green pass
green pass
Attualità

Green pass, in arrivo un nuovo decreto: le novità previste

Sarà estesa la certificazione verde a tutti i luoghi di lavoro

L'Italia si appresta a fare un passo ulteriore verso l'estensione del Green pass per contrastare l'epidemia di Covid ed evitare future chiusure: il Consiglio dei ministri ha dato l'ok all'unanimità al nuovo decreto legge che renderà la certificazione verde fondamentale in tutti i luoghi di lavoro. Come riportato da Ansa, l'obbligo di Green pass riguarderà l'ingresso nei luoghi di lavoro vale per tutti i lavoratori privati, dunque sono inclusi gli autonomi e i collaboratori familiari.

Le novità potrebbero entrare in vigore dal prossimo 15 ottobre: l'obbligo andrà applicato a chiunque svolga il suo lavoro nel pubblico e nel privato, incluse colf e badanti. La norma dispone infatti che "chiunque svolge una attività lavorativa nel settore privato è fatto obbligo, ai fini dell'accesso nei luoghi in cui la predetta attività è svolta, di possedere e di esibire su richiesta la certificazione verde".

I guariti dal Covid non dovrebbero più attendere 15 giorni dalla prima dose di vaccino per avere il green pass ma lo otterranno subito dopo la prima somministrazione: questo sarebbe quanto scritto nella bozza del decreto che estende la certificazione ai luoghi di lavoro. L'articolo 4 comma 3 modifica infatti la normativa attuale sostituendo il passaggio in cui si affermava che la certificazione era valida "dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione" con le parole "dalla medesima somministrazione".

Tra le novità, la sospensione dal lavoro, e quindi dallo stipendio, dopo 5 giorni di accesso senza certificato. Per le farmacie verso l'obbligo di prezzi calmierati per i tamponi. Il governo inoltre chiede di estendere l'obbligo di Green pass anche a Quirinale, Consulta e Parlamento. Per il principio dell'autodichia, la norma non si può applicare automaticamente agli organi costituzionali che, in base al decreto, dovranno pronunciarsi entro il 15 ottobre. L'obbligo di certificato è esteso anche a chi opera nelle associazioni di volontariato.

Ma potrebbe non essere l'unico cambiamento: le Regioni avrebbero proposto al Governo di prevedere un calmieramento dei prezzi dei tamponi ed estendere la validità del loro esito da 48 a 72 ore. Sarà il Comitato tecnico-scientifico ad esprimere un parere su questi punti.
  • Green Pass
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

2443 contenuti
Altri contenuti a tema
Il virus continua a circolare in Puglia ma il sistema sanitario tiene Il virus continua a circolare in Puglia ma il sistema sanitario tiene La curva del numero degli attualmente positivi è in rialzo
278 nuovi casi Covid nelle ultime ore in Puglia 278 nuovi casi Covid nelle ultime ore in Puglia Sostanzialmente invariati i dati su posti letto occupati e accessi in terapia intensiva
Covid in Puglia, più contagiati che guariti nelle ultime ore Covid in Puglia, più contagiati che guariti nelle ultime ore Un'altra giornata senza decessi registrati
Crescono gli attualmente positivi in Puglia, non i ricoverati Crescono gli attualmente positivi in Puglia, non i ricoverati Terapie intensive sotto controllo
Oltre 200 nuovi casi positivi in Puglia nelle ultime ore Oltre 200 nuovi casi positivi in Puglia nelle ultime ore L'incidenza dei contagi sui tamponi è comunque di poco superiore all'1%
Oltre 200mila i nuovi poveri a causa del coronavirus Oltre 200mila i nuovi poveri a causa del coronavirus Secondo Coldiretti: "Si tratta del valore più elevato degli ultimi quindici anni"
Al via il microprestito post covid in Puglia: la Regione pubblica il bando Al via il microprestito post covid in Puglia: la Regione pubblica il bando La misura di sostegno è destinata alle microimprese colpite dalla pandemia
Rimbalzo del numero di attualmente positivi in Puglia: quasi 100 in più Rimbalzo del numero di attualmente positivi in Puglia: quasi 100 in più Scende però il numero dei ricoverati
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.