Borgo di Montegrosso. <span>Foto Vincenzo Cassano</span>
Borgo di Montegrosso. Foto Vincenzo Cassano
Associazioni

Lettera aperta di alcuni cittadini che assistono al “suicidio” di un borgo

Borgata Montegrosso, cosa sta cambiando? Perchè bisogna tornare ad avere un borgo socialmente avanzato e civile

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Riceviamo e pubblichiamo di seguito la lettera inviata alla nostra redazione da Nicola Miracapillo, presidente dell'Associazione socio culturale "La Piscara", da Emanuele Di Corato, da monsignor Giuseppe Ruotolo parroco della chiesa di Santa Maria Assunta e Sant' Isidoro e dal conte Onofrio Spagnoletti Zeuli imprenditore agricolo, che ci forniscono la raffigurazione plastica di quello che oggi è lo storico borgo rurale di Montegrosso, visto con gli occhi di chi lo ama.

«Scriviamo questa lettera aperta per esternare il nostro punto di vista da "cittadini andriesi" su quella che è la realtà del borgo.
La pacifica aria di ruralità è attraversata da contraddittorie dinamiche sociali. E' stata compromessa la tranquillità del borgo che è uno dei motivi che lo rendono desiderabile da abitare. E' opportuno che vengano approntati provvedimenti per accelerare la cancellazione di quegli interventi che hanno finito per deturpare il borgo e la campagna circostante, ma soprattutto sarebbe necessario impedire che altre offese al buon gusto e al decoro vengano perpetrate.
Appaiono improvvisamente episodi di degrado di inciviltà, di violenza e di barbarie, come se questo luogo fosse terra di nessuno, ancor più grave, la presenza di alcuni bulli.
Ci mortifica vedere tale degrado. Come posso giustificare tali palesi nefandezze? Come possiamo giustificare che parlandone con qualche residente della nostra stessa età ci sentiamo rispondere:" Non accendete fuochi, va bene così".

Recentemente delle persone sono venute in visita a Montegrosso. Sono rimasti colpiti dalla bellezza del villaggio, dai colori e dal buon cibo, ma ancor di più dal degrado di una borgata che troppo spesso appare abbandonata a se stessa.
Considerando che la popolazione del borgo, dopo una inevitabile fase di invecchiamento, ha cominciato a risalire la china, grazie ai tanti eventi di spiccato interesse culturale che le associazioni locali hanno promosso.
Basterebbe veramente poco a far funzionare questo borgo, bisognerebbe investire sul l'educazione civica, investire risorse per la sicurezza, Istituire un presidio di Polizia Locale per monitorare realmente e perseguire coloro che il territorio lo umiliano con la loro ignoranza e incuria. Dare una garanzia minima per favorire lo sviluppo di serene e dignitose condizioni di vita.

In questi giorni come se non bastasse sono state sospese due corse di autobus da Andria per Montegrosso.
Inoltre, denunciamo un'incresciosa vicenda di inciviltà che si ripete dal sabato fino alla raccolta dell'immondizia da parte dell'azienda preposta che avviene nella tarda mattinata del lunedì. L'angolo del campo sportivo e l'incrocio di Pezza La Ruga diventano delle discariche a cielo aperto, nonostante il servizio di raccolta differenziata. Molti incivili avventori che trascorrono la giornata al Borgo approfittano della strategicità di questo punto - in entrata o in uscita da Montegrosso, a seconda del punto di provenienza - per lasciare sacche di spazzatura indifferenziata; i cani randagi nella notte fanno il resto rendendo questi luoghi maleodoranti e indecorosi alla vista dei passanti oltre a creare una criticità igienica .
Ci piace citare un pensiero di una ragazza del luogo Enza Miracapillo: "Miei cari l'ignoranza è il male del mondo. Il male stesso si serve di essa perché debole e servizievole. Quando è radicata non conosce cura. Bisogna agire sulla gioventù affinché anch'essa non sua contaminata".
Speriamo vivamente che questa lettera possa scuotere gli animi e le coscienze dei miei concittadini, delle Istituzioni, dei futuri politici e amministratori e delle forze dell'ordine che da troppo tempo fingono di non vedere o di non capire.
Vorremmo che si restasse stupiti della pura bellezza del borgo Montegrosso e che tale stupore, tale positiva meraviglia possa essere il sentimento provato da chi la visita e che ne resti il desiderio di visitarla ancora.
In genere i borghi, dovrebbero diventare un fiore all'occhiello per risvegliare la memoria del passato, rinforzare la coesione sociale, accrescere il senso di identità di una città e di un territorio.

Deve certamente diventare occasione di pubblica opinione, in questa ottica la riqualificazione integrale del borgo esige che qualcosa si faccia per sollecitare la rapida "riconversione". In sostanza, si attendono interventi appropriati di carattere sociale e culturale per salvaguardare ciò che rendeva bello un sito abitativo e che garantisce il reciproco rispetto di coloro che lo abitano un centro storico inserito in un più vasto paesaggio agrario".
Ciò significa che una politica culturale di ampio respiro dovrebbe ricercare modi per incentivare lo scambio culturale, accoglienza ma anche di didattica e di apprendimento».

E' un'area, in breve, che andrebbe, difesa e salvaguardata.
  • La Piscara
Altri contenuti a tema
Film "open air" al borgo Montegrosso Film "open air" al borgo Montegrosso La cultura riparte puntando su eventi all’aperto con: “Grandi titoli per magiche serate all’aperto”
Spaventosa crisi nel mondo della cultura, iniziativa in campo ad Andria Spaventosa crisi nel mondo della cultura, iniziativa in campo ad Andria Nicola Miracapillo lancia un’idea: “Campagna abbonamento speciale Covid 19 rivista Jazzit Vanni editore”
Una riflessione di Nicola Miracapillo sulle ONG Una riflessione di Nicola Miracapillo sulle ONG Indignazione per l’abuso indiscriminato del termine solidarietà al tempo del coronavirus
Rinviato il dibattito su legalità e giustizia Rinviato il dibattito su legalità e giustizia Il tema della legalità con gli studenti del Liceo Classico "Carlo Troya"
Un grande evento per la città di Andria con "Un Giudice Ragazzino" Un grande evento per la città di Andria con "Un Giudice Ragazzino" Il tema della legalità al centro dell'incontro con gli studenti del Liceo Classico "Carlo Troya"
“Fidelis Arte” in trasferta a Milano “Fidelis Arte” in trasferta a Milano Inaugurata a Milano-Brera la collettiva d'arte di artisti andriesi
Grande successo per la  collettiva “Fidelis Arte” Grande successo per la collettiva “Fidelis Arte” Nicola Miracapillo e Gianfranca Ricciardelli “volontari dell’Arte”
Straordinario evento d’arte alla Chiesa San Domenico Straordinario evento d’arte alla Chiesa San Domenico “Fidelis Arte” premiazione concorso collettiva d’arte, da sabato 11 a lunedì 13 gennaio
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.