Mamme davanti alla Imbriani
Mamme davanti alla Imbriani
Vita di città

Mensa scolastica ad Andria, la protesta delle famiglie non si ferma

Ieri mamme davanti alla scuola "M. R. Imbriani". Ascoltate le famiglie del Gabelli, al nido sospeso il servizio

Va bene la mensa ma non a questi costi. È questa in sintesi la posizione di molti genitori di Andria, alle prese da settembre con il rebus servizio di refezione scolastica. Al suono della campanella dopo le vacanze estive, lo ricordiamo, l'appalto con la ditta Pastore era scaduto ed una nuova gara non era stata avviata. Le mamme scesero in piazza per chiedere la mensa per i propri figli, a rischio si metteva infatti non solo il servizio ma il lavoro di molti addetti e l'organizzazione di tante famiglie che avevano scelto il tempo pieno per la gestione del proprio quotidiano. Nel frattempo è intervenuta la procedura di riequilibrio finanziario, il cosiddetto pre dissesto che ha portato alla rivisitazione del tariffe per l'utenza, da 3.10 euro a 5.90 per le fasce più alte di reddito. L'ufficio Pubblica Istruzione ha quindi provveduto ad un affidamento seguendo la procedura negoziata sotto-soglia tramite sistema M.E.P.A. ed ecco che si ritorna dopo le feste natalizie con una notizia: il 14 gennaio parte la mensa ed i genitori tornano a protestare.

Ieri sera assemblea spontanea dei genitori presso la scuola "M. R. Imbriani", nel quartiere di San Valentino, istituto in cui si può scegliere il tempo prolungato. I genitori si sono quindi riuniti per far sentire tutto il loro disappunto. Può sembrare un paradosso ma non lo è: il problema sono i costi, molto sostenuti soprattutto con le famiglie con più figli. Una soluzione prospettata dalla mamme, nel corso dell'assemblea sarebbe quello di usufruire di un servizio catering, con costi nettamente inferiori a quelli proposti dal Comune.

"Ci hanno messo di fronte alla scelta o accettare la mensa a queste nuove condizioni o togliere i nostri figli", sottolinea una delle numerose mamme presenti all'incontro e interessata per la scuola dell'infanzia, in quanto per la scuola elementare chi non usufruirà del pasto scolastico, i figli dovrà andarli a prendere da scuola già alle ore 12.15.

Insomma la matassa è più che mai ingarbugliata perché tanti sono gli interessi in campo, l'unica certezza al momento, è che la mensa è stata sospesa per il nido comunale su richiesta della maggior parte dei genitori che in questo sono stati ascoltati dall'Amministrazione comunale. Istanza che parte dal fatto, lo ricordiamo, che il costo del pasto si andava ad aggiungere a quello già salatissimo della retta mensile che da un massimo di 80 euro fino allo scorso anno è arrivata a ben 170 euro.
  • Comune di Andria
  • mensa scolastica
Altri contenuti a tema
Comune: dirigente Settore finanziario la scelta tra una rosa di sei nomi Comune: dirigente Settore finanziario la scelta tra una rosa di sei nomi Rinviato invece al 26 marzo il colloquio per il Dirigente tecnico
Consiglio Comunale: approvati tutti gli argomenti all'odg, tenuta della maggioranza Consiglio Comunale: approvati tutti gli argomenti all'odg, tenuta della maggioranza Questa sera quindi non si terrà alcuna seduta. Via libera alla variante per l'ampliamento dell'industria Sanguedolce
Affissioni pubblicitarie: spunta un esposto su asserita nuova irregolarità Affissioni pubblicitarie: spunta un esposto su asserita nuova irregolarità Il documento è stato inviato con pec a tutti i componenti del consiglio comunale, paventati danni erariali
Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Iniziativa di “FareAmbiente - laboratorio verde" di Andria e  dell’Istituto Scolastico Secondario di 1° grado "G. Salvemini"
Via Giovanni Gentile: la culla dell’inciviltà di alcuni andriesi Via Giovanni Gentile: la culla dell’inciviltà di alcuni andriesi Drammatica situazione segnalata dalla segreteria del Partito Democratico di Andria
Occupazione suolo pubblico, la Polizia locale sui cantieri edili Occupazione suolo pubblico, la Polizia locale sui cantieri edili Un terzo delle imprese controllate non sono in regola, avendo evaso il previsto tributo comunale
Troppe le cose non vere dette sul conto della Soc. AndriaMultiservice Troppe le cose non vere dette sul conto della Soc. AndriaMultiservice L’Amministratore unico della Società in house del comune di Andria, il dr. Martiradonna replica alle accuse dell'USB         
Di Bari (ESP): C'è un modo per salvare l'Officina San Domenico: il bando "Luoghi Comuni" Di Bari (ESP): C'è un modo per salvare l'Officina San Domenico: il bando "Luoghi Comuni" Lo propone a nome di un gruppo di giovani la consigliera comunale Daniela Di Bari
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.