Piazza Duomo durante e dopo il lockdown In basso i recenti assembramenti in Villa Comunale LI
Piazza Duomo durante e dopo il lockdown In basso i recenti assembramenti in Villa Comunale LI
Vita di città

Fase 2 ad Andria, troppi assembramenti nel centro cittadino e in tanti senza mascherina

Pienone di gente nei principali luoghi di ritrovo della città. In questa nuova fase dell'emergenza serve maggiore responsabilità

La Fase 2 dell'emergenza Coronavirus sembra non procedere per il verso giusto, anche ad Andria. In questi giorni, infatti, si registrano troppi assembramenti nei principali punti di ritrovo della città: centro storico e in particolar modo piazza Duomo e piazza Catuma, Villa Comunale e nel centro cittadino, soprattutto via Regina Margherita che nell'ultimo weekend ha fatto registrare un autentico "pienone", identico a quello che si verifica durante la vigilia di Natale o la festa patronale.

Gli assembramenti, lo ricordiamo, sono ancora vietati, anche quando si fa una passeggiata o si incontrano parenti e amici. Lo sanno bene soprattutto le attività commerciali, costrette a rivedere le modalità di lavoro e la disposizione interna dei locali proprio per garantire all'utenza un servizio sicuro rispettando le distanze; anche al mercato settimanale, notoriamente frequentato, le nuove disposizioni impediscono contatti troppo ravvicinati tra le persone. Alla stessa maniera, è necessario che la distanza interpersonale sia rispettata il più possibile anche quando si passeggia in città, ricordandosi altresì della mascherina; sono in tanti a girare in città senza questo dispositivo di protezione, dagli adulti a giovani e bambini. Bisogna essere responsabili, e nella Fase 1 dell'emergenza la comunità andriese ha pienamente dimostrato di esserlo: questa Fase 2 non è un "liberi tutti" e il senso di responsabilità deve essere maggiore.

Il 18 maggio 2020 ha rappresentato una data importante per tutti gli italiani nell'ambito dell'emergenza Coronavirus, riassaporando quella parvenza di normalità che da tempo si desiderava: l'obbligo dell'autocertificazione (eccetto per gli spostamenti al di fuori della propria regione) è stato cancellato, si possono incontrare gli amici (congiunti e parenti già dal 4 maggio) ci si può spostare liberamente all'interno della regione di residenza, passeggiare in città senza limitazioni, e tra pochi giorni si potrà anche la possibilità di andare al mare, chiaramente con tutte le precauzioni del caso. Quello che non si può (e non si deve) fare, però, è essere superficiali e pensare che sia tutto finito: la curva dei contagi è notevolmente calata, ma il virus non è scomparso e non possiamo lasciarci andare all'euforia. Per questa ragione, anche le istituzioni del territorio si stanno muovendo per garantire il rispetto delle misure di contenimento stabilite nel Decreto governativo: il Prefetto Valiante ha infatti stabilito che in tutti i Comuni della provincia Bat saranno previsti controlli più serrati da parte delle Forze di Polizia, per evitare pericolosi assembramenti soprattutto nei luoghi più affollati.
Social Video1 minutoAssembramenti in Piazza Duomo
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1373 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, D’Alberto: “Una campagna di test rapidi come in Alto Adige” Covid-19, D’Alberto: “Una campagna di test rapidi come in Alto Adige” Il segretario generale della Cgil Bat lancia la proposta alla Regione Puglia
Coronavirus: 980 nuovi casi in Puglia, nella Bat altri 187 positivi Coronavirus: 980 nuovi casi in Puglia, nella Bat altri 187 positivi Nel bollettino odierno registrato un numero minore di tamponi, poco meno di 4mila. Si registrano purtroppo altri 40 decessi
"Il guerriero non ce l'ha fatta, ciao babbo!": anche il dottor Bruno ci lascia. I funerali domani mattina "Il guerriero non ce l'ha fatta, ciao babbo!": anche il dottor Bruno ci lascia. I funerali domani mattina Sono le parole della figlia Giovanna non appena appresa la notizia della morte del papà, il dottor Vincenzo
Covid, Andria piange un altro suo figlio: se ne va il Questore Losito Covid, Andria piange un altro suo figlio: se ne va il Questore Losito Alcuni dei ricordi di gioventù. Il saluto del nipote Francesco Giorgino
Domani il Ministro Boccia visita a Barletta l'ospedale da campo della Marina Domani il Ministro Boccia visita a Barletta l'ospedale da campo della Marina Alle ore 17 presso la Prefettura di Barletta incontrerà il Prefetto e i sindaci della Bat
Altro arrivo di materiale sanitario dalla Cina acquistato dalla Regione Puglia Altro arrivo di materiale sanitario dalla Cina acquistato dalla Regione Puglia Materiale melt blown, tessuti di cotone e valvole per mascherine, ventilatori per terapie intensive e pompe per infusione, tute e plasticherie per ventilatori TI
Coronavirus: 1.327 nuovi casi in Puglia su meno di 7mila tamponi, 116 positivi nella Bat Coronavirus: 1.327 nuovi casi in Puglia su meno di 7mila tamponi, 116 positivi nella Bat Nel bollettino odierno si registrano purtroppo 32 decessi, 14 solo nella sesta provincia
Vaccinazione anti-covid, Ministro Speranza: "Campagna senza precedenti. Prime dosi per le categorie più esposte" Vaccinazione anti-covid, Ministro Speranza: "Campagna senza precedenti. Prime dosi per le categorie più esposte" "La pressione sui sevizi sanitari è fortissima. Rt sta calando ma dovrà ancora scendere strutturalmente sotto l'1"
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.