Arsenale
Arsenale
Cronaca

Arsenale sequestrato ad Andria, in carcere il proprietario della villa

L'uomo risponde di detenzione di armi comuni da sparo e armi da guerra, esplosivi e ricettazione

C'è un arresto a seguito del ritrovamento dell'arsenale ad Andria. Si trova attualmente nel carcere di Trani l'imprenditore andriese, 66enne incensurato, T.A., proprietario della villa dove ieri la Squadra mobile della Questura di Bari ha scoperto un arsenale con armi da guerra durante una perquisizione disposta dalla Dda di Lecce. L'uomo risponde di detenzione di armi comuni da sparo e armi da guerra, esplosivi e ricettazione. La notizia è riportata dall'Ansa.

L'arsenale, sottoposto a sequestro, è composto da 65 fucili mitragliatori d'assalto (Uzi, Kalashnikov AK 47, M12, AR15), 33 fucili (tra cui carabine di precisione), 99 pistole, mine anticarro, bombe a mano, circa 300 detonatori e 10 silenziatori per pistole. Le armi erano nascoste in una botola sigillata con una grata di ferro, ricavata al di sotto di una dependance sul retro della villa. Le operazioni di rinvenimento e catalogazione delle armi sono durate circa 24 ore, da ieri mattina fino all'alba di oggi e vi hanno lavorati agenti della Squadra mobile di Bari con l'ausilio di unità cinofile, artificieri e Polizia scientifica di Roma e Bari. L'arresto in flagranza dell'imprenditore agricolo è stato firmato dalla Procura di Trani.

L'arsenale «ad una prima valutazione potrebbe verosimilmente rappresentare ad oggi il più importante sequestro di armi mai effettuato nel paese».
Lo aveva scritto il procuratore della Repubblica di Lecce, Leonardo Leone de Castris, in una nota nella quale rivolge un «sentito plauso" agli agenti della Squadra Mobile di Bari «per la grande professionalità dimostrata nella complessa indagine».

Da indiscrezioni, la scoperta deriva da un filone di indagini relativo all'arresto dell'ex GIP di Bari, il magistrato Giuseppe De Benedictis, in carcere a Lecce dalla scorso 24 aprile con l'accusa di concorso in corruzione in atti giudiziari, assieme al penalista barese Giancarlo Chiariello.
Social Video2 minutiArsenale video
  • questura di bari
Altri contenuti a tema
Arsenale scoperto in villa ad Andria, il proprietario: «Locale in uso a De Benedictis» Arsenale scoperto in villa ad Andria, il proprietario: «Locale in uso a De Benedictis» Lo riferisce l'avvocato Malcangi, difensore dell'imprenditore agricolo arrestato dalla Squadra Mobile di Bari
Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Operazione della Squadra Mobile di Bari coordinata dalla Procura di Lecce
Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno Ufficio immigrazione: prorogata la validità dei permessi di soggiorno I documenti in scadenza al 31 luglio 2020 saranno validi fino al 31 agosto
Saranno intensificate le misure di vigilanza davanti agli istituti bancari Saranno intensificate le misure di vigilanza davanti agli istituti bancari Lo ha disposto il Questore Bisogno in previsione del pagamento delle pensioni
Scoperti 6 grammi di cocaina nel corso di una perquisizione Scoperti 6 grammi di cocaina nel corso di una perquisizione Grazie al fiuto di un cane del nucleo Cinofili della Polizia di Stato
Droga: andriesi e cerignolani all'interno di un'organizzazione criminale italo/albanese Droga: andriesi e cerignolani all'interno di un'organizzazione criminale italo/albanese Un clan dedito al traffico di sostanze stupefacenti, operante in diverse regioni del Sud Italia e Paesi Europei
Operazione antidroga della Polizia di Stato: eseguiti arresti anche ad Andria Operazione antidroga della Polizia di Stato: eseguiti arresti anche ad Andria Colpita una organizzazione criminale transnazionale italo-albanese
Ordine pubblico: nella Bat aumentano le estorsioni e le rapine nelle abitazioni Ordine pubblico: nella Bat aumentano le estorsioni e le rapine nelle abitazioni L'intervento della Polizia di Stato nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Bari (con le province Bari e Bat)
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.