img
img
Eventi e cultura

"VUOLSI COSÌ - Dalí racconta Dante" al Museo Diocesano di Andria

Dal 15 al 27 novembre in esposizione 100 riproduzioni litografiche per raccontare i passi principali della Divina Commedia

Sarà aperta al pubblico dal 15 al 27 novembre prossimo nelle sale espositive del Museo Diocesano di Andria in Via De Anellis, 46, "VUOLSI COSÌ - Dalí racconta Dante", 100 riproduzioni delle litografie realizzate da Dalí nel periodo compreso fra il 1957 e il 1965 per raccontare visivamente i passi più importanti della Divina Commedia, organizzate in un percorso psicanalitico che si svolge fra Inferno, Purgatorio e Paradiso.

L'iniziativa, promossa dalle associazioni "Il Solstizio" e "Urban Center", si avvale dei patrocini del Consiglio regionale della Puglia, del Comune di Andria - Assessorato alle Politiche giovanili e del Museo Diocesano "San Riccardo". «In occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri - dichiara Sebastiano Sgaramella responsabile de Il Solstizio - abbiamo voluto celebrare il Sommo Poeta e il suoi versi immortali attraverso le opere di uno dei massimi interpreti dell'arte contemporanea, Salvador Dalí, aprendo, al contempo, lo spazio anche a valenti artisti locali impegnati nel campo della scenografia teatrale».

«Si tratta di una iniziativa che vede nella sua realizzazione diversi protagonisti - specifica Luigi Del Giudice di Urban Center -. La poesia di Dante e l'arte di Dalí in primis. I versi della Divina Commedia accompagneranno le opere del grande artista catalano in uno stimolante gioco di rimandi e di interpretazioni. Spetterà, poi, al fruitore inserirsi nel gioco e decodificare i significati attingendo anche ai vissuti personali. Sculture realizzate da giovani artisti volteggeranno sospese nell'aria come esseri-anime lievi, impalpabili, indefinite quasi a voler raggiungere nuove dimensioni oltre la materia. Ci sarà, però, spazio anche al teatro e alla musica. In occasione della giornata inaugurale, alle ore 20, l'attrice Adele Tirant incarnerà la Divina Commedia e darà voce alle terzine dantesche trascinando e accompagnando il pubblico nel fil rouge del percorso espositivo. La sua voce, poi, incrociandosi con le note prodotte dal sintetizzatore elettronico suonato da Primitivo darà origine a straordinari effetti acustici, in accordo con il trascendente dantesco e l'onirismo daliniano».

«La curatela dell'esposizione - specificano Giuseppe Casafina e Primitivo, ideatori della mostra-rappresentazione - si sviluppa attorno all'idea di cantiere inteso come spazio e metaspazio per la composizione e scomposizione della memoria collettiva e dell'identità visiva e testuale che appartiene all'immaginario di Dante e Dalí. Il cantiere vuole esprimere l'idea Dantesca di drammaticità della condizione umana, la sensazione di fatica e di dolore associata alla nascita e alla morte del corpo e dello spazio. Come strumento per la scomposizione e ricomposizione del sogno, il cantiere nel suo carattere precario e instabile idealizza e concettualizza l'estetica Daliniana che inscena la perenne compenetrazione fra conscio e inconscio. La mostra propone allo spettatore di trasformarsi in archeologo del senso agendo nel cantiere della memoria storica che gli si presenta contemporaneamente familiare ed estraneo. L'immagine del cantiere viene decontestualizzata dall'immaginario contemporaneo assumendo il carattere di simbolo concettuale della precarietà dell'umanità con l'obiettivo di generare un cortocircuito visivo e concettuale che permetta di inserire la dimensione storica all'interno della dimensione contemporanea e viceversa».
  • Museo Diocesano "San Riccardo"
Altri contenuti a tema
Al Museo Diocesano di Andria la mostra "San Giuseppe-Arte e Tradizione" Al Museo Diocesano di Andria la mostra "San Giuseppe-Arte e Tradizione" Nel pomeriggio odierno la presentazione dell'iniziativa organizzata da UniTre e FIDAPA
Chiara Leonetti debutta ad Andria con la mostra “Passato e Futuro delle tecniche artistiche” Chiara Leonetti debutta ad Andria con la mostra “Passato e Futuro delle tecniche artistiche” L’intervista alla disegnatrice andriese, le cui opere sono esposte presso il Museo Diocesano “San Riccardo”
Mostra "San Giuseppe – Arte e Tradizione" presso il Museo Diocesano di Andria Mostra "San Giuseppe – Arte e Tradizione" presso il Museo Diocesano di Andria Visitabile fino al 7 gennaio 2022, durante i giorni e gli orari di apertura del Museo: dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 20
Nichi Vendola e la nuova patria: l’intreccio della dimensione politica con quella poetica Nichi Vendola e la nuova patria: l’intreccio della dimensione politica con quella poetica L'ex presidente della Regione, presenta ad Andria nell'auditorium del museo diocesano San Riccardo, il suo nuovo libro
"Patrie", Nichi Vendola presenta ad Andria il suo ultimo libro "Patrie", Nichi Vendola presenta ad Andria il suo ultimo libro L'incontro si terrà nel pomeriggio di oggi, alle ore 19:30, presso il Museo Diocesano "San Riccardo"
Nichi Vendola e Riccardo Lanzarone ad Andria il 16 e 17 dicembre per due incontri letterari Nichi Vendola e Riccardo Lanzarone ad Andria il 16 e 17 dicembre per due incontri letterari Appuntamenti promossi dal Circolo dei Lettori, dalla Biblioteca Diocesana, dal Forum di formazione all'impegno sociale e politico e dal Museo Diocesano
"Il potere: uno spazio inquieto", nuovo saggio del prof. Rocco D’Ambrosio presentato ad Andria "Il potere: uno spazio inquieto", nuovo saggio del prof. Rocco D’Ambrosio presentato ad Andria Evento dal Forum di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, appuntamento venerdì 10 dicembre
"Il potere: uno spazio inquieto": il nuovo saggio del prof. Rocco D’Ambrosio presentato ad Andria "Il potere: uno spazio inquieto": il nuovo saggio del prof. Rocco D’Ambrosio presentato ad Andria Iniziativa del Forum di Formazione all’Impegno Sociale e Politico, in programma venerdì 10 dicembre 2021
© 2001-2022 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.