Evento di Teresa Calvano
Evento di Teresa Calvano
Eventi e cultura

Teresa Calvano e le sue “Anime belle” in bianco: “(Con)vivere col cancro”

Ieri a Trani l’evento più atteso dalle future spose, tra abiti e consulenti d’immagine

Si è tenuto ieri, in una sala ricevimenti di Trani, un evento gratuito dedicato a tutte le spose e le future coppie. Certamente non la solita sfilata di abiti, ma un'occasione per riflettere sulla figura della sposa che è prima di tutto donna, nei suoi momenti di gioia e difficoltà. Sul palco, a presentare la collezione di abiti da sposa 2018, non solo modelle ma anche le donne del progetto "Anime belle di Teresa Calvano – unite contro il cancro": Teresa, Mariagrazia e Michela, ornando il capo con i turbanti creati nell'ambito del progetto (T)urban Wave, hanno mostrato e dimostrato sensualità e forza d'animo.

"Abbiamo voluto lanciare il nostro progetto anche nel mondo dei matrimoni proponendo tre nuovi modelli da sposa – spiega l'andriese Teresa Calvano, ideatrice del laboratorio di turbanti - e promuovere l'idea di una sposa che conviva serenamente con la propria malattia. Metterci in gioco è stato piacevole e, nonostante quel mondo di lustrini fosse sino a ieri così lontano dagli ambienti di ospedale che spesso frequentiamo, ci siamo sentite scaldate dall'affetto e dall'umiltà di Sabrina Altamura (organizzatrice), di Francesca Forni (donatrice degli abiti) e delle modelle. Portare il cancro in passerella è stata un'emozione forte, lanciare un messaggio di positività è stato bellissimo".

"Nonostante i cambiamenti del corpo dovuti alle terapie, - spiega Sabrina Altamura, consulente d'immagine - una donna non deve mai rinunciare al suo giorno più importante e con l'abito giusto e la personalizzazione del look ognuna può diventare una sposa perfetta". Tra gli altri ospiti della serata anche tre imprenditori della cooperativa "Nido di seta", provenienti dalla regione Calabria.
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMGIMG WA
  • malati cancro andria
  • Teresa Calvano
Altri contenuti a tema
Anime Belle al "Rizzoli" per donare un sorriso alle malate oncologiche Anime Belle al "Rizzoli" per donare un sorriso alle malate oncologiche Il progetto (T)urban Wave giunge a Bologna con i regali donati da "Le Amiche per le Amiche"
Parrucche agli oncologici, via ai rimborsi dal primo agosto Parrucche agli oncologici, via ai rimborsi dal primo agosto Presso la propria Asl il modulo
Onda d'urto dà il benvenuto ai medici del gruppo di ricerca Onda d'urto dà il benvenuto ai medici del gruppo di ricerca Al lavoro il tavolo scientifico sulle cause dei tumori ad Andria. Ci sarà anche il prof. Ria
Cancro, Onda d'Urto: "Cinque medici a lavoro" Cancro, Onda d'Urto: "Cinque medici a lavoro" L'associazione fa appello alla cittadinanza per cercare fondi e sostenere la ricerca
Associazione "Amiche per le Amiche": un concerto per il progetto (T)urban wave Associazione "Amiche per le Amiche": un concerto per il progetto (T)urban wave Il 9 aprile alla chiesa Annunziata sulle note dello "Stabat Mater" di Pergolesi
“We can. I can”, storie di chi non si arrende: la voce di Arianna “We can. I can”, storie di chi non si arrende: la voce di Arianna Ricorre il 4 febbraio la giornata mondiale contro il cancro. “Prevenzione” la parola d’ordine
Onda d'urto: «Scendiamo in piazza per rompere il silenzio delle istituzioni» Onda d'urto: «Scendiamo in piazza per rompere il silenzio delle istituzioni» Decessi per cancro in aumento, indetta per mercoledì 16 un'assemblea generale
Tremila casi di «cancro» in città di cui 28 nella fascia 0-19 anni Tremila casi di «cancro» in città di cui 28 nella fascia 0-19 anni Quest'oggi l'incontro tra Asl, istituzioni cittadine e famiglie degli ammalati
© 2001-2017 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.