Anime belle (Foto Sara Suriano)
Anime belle (Foto Sara Suriano)
Vita di città

Teresa Calvano per la tutela delle malate oncologiche

Continua il progetto (T)urban Wave a fianco di Onda d'Urto

Continua l'impegno di Teresa Calvano e delle sue "Anime belle", gruppo nato dall'omonimo blog, per regalare, a fianco dell'associazione Onda d'Urto, un sorriso alle malate oncologiche.

"Il progetto nasce perché ho sentito il bisogno di dare qualcosa di mio agli altri, di dedicare il mio tempo a qualcuno. Questo fa star bene sia me che il mio prossimo", afferma Teresa, giovane malata oncologica che da anni affronta con un sorriso la sua battaglia e persegue il suo obiettivo sia con il suo blog Facebook "Anime belle di Teresa Calvano - Fuck cancer", una community, un salotto in cui raccontarsi e condividere le proprie esperienze; sia con il progetto (T)urban Wave che, insieme ad ad Onda d'Urto, Teresa dona un turbante alle malate o lo vede a scopo di beneficenza .

"L'idea di creare dei turbanti è nata nel pieno della mia chemioterapia. - continua Teresa - Federica, una cara amica di Reggio Emilia, mi propose il progetto come occasione per impiegare positivamente il mio tempo e, per l'intraprendenza che mi contraddistingue, non ho potuto rifiutare. Il turbante oggi mi rappresenta, identifica un percorso di vita e tutt'ora lo uso per moda. Non tutte le donne accettano (o possono acquistare) una parrucca, dunque il turbante rappresenta un percorso economico e colorato di accettazione, nonché un modo per donare un sorriso".

In sinergia con l'Onlus Onda d'Urto, Teresa è oggi impegnata nella cura e nella tutela della malata oncologica. Infatti, i fondi ricavati dalla vendita dei turbanti, cuciti con tessuti donati, verranno devoluti per sostenere economicamente le spese mediche e di trasporto di alcune ammalate bisognose, o anche per acquistare una parrucca. "Quando una persona si ammala e decide di curarsi lontana da casa, le spese da sostenere sono ingenti e si sommano ad altre necessità - spiega Teresa - Quindi vogliamo sostenere quelli che diventano dei veri e propri viaggi di speranza. Insomma, l'obiettivo è sempre e comunque tentare di alleggerire il peso della malattia".

Ad oggi, il progetto (T)urban Wave ha avuto un buon impatto mediatico. In crescita sono le donazioni di tessuti e molto sono i turbanti venduti e regalati; ma soprattutto molte donne si sono avvicinate a questo progetto, decidendo di condividere il proprio percorso con altre donne. Nonostante questo, il progetto è solo agli esordi e tante sono le speranze per il futuro.

Per donare dei tessuti è possibile scrivere a terrycalvano@ondadurto.org
Anime belle
  • onda d'urto
Altri contenuti a tema
Le Amiche per le Amiche: mille euro per le pazienti oncologiche Le Amiche per le Amiche: mille euro per le pazienti oncologiche Il ricavato del concerto "Stabat Mater" sosterrà il progetto di Onda d'urto
Associazione "Amiche per le Amiche": un concerto per il progetto (T)urban wave Associazione "Amiche per le Amiche": un concerto per il progetto (T)urban wave Il 9 aprile alla chiesa Annunziata sulle note dello "Stabat Mater" di Pergolesi
Onda d'Urto: "Quattro anni di silenzio delle istituzioni" Onda d'Urto: "Quattro anni di silenzio delle istituzioni" Teresa Calvano al via con (T)urban Wave, un turbante per le malate oncologiche
Studio sui malati di tumore, Narracci rassicura "Onda d'urto" Studio sui malati di tumore, Narracci rassicura "Onda d'urto" Dopo la pubblicazione del Registro tumori si avvierà la discussione sulle richieste dell'associazione
“We can. I can”, storie di chi non si arrende: la voce di Arianna “We can. I can”, storie di chi non si arrende: la voce di Arianna Ricorre il 4 febbraio la giornata mondiale contro il cancro. “Prevenzione” la parola d’ordine
Onda d’urto: «False promesse. Adesso alziamo la voce» Onda d’urto: «False promesse. Adesso alziamo la voce» Dopo la protesta per le strade della città, nessun incontro tra istituzioni e associazione
Onda d’urto: «Oggi all’Asl chiediamo risposte» Onda d’urto: «Oggi all’Asl chiediamo risposte» Antonio Tragno: «Ipotizziamo che il reale problema sia la mancanza di mezzi»
Onda d'urto, partita la manifestazione silenziosa Onda d'urto, partita la manifestazione silenziosa La volontà dell'associazione è quella di chiedere alle istituzioni l'aggiornamento del profilo della salute
© 2001-2017 AndriaViva è un portale gestito dall'associazione Progetto Futuro. Partita iva 07930130724. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.