che svelarono un sistema marcio, ma purtroppo diffuso in quella che sarebbe passata alla storia come Prima Repubblica, il Partito non ha mai abbandonato l'esigenza di recuperare le redini di una politica pragmatica e programmatica, riformista e solidale. La stagione di riforme che dagli anni '70 avrebbe mutato il volto dell'Italia introducendo la legge sul divorzio piuttosto che lo Statuto dei lavoratori si è resa possibile soprattutto grazie all'opera del Partito Socialista Italiano che non ha mai perso la sua indole riformista.

Il rischio che corriamo oggi, tuttavia, è che la disaffezione dalla politica e dalla necessità di sentirsi parte di un progetto comune, possa compromettere il nostro futuro e quello dei nostri figli. Tornate ad innamorarvi della politica, torniamo a confrontarci su idee e modelli di sviluppo. La politica deve tornare ad avere coraggio, la Puglia merita coraggio.

Per questo, il Partito Socialista Italiano ha scelto, insieme a Sinistra Italiana, ai Verdi e ad altri movimenti a vocazione ambientale e sociale, di costruire una realtà dinamica e riformista che prende il nome di "Puglia Solidale e Verde", la lista con cui scende in campo per le prossime elezioni regionali. Lo fa, offrendo ai cittadini una visione che rimette al centro l'individuo e i suoi bisogni, l'ambiente e la sua salute, tornando a dialogare con i territori, con le comunità, con i centri e con le periferie».
  • elezioni 2020
Altri contenuti a tema
Elezioni in Puglia, Emiliano si riconferma governatore regionale. Il VIDEO Elezioni in Puglia, Emiliano si riconferma governatore regionale. Il VIDEO Dal comitato elettorale barese, il riconfermato presidente uscente ringrazia tutti i pugliesi
Andria alle urne, il virus non frena il voto Andria alle urne, il virus non frena il voto Seggi aperti oggi fino alle 15, per lo spoglio si parte dal Referendum
1 Malgrado il caldo estivo numerosi gli elettori che si stanno recando alle urne Malgrado il caldo estivo numerosi gli elettori che si stanno recando alle urne Nella mattinata i seggi hanno visto una discreta affluenza. Ed all'Oberdan un poliziotto porta...in braccio una elettrice
Precisazione: le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto Precisazione: le matite nei seggi ordinari non vanno sanificate ad ogni voto La Regione ricorda l'obbligo della disinfezione delle mani prima e dopo della votazione insieme all'obbligo di mascherina e di distanziamento sociale
Elezioni 2020, affluenza alle urne ad Andria: ha votato il 67% degli elettori Elezioni 2020, affluenza alle urne ad Andria: ha votato il 67% degli elettori Aggiornamento delle ore 15 di oggi: al voto il 69,22% degli aventi diritto al Referendum, il 66,27% alle Regionali e il 66,08 alle Comunali
Vigilia di elezioni amministrative in Puglia, ecco come si vota Vigilia di elezioni amministrative in Puglia, ecco come si vota Le indicazioni su come esprimere la propria scelta, la doppia preferenza di genere e il voto disgiunto
Apertura Scuole: sanificazione straordinaria degli edifici scolastici il 22 settembre Apertura Scuole: sanificazione straordinaria degli edifici scolastici il 22 settembre In allegato gli elenchi degli edifici scolastici sede, e non, di seggio elettorale
Elezioni: trasporto degli elettori diversamente abili dalle abitazioni ai seggi e ritorno Elezioni: trasporto degli elettori diversamente abili dalle abitazioni ai seggi e ritorno Un automezzo attrezzato stazionerà in Piazza Umberto I dalle ore 7.00 alle ore 23.00 di domenica 20 e dalle ore 7.00 alle ore 15.00 di lunedì 21 Settembre
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.