Arsenale
Arsenale
Cronaca

Arsenale scoperto in villa ad Andria, il proprietario: «Locale in uso a De Benedictis»

Lo riferisce l'avvocato Malcangi, difensore dell'imprenditore agricolo arrestato dalla Squadra Mobile di Bari

Secondo il proprietario della villa di Andria dove la Squadra Mobile di Bari giovedì scorso ha trovato un arsenale, la dependance sotto la quale erano nascoste le armi «era nella disponibilità» dell'ex giudice molfettese Giuseppe De Benedictis, arrestato e rinchiuso nel carcere di Lecce per presunti episodi di corruzione.

Lo riferisce l'avvocato Mario Malcangi, legale difensore dell'imprenditore agricolo proprietario della villa, il 56enne Antonio Tannoia, arrestato in flagranza dopo il ritrovamento dell'arsenale. La perquisizione era stata disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, la stessa che indaga su De Benedictis per presunti episodi di corruzione in atti giudiziari in concorso con l'avvocato Giancarlo Chiariello, in carcere per la stessa inchiesta su scarcerazioni in cambio di denaro.

L'imprenditore è in carcere con le accuse di detenzione illegale di armi, comuni e da guerra, e di ricettazione. In sede di udienza di convalida dell'arresto dinanzi al gip del Tribunale di Trani, l'imprenditore si è avvalso della facoltà di non rispondere, anticipando la disponibilità a parlare con la Procura di Lecce, ma durante la perquisizione aveva fatto dichiarazioni spontanee dicendo che le armi non erano sue e che il locale dov'erano custodite era nella disponibilità dell'ex giudice.

De Benedictis, durante l'interrogatorio di garanzia, ha confessato ed è stato poi sottoposto ad un altro interrogatorio investigativo. I difensori, gli avvocati Saverio Ingraffia e Gianfranco Schirone, hanno chiesto sostituzione della misura cautelare in carcere con gli arresti domiciliari e oggi è attesa la decisione del gip.
  • questura di bari
Altri contenuti a tema
Arsenale sequestrato ad Andria, in carcere il proprietario della villa Arsenale sequestrato ad Andria, in carcere il proprietario della villa L'uomo risponde di detenzione di armi comuni da sparo e armi da guerra, esplosivi e ricettazione
Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Operazione della Squadra Mobile di Bari coordinata dalla Procura di Lecce
Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno I documenti in scadenza al 31 luglio 2020 saranno validi fino al 31 agosto
Saranno intensificate le misure di vigilanza davanti agli istituti bancari Saranno intensificate le misure di vigilanza davanti agli istituti bancari Lo ha disposto il Questore Bisogno in previsione del pagamento delle pensioni
Scoperti 6 grammi di cocaina nel corso di una perquisizione Scoperti 6 grammi di cocaina nel corso di una perquisizione Grazie al fiuto di un cane del nucleo Cinofili della Polizia di Stato
Droga: andriesi e cerignolani all'interno di un'organizzazione criminale italo/albanese Droga: andriesi e cerignolani all'interno di un'organizzazione criminale italo/albanese Un clan dedito al traffico di sostanze stupefacenti, operante in diverse regioni del Sud Italia e Paesi Europei
Operazione antidroga della Polizia di Stato: eseguiti arresti anche ad Andria Operazione antidroga della Polizia di Stato: eseguiti arresti anche ad Andria Colpita una organizzazione criminale transnazionale italo-albanese
Ordine pubblico: nella Bat aumentano le estorsioni e le rapine nelle abitazioni Ordine pubblico: nella Bat aumentano le estorsioni e le rapine nelle abitazioni L'intervento della Polizia di Stato nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Bari (con le province Bari e Bat)
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.