aula giudiziaria
aula giudiziaria
Cronaca

Omicidio Di Vito, inizia il processo a carico di Celestino Troia

Si andrà dinanzi alla Corte d'Assise il prossimo 5 febbraio

Inizierà il 5 febbraio davanti alla Corte d'Assise di Trani il processo a carico di Celestino Troia, il 50enne falegname andriese accusato dell'omicidio, aggravato da motivi futili ed abietti, di Giovanni Di Vito: il 28enne agricoltore tranese morto il 12 settembre 2019 nella colluttazione avuta in via Puccini, nei pressi di via Corato a seguito di una lite per una precedenza stradale.

Il giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Trani Raffaele Morelli ha dichiarato inammissibile la richiesta di rito abbreviato formulata dall'avvocato Vincenzo Scianandrone, difensore di Troia, a seguito della sentenza dello scorso 3 dicembre con cui la Consulta ha ritenuto costituzionale la legge n. 33/2019 che impedisce di trattare con giudizio abbreviato (dunque con preclusione dello sconto di pena) i procedimenti per reati punibili con una pena che potrebbe giungere sino all'ergastolo. Nell'udienza preliminare il pubblico ministero Simona Merra, aveva contestato l'aggravante dei futili e abietti motivi, con previsione, dunque, almeno in teoria, del massimo della pena.

In attesa del processo Troia (sceso dall'auto con un coltellino che ferì mortalmente Di Vito, sebbene il 50enne ha sempre negato la volontà omicidiaria) già da qualche mese è agli arresti domiciliari con l'obbligo di indossare il braccialetto elettronico. I familiari di Di Vito sono già costituiti parte civile con l'avv. Magda Merafina.
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Omicidio per rapina: la Procura di Trani ricostruisce la drammatica vicenda Omicidio per rapina: la Procura di Trani ricostruisce la drammatica vicenda Chiariti i passaggi fondamentali dell'aggressione per rapina, tramutatasi in un efferato omicidio volontario
Anziana uccisa per rapina: la lettera alla comunità parrocchiale di Don Michelangelo Tondolo Anziana uccisa per rapina: la lettera alla comunità parrocchiale di Don Michelangelo Tondolo Una toccante riflessione del parroco della chiesa di San Riccardo
Dopo furti in campagna ed omicidio anziana donna ad Andria: "Serve l'Esercito contro la criminalità" Dopo furti in campagna ed omicidio anziana donna ad Andria: "Serve l'Esercito contro la criminalità" Coldiretti ribadisce lo stato di pericolo ed emergenza dopo gli episodi gravi avvenuti nella città federiciana
Da rapina ad omicidio preterintenzionale: extracomunitario arrestato ad Andria dai Carabinieri Da rapina ad omicidio preterintenzionale: extracomunitario arrestato ad Andria dai Carabinieri L'uomo, nei giorni scorsi aveva rapinato due anziani coniugi, ma la donna a seguito di alcune lesioni riportate è poi deceduta
Spari in piazza a Canosa, muore al Bonomo di Andria Spari in piazza a Canosa, muore al Bonomo di Andria Sul grave episodio di cronaca indaga la Procura di Trani
Uccisione per mancata precedenza, l’assassino ai domiciliari. Lo sfogo della vedova su Facebook Uccisione per mancata precedenza, l’assassino ai domiciliari. Lo sfogo della vedova su Facebook L’omicidio risale alla sera del 12 settembre del 2019
Persia (COISP): «Questura di Andria, a quando l’eterna incompiuta?» Persia (COISP): «Questura di Andria, a quando l’eterna incompiuta?» Mentre si attende la nomina del primo Questore, i promessi rinforzi non sono mai giunti sul territorio
Relazione DIA 1° semestre 2019:  ruolo sempre più determinante della criminalità andriese Relazione DIA 1° semestre 2019: ruolo sempre più determinante della criminalità andriese Rapporto privilegiato con la malavita cerignolana, con uno scenario criminale tra i più complessi della Regione
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.