Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
Attualità

Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati

Domenica 13 Maggio, la cerimonia con Don Geremia Acri e l’assessore alle Politiche sociali, Avv. Francesca Magliano

Una calda e piacevole domenica, 13 Maggio scorso, in cui si è festeggiata la figura della "Mamma" e che ha visto anche un'altra importante festa per un gruppo di ragazzi rifugiati, accolti nella loro nuova abitazione.

Don Geremia Acri, Responsabile della Comunità "Migrantesliberi", di Andria con gli operatori del Progetto SPRAR "Come.Te" e l'assessore alle Politiche Sociali del Comune di Andria, Avv. Francesca Magliano, hanno partecipato al momento di preghiera, benedizione e "inaugurazione" della nuova unità abitativa.
Questa casa è un nuovo inizio per la loro vita.

Ismail, Diallo, Oloyede e Mane sono quattro ragazzi ospiti del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati del Ministero dell'Interno) che garantisce interventi di "accoglienza integrata" ai richiedenti asilo e rifugiati attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. Nella città di Andria il Progetto SPRAR "Come.Te" è in capo al settore Socio-Sanitario del Comune di Andria ed è gestito dalla Comunità "Migrantesliberi".
Questi ragazzi sono stati testimoni di interventi volti all'"accoglienza integrata" che superano l'ordinaria distribuzione di vitto e alloggio, e prevedono in modo complementare anche misure di orientamento e accompagnamento legale e sociale, nonché la costruzione di percorsi individuali di inclusione e di inserimento socio-economico.

«Obiettivo principale dello SPRAR -ha sottolineato l'Assessore Francesca Magliano- è la presa in carico della singola persona accolta, in funzione dell'attivazione di un percorso individualizzato di (ri)conquista della propria autonomia, per un'effettiva partecipazione al territorio italiano, in termini di integrazione lavorativa e abitativa, di accesso ai servizi del territorio, di socializzazione».
«Il progetto SPRAR "Come.Te" ha avviato il terzo inserimento abitativo – commenta don Geremia Acri -, che consiste nell'affitto di un appartamento, in cui vivranno 4 ragazzi titolari di protezione umanitaria e sussidiaria, sia di religione musulmana che cristiana. Questi beneficiari sono in possesso di un regolare contratto di lavoro e di un positivo processo di inserimento sociale e culturale.
L'alloggio rappresenta un anello importante per completare il sistema locale di accoglienza: offre un aiuto importante al percorso di inserimento di persone che già svolgono un'attività di lavoro per supportare il raggiungimento di una loro piena autonomia abitativa, consente un'uscita dal progetto di seconda accoglienza per coloro che raggiungono una condizione di autonomia economica.

La prassi appare innovativa nel nostro contesto territoriale, avvia una specifica progettazione sulla seconda accoglienza e questo intervento permette, di rispondere al bisogno di persone, consentendo una fuoriuscita dai percorsi assistenziali ed un supporto verso condizioni di definitiva autonomia».
La statua di una madre con in grembo un bambino, è il dono che don Geremia Acri ha dato ai ragazzi: «Tale raffigurazione – commenta il referente della comunità Migrantesliberi - vuole ricordare e augurare a loro l'abbraccio del nostro Paese che li ha accolti, aiutati e amati; l'abbraccio degli operatori che durante il percorso di accoglienza li ascoltano e supportano nei loro momenti difficili; il ricordo della loro terra lontana e amata, dove hanno lasciato i loro cari, le loro mamme, moglie, figli. Ma quella terra è anche il ricordo doloroso delle torture, soprusi subite solo per la rincorsa di una vita dignitosa».
Accoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiatiAccoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiatiAccoglienza ai migranti: inaugurata una nuova unità abitativa per quattro rifugiati
  • don geremia acri
  • Associazione Migrantes
  • Francesca Magliano
Altri contenuti a tema
IAT di Piazza Catuma, ass. Magliano: "attivati profili Fb, Instagram, indirizzo mail e wi-fi" IAT di Piazza Catuma, ass. Magliano: "attivati profili Fb, Instagram, indirizzo mail e wi-fi" In questi giorni registrata uan discreta affluenza di turisti, anche stranieri
Ass. Magliano: "Manifestazioni culturali, la parola d'ordine sarà partecipazione" Ass. Magliano: "Manifestazioni culturali, la parola d'ordine sarà partecipazione" #andriafucinadiidee #faredipiuconmeno" sono gli obiettivi cui punta la neo assessora alla cultura ed al turismo
1 Strage braccianti, don Geremia: "Vittime della negligenza di tanti, una forma di razzismo spietato” Strage braccianti, don Geremia: "Vittime della negligenza di tanti, una forma di razzismo spietato” Intervista al responsabile del centro Migrantes di Andria pubblicata su AgenSir
Turismo, l'assessore Magliano convoca le associazioni iscritte all'albo comunale Turismo, l'assessore Magliano convoca le associazioni iscritte all'albo comunale Montaruli (Unimpresa Bat): "Spero che questo metodo venga imitato anche dagli altri suoi colleghi"
Castel dei Mondi tra disequilibrio comunale e finanziamenti regionali. Il Festival si farà Castel dei Mondi tra disequilibrio comunale e finanziamenti regionali. Il Festival si farà L'ass. Magliano chiama a raccolta le realtà andriesi, mentre Marmo riesce a far giungere un finanziamento ulteriore di 180 mila euro
Lo sport oltre le barriere e le frontiere: torneo di beach volley con gli ospiti della Comunità “Migrantesliberi” Lo sport oltre le barriere e le frontiere: torneo di beach volley con gli ospiti della Comunità “Migrantesliberi” L'evento si svolgerà il 4 e 5 agosto, alle ore 17:00 presso il lido Mattinelle a Trani
La Asl/Bt dedica uno sportello al contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico La Asl/Bt dedica uno sportello al contrasto al Gioco d'Azzardo Patologico Il Servizio GAP, inaugurato a Barletta presso l'ex ospedale Umberto I, agirà a livello provinciale con le realtà associative presenti sul territorio
Preghiera e digiuno di giustizia  per un’umanità in "bancarotta" Preghiera e digiuno di giustizia per un’umanità in "bancarotta" Giovedì 19 luglio alle ore 19 una messa alla Chiesa Santa Madonna della Grazia di Andria per "cambiare rotta"
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.