Discarica San Nicola La Guardia
Discarica San Nicola La Guardia
Enti locali

La Regione metterà in sicurezza la discarica di San Nicola La Guardia

In arrivo 73 milioni per  la messa in sicurezza di aree inquinate e degradate

Buone notizie sul fronte ambientale per la nostra Regione e per Andria in particolare.
Con atto dirigenziale n. 279 del 15 novembre scorso, presso il dipartimento Ambiente della Regione Puglia sono stati approvati gli esiti della valutazione degli interventi proposti in tema di "progettazione ed esecuzione di interventi di messa in sicurezza di emergenza e/o misure di prevenzione di siti interessati dalla presenza di sorgenti primarie o secondarie di contaminazione".

Si tratta di azioni nell'ambito del Por 2014-2020 finalizzate ad agevolare e sostenere la bonifica, la messa in sicurezza e il recupero di aree inquinate e degradate. Il contributo complessivo di 69 milioni di euro, sulle risorse del patto per la Puglia e del Por, andrà a interessare i seguenti Comuni: Andria, discarica comunale in località San Nicola La Guardia; Cavallino, area ecoballe Masseria Guarini; Gallipoli, ex discarica comunale Madonna delle Grazie; Giovinazzo, ex Acciaierie e Ferrerie Pugliesi area Lama Castello; Leverano, ex discarica comunale Li Pampi; Locorotondo, ex discarica comunale Pasqualone; Manduria, ex discarica comunale Li Cicci - fase 1; Trani, discarica Amiu in località Puro Vecchio; Troia, sito Iao srl, in località Giardinetto; Vieste, ex discarica comunale Landa la Serpe; Zapponeta, ex discarica comunale in località Cacace.

Nella stessa giornata, con delibera n. 280 sono stati approvati gli esiti della valutazione degli interventi riguardo la progettazione e l'esecuzione di interventi "per la messa in sicurezza operativa, permanente e bonifica di aree contaminate, siti industriali dismessi, aree oggetto di discariche abusive e dismesse esercite in forza di ordinanze urgenti", nell'ambito del Por 2014-2020 finalizzato ad agevolare e sostenere il disinquinamento, la essa in sicurezza e il recupero delle aree inquinate e degradate del territorio anche in riferimento ai siti industriali dismessi ed ai siti con situazione di criticità storica. Di fondamentale importanza, in proposito, risulta la presenza tra i due progetti ammessi, di un rilevato nel quartiere Tamburi di Taranto (l'altro sito riguarda l'ex discarica comunale Caramana a Monopoli). Il contributo complessivo è pari a 4 milioni di euro sulle risorse Por.
"La Puglia che vogliamo, che stiamo costruendo giorno dopo giorno deve essere uno dei motori di una nuova epoca anche in materia di tutela dell'Ambiente", commenta l'assessore regionale all'Ambiente Gianni Stea che sottolinea l'azione continua e compatta "dell'attuale amministrazione della Regione Puglia a difesa della ecosostenibilità e della salute dei cittadini lavorando in particolare sulle aree periferiche delle nostre città, spesso occupate oltre che da vecchi siti inquinati, anche da rifiuti abbandonati da persone che non esito a definire ecocriminali. Ed è questo il prossimo fonte che intendo aprire in tempi strettissimi di concerto con i Comuni, le Prefetture e le Forze dell'ordine".


  • discarica
  • discarica san nicola la guardia
Altri contenuti a tema
Di Bari (M5S): "Calato il silenzio sulla vecchia e nuova discarica di S. Nicola Laguardia" Di Bari (M5S): "Calato il silenzio sulla vecchia e nuova discarica di S. Nicola Laguardia" Un video-denuncia della consigliera regionale pentastellata torna a riproporre questa grave emergenza ambientale
On. D'Ambrosio (M5S) e la nuova discarica di Andria: "Le solite mezze verità". Il VIDEO On. D'Ambrosio (M5S) e la nuova discarica di Andria: "Le solite mezze verità". Il VIDEO Il parlamentare pentastellato replica ad alcune accuse mosse al M5S
La nuova discarica di Andria si farà: video del M5S sulla decisione della Regione La nuova discarica di Andria si farà: video del M5S sulla decisione della Regione I pentastellati Michele Coratella, Grazia Di Bari e Giuseppe D'Ambrosio rendono note le ultime novità
La Regione assegna altri 20 mln di euro per chiusura ed adeguamento discariche, tra cui le due di Andria La Regione assegna altri 20 mln di euro per chiusura ed adeguamento discariche, tra cui le due di Andria Oggi la decisione nel corso della riunione di giunta
La Corte di Giustizia U.E. condanna la Regione per le 2 discariche di Andria, ma riconosce la conclusione dell'iter procedurale La Corte di Giustizia U.E. condanna la Regione per le 2 discariche di Andria, ma riconosce la conclusione dell'iter procedurale I chiarimenti dal Dipartimento mobilità, qualità urbana, opere pubbliche, ecologia e paesaggio della Regione
Rifiuti, Italia condannata dalla Corte di Giustizia Ue per non aver adeguato 44 discariche: tra queste vi sono anche le 2 di Andria Rifiuti, Italia condannata dalla Corte di Giustizia Ue per non aver adeguato 44 discariche: tra queste vi sono anche le 2 di Andria Per quelle degli ex F.lli Acquaviva e D'Oria, i lavori per renderle conformi furono effettuati solo tra il 2017 ed il 2018
Regione, Piano dei rifiuti: Grandaliano in audizione in Commissione Ambiente Regione, Piano dei rifiuti: Grandaliano in audizione in Commissione Ambiente La richiesta è stata fatta dal consigliere azzurro Franzoso per conoscere l'attuale progettazione impiantistica
Discarica di Andria, il M5S deposita un esposto alla Procura della Repubblica di Trani Discarica di Andria, il M5S deposita un esposto alla Procura della Repubblica di Trani Lo comunica il capogruppo consiliare Michele Coratella. Il VIDEO
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.