ritrovamento armi e munizioni nelle campagne di Andria
ritrovamento armi e munizioni nelle campagne di Andria
Cronaca

Tanti i dubbi sul ritrovamento delle armi e dell'esplosivo in una villa di contrada Borduito

L'arsenale in uso alla malavita o nella disponibilità del giudice De Benedictis?

La scoperta nelle campagne di Andria, di uno degli arsenali di armi e munizioni più importanti avvenuti nel paese, da parte della squadra mobile di Bari, sta portando gli investigatori della Polizia di Stato a prospettare una serie di ipotesi.

A cosa mai potevano servire tante armi comuni e da guerra, con relativo munizionamento ed esplosivo di vario genere, detenuti da un insospettabile imprenditore agricolo all'interno di una villetta di campagna, situata a pochi chilometri dal centro abitato, in contrada Borduito?

Sarebbero state le indagini sull'arresto dell'ex GIP del tribunale di Bari, Giuseppe De Benedictis e dell'avvocato penalista barese Giancarlo Chiariello, condotte dalla procura leccese, a portare i poliziotti, guidati dal capo della Mobile Filippo Portoghese a scoprire questa santabarbara. Le armi, tutte perfettamente funzionanti ed isolate dall'umidità con appositi teli di plastica sono tutte in perfetto stato d'uso. Ed allora perchè tenerle in questo luogo segreto? e soprattutto per farne quale uso? esasperato collezionismo od utilizzo per scopi criminali?

Certamente il clamore mediatico di questa sconvolgente vicenda ha riportato Andria agli onori delle cronache ed in particolare sul livello di pericolosità criminale insito nel commettere questo tipo di azioni delittuose.

L'imminente entrata in funzione della Questura di Andria e l'operatività dei Comandi provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza, il primo a Trani ed il secondo a Barletta, non potranno che migliorare la percezione di sicurezza e di ordine pubblico da parte della collettività, stanca di doversi continuare ad preoccupare di una vivibilità minata da queste incognite, con la pandemia che non lascia spazio alla vita regolare.
  • polizia
Altri contenuti a tema
Sciame di api su via Don Sturzo: intervento di un apicoltore per rimuoverlo da un esercizio commerciale Sciame di api su via Don Sturzo: intervento di un apicoltore per rimuoverlo da un esercizio commerciale E' accaduto questa mattina. Sul posto la Polizia Locale che ha messo in sicurezza la zona
Armi, esplosivi e munizioni: scoperta ad Andria "santabarbara" della mala Armi, esplosivi e munizioni: scoperta ad Andria "santabarbara" della mala In un casolare di campagna l'ingente quantitativo ritrovato dalla Squadra Mobile di Bari
Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Arsenale da guerra scoperto nelle campagne di Andria Operazione della Squadra Mobile di Bari coordinata dalla Procura di Lecce
Fiamme nel cortile del Palazzetto dello Sport, fuoco appiccato da ragazzini? Fiamme nel cortile del Palazzetto dello Sport, fuoco appiccato da ragazzini? La denuncia dell'assessore Colasuonno. La Polizia di Stato è prontamente intervenuta, scongiurando danni più gravi
Polizia di Stato, Persia (Coisp): "Con la Questura di Andria necessario coprire le zone decentrate della Bat" Polizia di Stato, Persia (Coisp): "Con la Questura di Andria necessario coprire le zone decentrate della Bat" Il commento del Segretario Generale del Sindacato di Polizia COISP di Bari Uccio Persia
Tentato furto d'auto in trasferta, arrestati quattro andriesi Tentato furto d'auto in trasferta, arrestati quattro andriesi Un poliziotto libero da servizio si è reso conto di ciò che stava accadendo e ha chiamato i colleghi
1 “Il Covid ci sta decimando”: il grido d’allarme del sindacato di Polizia “Il Covid ci sta decimando”: il grido d’allarme del sindacato di Polizia Nonostante tutto, donne e uomini in divisa continuano ad operare con la massima dedizione e professionalità
Detenevano e condividevano materiale pedopornografico: indagato anche un minore di Andria Detenevano e condividevano materiale pedopornografico: indagato anche un minore di Andria Indagine da parte della Polizia di Stato di Gallipoli
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.