referendum
referendum
Territorio

Referendum costituzionale del 29 marzo: gli elettori residenti all’estero potranno votare per corrispondenza

Le istruzioni della Prefettura di Barletta-Andria-Trani

Con riferimento al referendum costituzionale ex art. 138 della Costituzione per l'approvazione del testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", si comunica che gli elettori italiani residenti all'estero potranno votare per corrispondenza.

La normativa, nel prevedere la modalità di voto per corrispondenza da parte di tali elettori (i cui nominativi vengono inseriti d'ufficio nell'elenco degli elettori residenti all'estero), fa comunque salva la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione da esercitare in occasione di ogni consultazione popolare e valida limitatamente ad essa.

In particolare, il diritto di optare per il voto in Italia, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione del referendum e cioè entro il prossimo 8 febbraio.

L'opzione dovrà pervenire entro tale termine all'Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore e potrà essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.
Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte dell'Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

Per ulteriori informazioni si rimanda all'apposita Circolare del Ministero dell'Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali – Direzione Centrale per i Servizi Elettorali, pubblicata sul portale della Prefettura di Barletta Andria Trani, al seguente link http://www.prefettura.it/barlettaandriatrani/contenuti/Circolari_e_modulistica-8392723.htm
  • prefettura barletta andria trani
Altri contenuti a tema
Coronavirus: anche nella giornata di sabato 28 marzo controlli delle Forze dell'ordine Coronavirus: anche nella giornata di sabato 28 marzo controlli delle Forze dell'ordine Dall'11 marzo scorso le verifiche hanno riguardato 26.703 persone e 3.841 esercizi commerciali
Coronavirus, controlli delle Forze dell'ordine: prime sospensioni per attività produttive Coronavirus, controlli delle Forze dell'ordine: prime sospensioni per attività produttive Non avevano i requisiti per rimanere aperte. I dati della Prefettura
Coronavirus: si inaspriscono le sanzioni contro i trasgressori Coronavirus: si inaspriscono le sanzioni contro i trasgressori Nella Bat dall'11 marzo controllati oltre 20 mila cittadini
Anche nella giornata di domenica 22 marzo denunce per persone ed esercizi commerciali Anche nella giornata di domenica 22 marzo denunce per persone ed esercizi commerciali Continuano i controlli istituiti in tutta la provincia Bat per contenere il diffondersi del coronavirus
Coronavirus, l'appello del Prefetto Valiante: "Irresponsabile chi non rispetta le regole" Coronavirus, l'appello del Prefetto Valiante: "Irresponsabile chi non rispetta le regole" Complessivamente, dall'11 marzo scorso le persone controllate nella Bat salgono a 16.714
Controlli rispetto norme anti coronavirus nella Bat: altre 1.765 persone controllate e 196 denunce effettuate Controlli rispetto norme anti coronavirus nella Bat: altre 1.765 persone controllate e 196 denunce effettuate Solo ad Andria i Carabinieri del Radiomobile hanno controllato oltre 160 persone
Coronavirus: nella Bat 171 persone e 4 titolari di esercizi commerciali denunciati Coronavirus: nella Bat 171 persone e 4 titolari di esercizi commerciali denunciati Arriva il resoconto delle attività svolte nella giornata di ieri, giovedì 19 marzo nella provincia Bat dalle Forze dell'ordine
Coronavirus, oltre 5mila controlli in due giorni e 227 denunce Coronavirus, oltre 5mila controlli in due giorni e 227 denunce L'autocertificazione cartacea non può essere sostituita da una App per smartphone
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.