Primarie Partito Democratico Andria
Primarie Partito Democratico Andria
Politica

Irregolarità procedurali: la minoranza del PD scrive alla commissione di garanzia

Dettagliata informativa sul regolamento regionale del partito non rispettato

Mentre a livello nazionale arriva l'ora della staffetta al Governo tra Letta e Renzi, anche a livello cittadino vi sono grattacapi per la segreteria del Partito Democratico formalmente costituita un mese fa. Una parte del PD, infatti, ha inviato una dettagliata nota informativa denunciando diverse irregolarità alla Commissione di Garanzia regionale nonché a Segretario, Sergio Blasi, e Presidente, Michele Emiliano, sulla gestione del circolo stesso. In particolare sei i punti trattati a partire dalle convocazioni del coordinamento, per arrivare all'elezione del direttivo senza parità, il ruolo di vice-segretario, la proporzionalità di rappresentanza e le questioni politiche aperte di stretta attualità non affrontate collegialmente.

Queste in sintesi le note con richiami proprio allo Statuto regionale del Partito Democratico a partire dalla «comunicazione dell'Esecutivo, nominato dalla Coordinatrice, che andava fatta al Coordinamento da convocare in termini utili e con specifico ODG (Art. 6 c.9 Statuto PD/Reg. Puglia) - scrivono nella nota - Non si comprende il motivo per il quale si è rinunciato a convocare il Coordinamento, luogo statutario del pluralismo e della dialettica democratica interna e, allo stesso tempo, luogo della costruzione unitaria del circolo». Poi il problema della parità di carica nell'esecutivo: «Le iscritte/Donne non sono presenti nell'Esecutivo paritariamente (Art.2 c.2 St.Reg./puglia) e ciò è motivo di invalidazione dell'Esecutivo da parte degli Organismi di Garanzia». In terza analisi, poi, il ruolo di vice segretario non previsto tra gli Organi Direttivi ma che «in ogni caso doveva essere proposto dalla Coordinatrice all'Assemblea all'atto della sua proclamazione e l'elezione doveva avvenire per voto palese a maggioranza dei voti validi (Art.12 c.1 St.Reg/Puglia)».

L'analisi prosegue parlando dei dipartimenti che, secondo l'attuale minoranza del PD, sono espressione del coordinamento e non della Segreteria: «E' superfluo sottolineare quanto sarebbe opportuno procedere, quanto prima, all'approvazione di un "regolamento interno del funzionamento degli organismi del Circolo", come previsto dall'Art 6 comma 11 dello Statuto, onde evitare il rischio di interminabili e rissose discussioni e di procedure diverse in uguali situazioni che certamente non facilitano la concordia interna». La proporzionalità della rappresentanza, poi, è un tema particolarmente complesso e delicato per un partito decisamente in continuo movimento come mostrano le cronache nazionali: «Si trascura nei fatti - scrivono ancora dal PD - che la componente che si rivede nell'azione di Matteo Renzi non solo rappresenta il 30% degli iscritti al PD di Andria ma anche, che nelle Primarie dell'8 Dicembre ha prevalso con il 61% dei cittadini andriesi che hanno votato. In quale modo è possibile realizzare l'obiettivo di costruire un PD grande e vincente, un grande partito che dalla sinistra al centro deve dare spazio legittimità e cittadinanza a sensibilità e culture diverse».

Infine, l'ultimo punto trattato riguarda la stretta attualità cittadina e le decisioni in merito alle azioni politiche da esercitare come Partito Democratico. Ci si chiede in sostanza «per quali ragioni la Coordinatrice del Circolo di Andria non convoca l'Assemblea e il Coordinamento al fine di mettere in opera tutte le iniziative necessarie dopo fatti di rilevanza politica quali il "Movimento cosiddetto dei forconi" che ad Andria ha avuto un'acuzie maggiore rispetto al resto del Paese, l'arresto dell'Assessore Lotito da parte della Magistratura di Monza per corruzione, l'inchiesta sui rifiuti è ancora in corso con sviluppi ancora da verificare, le dimissioni del Presidente del Consiglio Comunale, le dimissioni della Giunta Comunale, il blocco totale dell'attività amministrativa con aggravio ulteriore della crisi economica in cui versa la nostra città».
  • Pd
Altri contenuti a tema
Malcangi (Pd): "Barchetta e centrodestra contro la salute dei cittadini e per una città piena d'auto" Malcangi (Pd): "Barchetta e centrodestra contro la salute dei cittadini e per una città piena d'auto" Il Consigliere comunale interviene a proposito del PUMS
Nuovo ospedale di Andria, Caracciolo (Pd): “Mercoledì prossimo la Asl Bt darà un cronoprogramma certo e chiaro sui tempi di realizzazione” Nuovo ospedale di Andria, Caracciolo (Pd): “Mercoledì prossimo la Asl Bt darà un cronoprogramma certo e chiaro sui tempi di realizzazione” Alle Commissioni regionali bilancio e sanità
14 Regione M5S: “Non c’è nessun rientro in Giunta” Regione M5S: “Non c’è nessun rientro in Giunta” Ma per Andria, con il desiderato rimpasto spunta una possibile intesa ed ingresso in giunta di fine mandato
Polemica sull'aumento TARI. Addario (PD): "Portata al suo massimo dall’amministrazione Giorgino" Polemica sull'aumento TARI. Addario (PD): "Portata al suo massimo dall’amministrazione Giorgino" "Qualche reduce esponente di quel nefasto centro destra omette di dirlo"
Polemiche all'interno del Pd: Vurchio rimbrotta il capogruppo Sanguedolce Polemiche all'interno del Pd: Vurchio rimbrotta il capogruppo Sanguedolce "Attenzione sempre crescente verso le esigenze dei cittadini"
Sfiducia (?) di alcuni consiglieri del csx nei confronti di Vurchio? Il Presidente del Consiglio li invita a venire allo scoperto Sfiducia (?) di alcuni consiglieri del csx nei confronti di Vurchio? Il Presidente del Consiglio li invita a venire allo scoperto "Invito i proponenti e gli autori occulti a presentare formalmente questa mozione in Consiglio Comunale"
Con 9.796 voti il Partito Democratico è il primo partito politico ad Andria Con 9.796 voti il Partito Democratico è il primo partito politico ad Andria "Riconfermata la fiducia per questa Amministrazione a trazione PD con Giovanna Bruno Sindaco"
Caracciolo: “I numeri straordinari del Pd portano il nome di Antonio Decaro” Caracciolo: “I numeri straordinari del Pd portano il nome di Antonio Decaro” "La provincia Bat si conferma ancora una volta serbatoio importante di consensi per il Pd"
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.