InkedAssembramenti davanti alle banche LI
InkedAssembramenti davanti alle banche LI

«Banche e uffici postali: aumentano gli assembramenti ma le commissioni non diminuiscono»

La segnalazione di un cittadino andriese: «I disagi sono aumentati»

Evitare gli assembramenti. E' questa una delle prerogative che il Governo e le istituzioni locali hanno imposto per impedire la diffusione del virus Covid-19: per questa ragione la maggior parte delle attività commerciali è rimasta chiusa per quasi due mesi (e per tanti le serrande resteranno ancora abbassate), lasciando aperti sono i servizi necessari quali alimentari, farmacie, uffici postali e banche. In tanti, però, si sono espressi criticamente circa la "gestione" degli assembramenti: «Nei bar non si può entrare nemmeno uno per volta, invece davanti alle banche e gli uffici postali ci possono essere assembramenti per via del fatto che fanno orari ridotti», ci scrive un cittadino andriese.

Assembramenti per i quali è stato talvolta necessario, nella nostra città, l'intervento delle Forze dell'Ordine per controllare e gestire nel migliore dei modi l'ingente afflusso di persone, in coda davanti agli ingressi delle banche e delle poste per effettuare i consueti pagamenti o riscuotere le pensioni. L'aumento dei cittadini in coda dipende, principalmente, da una riduzione degli orari di lavoro decisa da alcune banche, come ci segnala il nostro lettore evidenziando altresì che i costi delle commissioni sono rimasti invariati: «È più facile multare chi si allontana da casa per più di 200 metri che imporre alle banche di dilatare i tempi di apertura. Peraltro, le banche non ci hanno ridotto i costi delle operazioni ma piuttosto hanno ridotto il personale. Lo stesso discorso vale per gli uffici postali, dove i costi non sono diminuiti ma piuttosto sono aumentati i disagi».
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

2881 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, continua a calare il numero degli attualmente positivi Covid in Puglia, continua a calare il numero degli attualmente positivi Nessun decesso registrato nelle ultime ore
Covid, meno di 450 ricoverati in Puglia Covid, meno di 450 ricoverati in Puglia Tasso di positività ai test superiore al 15% nelle ultime ore
Covid, 23 decessi registrati in Puglia nelle ultime ore Covid, 23 decessi registrati in Puglia nelle ultime ore Netto calo dei ricoverati
Covid in Puglia, attualmente positivi vicini a quota 50 mila Covid in Puglia, attualmente positivi vicini a quota 50 mila 6 i decessi registrati nelle ultime ore
Covid in Puglia, scendono i ricoverati nelle ultime ore Covid in Puglia, scendono i ricoverati nelle ultime ore Stabile il dato degli attualmente positivi
Covid in Puglia, ricoverati stabili intorno a quota 500 Covid in Puglia, ricoverati stabili intorno a quota 500 Circa 55 mila gli attualmente positivi
Contributo Covid 19 prorogato fino al 31 agosto 2022: via libera dalla Giunta regionale Contributo Covid 19 prorogato fino al 31 agosto 2022: via libera dalla Giunta regionale In favore delle persone in condizione di gravissima disabilità e non autosufficienza
La Regione non paga da gennaio i tamponi alle farmacie La Regione non paga da gennaio i tamponi alle farmacie Sconcertante denuncia del commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis, e del vice commissario, il sen Dario Damiani
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.