Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
Attualità

Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati

Domenica 13 Maggio, la cerimonia con Don Geremia Acri e l’assessore alle Politiche sociali, Avv. Francesca Magliano

Una calda e piacevole domenica, 13 Maggio scorso, in cui si è festeggiata la figura della "Mamma" e che ha visto anche un'altra importante festa per un gruppo di ragazzi rifugiati, accolti nella loro nuova abitazione.

Don Geremia Acri, Responsabile della Comunità "Migrantesliberi", di Andria con gli operatori del Progetto SPRAR "Come.Te" e l'assessore alle Politiche Sociali del Comune di Andria, Avv. Francesca Magliano, hanno partecipato al momento di preghiera, benedizione e "inaugurazione" della nuova unità abitativa.
Questa casa è un nuovo inizio per la loro vita.

Ismail, Diallo, Oloyede e Mane sono quattro ragazzi ospiti del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati del Ministero dell'Interno) che garantisce interventi di "accoglienza integrata" ai richiedenti asilo e rifugiati attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. Nella città di Andria il Progetto SPRAR "Come.Te" è in capo al settore Socio-Sanitario del Comune di Andria ed è gestito dalla Comunità "Migrantesliberi".
Questi ragazzi sono stati testimoni di interventi volti all'"accoglienza integrata" che superano l'ordinaria distribuzione di vitto e alloggio, e prevedono in modo complementare anche misure di orientamento e accompagnamento legale e sociale, nonché la costruzione di percorsi individuali di inclusione e di inserimento socio-economico.

«Obiettivo principale dello SPRAR -ha sottolineato l'Assessore Francesca Magliano- è la presa in carico della singola persona accolta, in funzione dell'attivazione di un percorso individualizzato di (ri)conquista della propria autonomia, per un'effettiva partecipazione al territorio italiano, in termini di integrazione lavorativa e abitativa, di accesso ai servizi del territorio, di socializzazione».
«Il progetto SPRAR "Come.Te" ha avviato il terzo inserimento abitativo – commenta don Geremia Acri -, che consiste nell'affitto di un appartamento, in cui vivranno 4 ragazzi titolari di protezione umanitaria e sussidiaria, sia di religione musulmana che cristiana. Questi beneficiari sono in possesso di un regolare contratto di lavoro e di un positivo processo di inserimento sociale e culturale.
L'alloggio rappresenta un anello importante per completare il sistema locale di accoglienza: offre un aiuto importante al percorso di inserimento di persone che già svolgono un'attività di lavoro per supportare il raggiungimento di una loro piena autonomia abitativa, consente un'uscita dal progetto di seconda accoglienza per coloro che raggiungono una condizione di autonomia economica.

La prassi appare innovativa nel nostro contesto territoriale, avvia una specifica progettazione sulla seconda accoglienza e questo intervento permette, di rispondere al bisogno di persone, consentendo una fuoriuscita dai percorsi assistenziali ed un supporto verso condizioni di definitiva autonomia».
La statua di una madre con in grembo un bambino, è il dono che don Geremia Acri ha dato ai ragazzi: «Tale raffigurazione – commenta il referente della comunità Migrantesliberi - vuole ricordare e augurare a loro l'abbraccio del nostro Paese che li ha accolti, aiutati e amati; l'abbraccio degli operatori che durante il percorso di accoglienza li ascoltano e supportano nei loro momenti difficili; il ricordo della loro terra lontana e amata, dove hanno lasciato i loro cari, le loro mamme, moglie, figli. Ma quella terra è anche il ricordo doloroso delle torture, soprusi subite solo per la rincorsa di una vita dignitosa».
Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiatiAccoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiatiAccoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
  • don geremia acri
  • Associazione Migrantes
  • Francesca Magliano
Altri contenuti a tema
Giunge alla seconda edizione il progetto "Stiamo al verde 2.0" Giunge alla seconda edizione il progetto "Stiamo al verde 2.0" A cura dell'8° Circolo Didattico "Rosmini" in collaborazione con la Comunità "Migrantesliberi"
Officina San Domenico, incontro su "Oltre il disagio giovanile: analisi, prevenzione e recupero" Officina San Domenico, incontro su "Oltre il disagio giovanile: analisi, prevenzione e recupero" Appuntamento per venerdì 25 Maggio alle ore 18:30, in via Sant'Angelo dei Meli 36
Montegrosso: Un contenitore culturale per far crescere il Borgo Montegrosso: Un contenitore culturale per far crescere il Borgo "Il Borgo si arricchisce di un nuovo strumento per la crescita e lo sviluppo della piccola comunità locale"
“Solo un piccolo uomo usa violenza sulle donne per sentirsi grande” “Solo un piccolo uomo usa violenza sulle donne per sentirsi grande” Convegno presso l’auditorium dell’IISS “Riccardo Lotti” di Andria
Corretti stili di vita e regolari controlli sanitari nel progetto "Parlo con te" Corretti stili di vita e regolari controlli sanitari nel progetto "Parlo con te" Presentata a Palazzo di Città una campagna di comunicazione per gli over 60
Nuovo appuntamento questa sera de "Le Amiche per le Amiche" Nuovo appuntamento questa sera de "Le Amiche per le Amiche" Salotto letterario con Francesca Diotallevi, Porzia Quagliarella, Stefania Campanile e Serena Botta
Convegno su il nuovo Codice del Terzo Settore Convegno su il nuovo Codice del Terzo Settore "Lavoriamo insieme per scrivere i decreti attuativi"
Gioco d'azzardo, una piaga sociale: ad Andria si spendono 2151 euro pro capite Gioco d'azzardo, una piaga sociale: ad Andria si spendono 2151 euro pro capite Mons. D’Urso (Pres. Naz. della Consulta antiusura): "Lo stato è disinteressato"
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.