ambulanza 118
ambulanza 118
Politica

Agenzia 118 per l'emergenza urgenza: la contrarietà delle opposizioni

In Commissione sanità Forza Italia e M5S si sono astenuti con diverse motivazioni

Il nuovo modello regionale circa la gestione dell'emergenza urgenza in ambito sanitario, presentato ieri in Commissione Sanità, non ha trovato d'accordo le opposizioni, Forza Italia e M5S che si sono astenuti. Ecco le loro posizioni.

"Una Regione che non è ancora uscita dal Piano Operativo, si appresta a varare una riforma che farà lievitare alle stelle i costi per le casse pubbliche: è solo una delle ragioni per le quali dobbiamo sfilare il cartellino rosso al disegno di legge per istituire un'azienda regionale per l'emergenza-urgenza". Così il capogruppo di Forza Italia, Nino Marmo, durante la riunione della III Commissione consiliare di ieri. "La riorganizzazione proposta da Emiliano –aggiunge- è amministrativa e richiederà una struttura abnorme: un direttore generale, uno amministrativo è uno sanitario, una macrostruttura con dipendenti… con un aumento di personale per il settore, dalle attuali 1.200 unità ad oltre 3 mila. Il tutto per una sola specialità. Allora dovremmo immaginare anche un'azienda unica per le patologie tumorali, cardiache e altre. Basta poco per comprendere quanto sia un azzardo che non possiamo consentire. Questo modello 'geniale' verrebbe importato, di fatto, dalla Regione Lombardia, da cui la Puglia, in termini di qualità del servizio, non ha nulla da imparare. Si tratta di un'ambiziosa colonizzazione lombarda che si sta espandendo in fretta in molte regioni d'Italia. Chissà perché. Abbiamo proposto un modello basato, invece, su sei dipartimenti provinciali, tutti connessi tra loro ed un consiglio del dipartimento dell'emergenza con i sei direttori provinciali . Ma la Giunta ha deciso di andare a testa bassa. I costi di tanta pervicacia la pagheranno i pugliesi".

"Ci siamo astenuti perché riteniamo giusto riorganizzare il sistema dell'emergenza-urgenza per dare finalmente dignità ai dipendenti e maggiore sicurezza ai pazienti ma, come detto anche dagli operatori sanitari, il modello dev'essere quello dipartimentale e non quello aziendale previsto dal Disegno di Legge. Peccato che Emiliano ancora una volta si sia completamente disinteressato del parere degli addetti ai lavori che non è neanche venuto ad ascoltare". Lo dichiarano i consiglieri del M5S Marco Galante e Mario Conca a margine dell'approvazione in III Commissione Consiliare Sanità del disegno di legge sull'istituzione dell'azienda regionale dell'emergenza-urgenza della Puglia.
"Ci chiediamo che senso abbia avuto fare decine di audizioni - proseguono i pentastellati - se non c'era la disponibilità a discutere del modello, come candidamente ammesso oggi. L'ennesima presa in giro di Emiliano che, ancora una volta, dimostra quanto tenga alla partecipazione. Siamo d'accordo sull'idea di superare il modello attuale, creando una interconnessione tra i territori superando il "finto volontariato", e sulla necessità di regolarizzare autisti-soccorritori che hanno il sacrosanto diritto di essere riconosciuti, tuttavia non riteniamo che quello dell'agenzia sia il modello giusto. Da mesi chiediamo di conoscere i risultati delle altre regioni in cui è stata istituita l'Agenzia per capire se l'aumento dei costi che questa comporterà, sia proporzionato ai benefici per pazienti e operatori, ma ancora una volta non ci è stato fornito alcun dato. Di fatto si creerà una nuova Asl - concludono - che sarà utile a Emiliano solo per distribuire nuove poltrone in vista della prossima campagna elettorale".
  • Sanità
  • michele emiliano
  • nino marmo
  • 118
  • forza italia
  • operatore socio sanitario
  • M5S Puglia
  • Infermieri e assistenti sanitari
Altri contenuti a tema
Decisione Corte UE su Popolare di Bari. Ruggiero (M5S): "Sentenza storica. Commissione UE rimborsi i risparmiatori" Decisione Corte UE su Popolare di Bari. Ruggiero (M5S): "Sentenza storica. Commissione UE rimborsi i risparmiatori" Rimarcata gestione scorretta delle crisi bancarie dei governi precedenti. Governo Conte stanziato già 1,5 mld risarcimento risparmiatori truffati
Sui vaccini interviene Bozzetti (M5S): "Bambini in regola devono rientrare subito in classe" Sui vaccini interviene Bozzetti (M5S): "Bambini in regola devono rientrare subito in classe" "C'è tempo fino a luglio per provvedere a tutte le vaccinazioni necessarie" sottolinea il consigliere regionale pentastellato
Tangenziale ovest di Andria: 9 km di nuovo ed inutile tracciato stradale Tangenziale ovest di Andria: 9 km di nuovo ed inutile tracciato stradale Circa 60 ettari di uliveti sarebbero espiantati per un costo che andrebbe oltre i 20 mln di euro
Canale Ciappetta-Camaggio, Di Bari (M5S): "Quando Zinni, Marmo e Caracciolo, smetteranno di prendersi i meriti degli altri?" Canale Ciappetta-Camaggio, Di Bari (M5S): "Quando Zinni, Marmo e Caracciolo, smetteranno di prendersi i meriti degli altri?" "Per il definitivo sblocco dei fondi, ci vorrà il nulla osta da parte dell'agenzia per la Coesione Territoriale, con il Ministro Lezzi"
Sanità: nasce il Codice Rosa nei Pronto Soccorso Sanità: nasce il Codice Rosa nei Pronto Soccorso Approvata ieri in III Commissione Sanità, la proposta per il contrasto alla violenza di genere
Global Strike for future: Emiliano sulla mobilitazione dei giovani per salvare il pianeta Global Strike for future: Emiliano sulla mobilitazione dei giovani per salvare il pianeta "Qui in Puglia, stiamo combattendo da tre anni per tutelare ambiente e salute da continue minacce"
Affidare prenotazioni ai medici di famiglia, così stop a lunghe code a Cup ed ospedali Affidare prenotazioni ai medici di famiglia, così stop a lunghe code a Cup ed ospedali La proposta formulata dal presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo
Canale Ciappetta Camaggio: il plauso dei consiglieri Zinni, Marmo e Caracciolo Canale Ciappetta Camaggio: il plauso dei consiglieri Zinni, Marmo e Caracciolo "La mitigazione del rischio idrogeologico per il canale Ciappetta-Camaggio è finalmente realtà"
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.