Festival della Disperazione
Festival della Disperazione
Eventi e cultura

Il Festival della disperazione va al centro commerciale

In scena Vittorio Continelli con i Bariche

"Nonluogo". È con questo neologismo risalente all'ultimo decennio del '900 che si fa riferimento ai luoghi affollati e non identitari in cui le persone, pur sfiorandosi, non entrano mai il relazione tra loro. Cosa c'è di più disperato?

Come poteva, il Festival della Disperazione, non ricorrere ad uno di questi (non)luoghi per dar spazio ad uno dei suoi appuntamenti? Qui, in un luogo disperato, ieri Vittorio Continelli (autore, attore e regista teatrale) ha ambientato una storia disperata, quella di Niobe, la regina di Tebe straziata dalla morte dei suoi quattordici figli.

Tra il frastuono delle ruote dei carrelli che si incagliano nelle fenditure del pavimento e i bambini che piangono per i giocattoli che le mamme non vogliono comprar loro, un pubblico disperatissimo si è lasciato rapire dal racconto di Vittorio Continelli, accompagnato dal tappeto sonoro dei Bariche (Giuseppe Zinfollino e Gabriele Piccininno), per riscoprire alcune storie dimenticate dei Greci.

"Ho scelto la storia di Niobe perché è una delle più disperate della letteratura greca - spiega Continelli - e siamo andati in scena in questo luogo inusuale improvvisando, da perfetti disperati. A dir la verità, ho finito di scrivere il testo questa notte e l'ho stampato poco prima di venire qui, ma credo sia andata bene. Qualcuno, giustamente, è andato via perché il contesto rendeva difficile mantenere l'attenzione, ma molti altri sono rimasti o, addirittura, si sono incuriositi passando e si sono avvicinati".

"Facendo le prove, dunque programmando esattamente ogni nota dei brani , la speranza viene meno -affermano i Bariche -. Così abbiamo improvvisato sulla base di alcuni agganci che ci ha dato Vittorio e poi ci siamo lasciati ispirare dal fluire del racconto".

"Ci è sembrato utile e divertente raccontare una storia disperata nel luogo emblema della disperazione - spiega Gigi Brandonisio, direttore artistico del Festival-. Coop alleanza 3.0 è uno dei sostenitori del Festival, così abbiamo voluto sperimentare l'incontro-scontro tra teatro e centro commerciale insieme al nostro Vittorio, ormai veterano del Festival".
  • festival della disperazione
Altri contenuti a tema
Bilancio disperato della III edizione del Festival Bilancio disperato della III edizione del Festival Intervista al direttore artistico, Gigi Brandonisio
Gran finale a ingresso libero questa sera al Festival della Disperazione: sul palco Ivan Talarico Gran finale a ingresso libero questa sera al Festival della Disperazione: sul palco Ivan Talarico Un evento assolutamente da non perdere il concerto che chiude la 3^ edizione delle kermesse
Al via stasera la terza edizione del Festival della Disperazione Al via stasera la terza edizione del Festival della Disperazione Tre incontri nella serata di apertura organizzata in collaborazione con la Fondazione Guglielmo Minervini
Jazz in Andria ed il Festival della Disperazione presentano JAZZFORLAQUILA Jazz in Andria ed il Festival della Disperazione presentano JAZZFORLAQUILA Sabato 18 maggio, ore 21 presso l'auditorium Liceo scientifico di Andria. Ingresso gratuito senza prenotazione
Jazz for l’Aquila: concerto fotografico per ricordare le terre del sisma Jazz for l’Aquila: concerto fotografico per ricordare le terre del sisma Appuntamento per sabato 18 maggio, alle ore 21.00 al Liceo Scientifico “R.Nuzzi” di Andria
DisperArti: le esposizioni d'arte del Festival della Disperazione DisperArti: le esposizioni d'arte del Festival della Disperazione Protagonista nell'edizione 2019 l'installazione "Before I Die"
Le cose strane che succederanno al Festival della Disperazione Le cose strane che succederanno al Festival della Disperazione Appuntamento ad Andria dal 16 al 19 maggio
Festival della Disperazione: il programma completo della 3^ edizione, dal 16 al 19 maggio ad Andria Festival della Disperazione: il programma completo della 3^ edizione, dal 16 al 19 maggio ad Andria Un festival di letteratura e spettacolo, organizzata con particolare cura dal Circolo dei Lettori di Andria
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.