Conferenza Presidente Giuseppe Conte
Conferenza Presidente Giuseppe Conte
Territorio

Coronavirus, nuovo Dpcm: Conte parla in diretta. Scuola in presenza ma le palestre devono adeguarsi

Conferenza stampa del premier: «Dobbiamo impegnarci per tutelare la salute ma anche l'economia con misure nel segno della adeguatezza e della proporzionalità»

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alle 21.30 ieri sera ha tenuto una conferenza stampa in diretta in cui ha illustrato il nuovo dpcm. Dopo la riunione del pomeriggio, il punto stampa era previsto alle 18.30, poi è stato spostato alle 21.30.

Il provvedimento servirà ad affrontare la nuova ondata di contagi che sta interessando l'Italia e l'Europa, e servirà a scongiurare un nuovo lockdown che, sottolinea il premier Conte, "Il Paese non può permettersi".

I sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie e piazze dove si creano assembramenti, consentendo l'accesso solo a chi deve raggiungere esercizi commerciali o abitazioni private. Le attività di ristorazione possono lavorare dalle 5 del mattino a mezzanotte solo con consumo ai tavoli, dove non c'è tale possibilità è permessa la somministrazione solo fino alle 18. Consentite consegne a domicilio senza vincolo di orario e asporto fino a mezzanotte. Nei ristoranti potranno stare al massimo 6 persone per singolo tavolo e fuori dovrà essere affisso dai ristoratori un cartello con il numero massimo di persone consentite all'interno in base ai protocolli di sicurezza.

Nessuna limitazione di orari per i servizi di ristorazione presenti in ospedali, aeroporti e autostrade. Sale gioco e sale scommesse potranno essere aperte solo fino alle 21.

La scuola continua in presenza, ma per le scuole secondarie di secondo grado verranno favorite modalità più flessibili di organizzazione dell'attività didattica, con ingresso degli alunni a partire dalle 9 e ove possibile turni pomeridiani. Idem per le Università, che dovranno attuare piani di organizzazione della didattica in base all'evoluzione del quadro pandemico locale.

Rimane vietato lo sport da contatto amatoriale, e non sono consentite gare e competizioni di attività dilettantistica di base. Consentita attività in forma individuale, così come l'attività sportiva professionistica.

Divieto a sagre e fiere locali, mentre restano possibili le fiere a carattere nazionale e internazionale. Sospesi convegni e congressi a meno che non si svolgano a distanza. Nella pubblica amministrazione tutte le riunioni dovranno svolgersi con modalità a distanza, salvo la sussistenza di comprovate ragioni. Incrementato lo smart working.

In merito alle palestre, che sono state al centro di un ampio dibattito a causa delle notizie contrastanti al riguardo, verrà data loro una settimana per verificare che i protocolli vengano rispettati. In caso negativo, dalla prossima settimana verrà sospesa l'attività in palestre e piscine.

«Siamo consapevoli di imporre sacrifici economici agli imprenditori e agli operatori che subiranno effetti negativi da queste misure, c'è l'impegno del Governo a ristorarli. La strategia che stiamo seguendo non è la stessa della primavera. Abbiamo lavorato intensamente, aumentato il personale sanitario, aumentato i posti in terapia intensiva e subintensiva. Siamo partiti da zero con le mascherine e ora ne produciamo 20 milioni al giorno, distribuendolo ogni giorno nelle scuole oltre che in ospedali, residenze per anziani e polizia. Siamo consapevoli che ci sono ancora delle criticità, dobbiamo evitare che ci siano file di ore per un tampone».

«Dobbiamo impegnarci per tutelare la salute ma anche l'economia - aggiunge il premier - con misure nel segno della adeguatezza e della proporzionalità. Le misure più efficaci rimangono comunque le precauzioni di base. Dobbiamo fare attenzione nelle situazioni in cui abbassiamo la guardia, con parenti ed amici ad esempio. Dobbiamo impegnarci e continuare a fare sacrifici in attesa che si completino le verifiche in corso sia per i vaccini che per le terapie monoclonali».

«La situazione è critica - conclude Conte - il Governo c'è, ma ciascuno deve fare la propria parte così da superare tutti insieme questo momento difficile».
  • giuseppe conte
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1207 contenuti
Altri contenuti a tema
Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Dalle ore 11.30, in piazza, a Bari, ci sarà una mobilitazione promossa dalla Fipe Bari-Bat
A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid Decisione presa a causa dell'aumento dei contagi e dei ricoveri nell'ospedale di Bisceglie
424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso 424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso Superati gli ottomila casi attualmente positivi in Regione
Covid-19: il Presidio Di Quarto di Palo pubblica avviso per l’utenza, familiari e caregiver Covid-19: il Presidio Di Quarto di Palo pubblica avviso per l’utenza, familiari e caregiver Si tratta di informazioni finalizzati a garantire la sicurezza nella struttura sanitaria
Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure La manifestazione "Siamo a terra" organizzata a Bari dal sindacato Fipe si svolgerà mercoledì mattina
Didattica a distanza: Ordinanza regionale, dal 24 novembre scuole superiori con quota non inferiore al 75% Didattica a distanza: Ordinanza regionale, dal 24 novembre scuole superiori con quota non inferiore al 75% Una ulteriore misura urgente per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19
Coronavirus, numeri ancora elevati: 515 nuovi casi in Puglia, 90 nella provincia Bat Coronavirus, numeri ancora elevati: 515 nuovi casi in Puglia, 90 nella provincia Bat Registrato anche un decesso nella sesta provincia
Arriva il nuovo Dpcm, alle 18 stop a bar e risto ma aperti di domenica Arriva il nuovo Dpcm, alle 18 stop a bar e risto ma aperti di domenica L'approvazione alla nuova versione del decreto da parte del premier è avvenuta nella notte
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.