Trani  vista dall'alto
Trani vista dall'alto
Cronaca

Assolti dall'accusa di detenzione di armi da guerra, per vendicare l'omicidio di Vito Capogna

Il 18 ottobre la sentenza del Tribunale di Trani, in composizione collegiale

Erano accusati di aver detenuto, in concorso tra loro, un fucile Kalashnikov AK47, nonché ulteriori cinque armi da guerra, al fine di vendicare la morte di Vito Capogna, avvenuta in Andria, al quartiere Europa il 25 luglio 2019, condotta aggravata dall'utilizzo del c.d. "metodo mafioso" ai sensi dell'art. 416 bis.1 c.p.

Per questo motivo, in data 8 giugno 2020, la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, richiedeva ed otteneva nei confronti di Valerio Capogna (difeso di fiducia dagli avv.ti Vincenzo Papepo e Vincenzo Desiderio), Cristina Antonia Capogna (difesa di fiducia dagli avv.ti Vincenzo Papepo e Francesco Di Marzio), Vito Davide D'Avanzo (difeso di fiducia dall'avv. Francesco Pollice) e Nicola Santovito (difeso di fiducia dall'avv. Fabio Bisceglie), l'emissione di un provvedimento cautelare custodiale, eseguito tra Andria e Taranto dai Carabinieri della Compagnia di Andria. Al D'Avanzo ed al Santovito erano contestate, altresì, le condotte di detenzione e porto in luogo pubblico di un'arma comune da sparo, sempre aggravate dall'utilizzo del metodo mafioso.
All'esito del giudizio celebratosi dinanzi al Tribunale di Trani in composizione collegiale, Presidente dott.ssa Rossella Volpe, all'udienza del 18 ottobre 2021, il Collegio ha assolto Cristina Antonia Capogna, Vito Davide D'Avanzo e Nicola Santovito dall'imputazione di detenzione del fucile Kalashnikov AK47, nonché ulteriori cinque armi da guerra per non aver commesso il fatto. Condanna solo per Valerio Capogna, del reato continuato di detenzione di armi, alla pena di tre anni di reclusione e di 5mila euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali.

Il D'Avanzo ed il Santovito sono stati prosciolti, altresì, dall'accusa di detenzione e porto in luogo pubblico dell'arma comune da sparo perché il fatto non sussiste.
E' caduto definitivamente il teorema della Procura DDA Bari, quindi, che quelle armi fossero destinate per vendicare l'omicidio di Vito Capogna, essendo stata esclusa dal Tribunale di Trani sia l'aggravante del metodo mafioso (art. 416 1 c.p.) che quella del nesso teleologico (art. 61 n. 2 c.p.).

Tra novanta giorni ci sarà il deposito delle motivazioni.
  • tribunale di trani
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Camera penale: il nuovo Presidente è Giangregorio De Pascalis, avvocato cassazionista di Andria Camera penale: il nuovo Presidente è Giangregorio De Pascalis, avvocato cassazionista di Andria Proclamato all'unanimità dall'assemblea riunitasi a Trani
Rischi della rete: più tutela per i fruitori del marketplace Rischi della rete: più tutela per i fruitori del marketplace Innovativa decisione del Tribunale di Trani
Condanna ad anni uno e mesi uno di reclusione per lo stalker dell'avvocato Laura Di Pilato Condanna ad anni uno e mesi uno di reclusione per lo stalker dell'avvocato Laura Di Pilato La sentenza pronunciata oggi, dalla sezione penale del Tribunale di Trani
Omicidio Di Vito: condanna in primo grado a 12 anni di reclusione per Celestino Troia Omicidio Di Vito: condanna in primo grado a 12 anni di reclusione per Celestino Troia I difensori Ungaro e Malcangi annunciano il ricorso in appello
Processo disastro ferroviario Andria Corato: ascoltati due testi Processo disastro ferroviario Andria Corato: ascoltati due testi Raccolte le testimonianze dell'ex assessore Giannini e dell'ing. Fabietti di Ferrotramviaria
Per l'omicidio di Gianni Di Vito l'accusa chiede 14 anni ed un mese di carcere per Celestino Troia Per l'omicidio di Gianni Di Vito l'accusa chiede 14 anni ed un mese di carcere per Celestino Troia Il 30 settembre sarà la volta della difesa prima che la Corte d'Assise di Trani si riunisca per la sentenza
Titoli illiquidi venduti da Veneto Banca, il Tribunale di Trani dà ragione a risparmiatori andriesi Titoli illiquidi venduti da Veneto Banca, il Tribunale di Trani dà ragione a risparmiatori andriesi Avv. Michele Coratella: «Sentenza di buon auspicio anche per coloro che hanno acquistato le azioni di Banca Popolare di Bari»
Operazione "On the road": Il Gip di Trani dispone le misure cautelari per gli indagati Operazione "On the road": Il Gip di Trani dispone le misure cautelari per gli indagati Per quattro di questi è stata prevista la custodia in carcere, mentre per 2 andriesi l'obbligo di dimora
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.