Anime belle (Foto Sara Suriano)
Vita di città

Teresa Calvano per la tutela delle malate oncologiche

Continua il progetto (T)urban Wave a fianco di Onda d'Urto

Continua l'impegno di Teresa Calvano e delle sue "Anime belle", gruppo nato dall'omonimo blog, per regalare, a fianco dell'associazione Onda d'Urto, un sorriso alle malate oncologiche.

"Il progetto nasce perché ho sentito il bisogno di dare qualcosa di mio agli altri, di dedicare il mio tempo a qualcuno. Questo fa star bene sia me che il mio prossimo", afferma Teresa, giovane malata oncologica che da anni affronta con un sorriso la sua battaglia e persegue il suo obiettivo sia con il suo blog Facebook "Anime belle di Teresa Calvano - Fuck cancer", una community, un salotto in cui raccontarsi e condividere le proprie esperienze; sia con il progetto (T)urban Wave che, insieme ad ad Onda d'Urto, Teresa dona un turbante alle malate o lo vede a scopo di beneficenza .

"L'idea di creare dei turbanti è nata nel pieno della mia chemioterapia. - continua Teresa - Federica, una cara amica di Reggio Emilia, mi propose il progetto come occasione per impiegare positivamente il mio tempo e, per l'intraprendenza che mi contraddistingue, non ho potuto rifiutare. Il turbante oggi mi rappresenta, identifica un percorso di vita e tutt'ora lo uso per moda. Non tutte le donne accettano (o possono acquistare) una parrucca, dunque il turbante rappresenta un percorso economico e colorato di accettazione, nonché un modo per donare un sorriso".

In sinergia con l'Onlus Onda d'Urto, Teresa è oggi impegnata nella cura e nella tutela della malata oncologica. Infatti, i fondi ricavati dalla vendita dei turbanti, cuciti con tessuti donati, verranno devoluti per sostenere economicamente le spese mediche e di trasporto di alcune ammalate bisognose, o anche per acquistare una parrucca. "Quando una persona si ammala e decide di curarsi lontana da casa, le spese da sostenere sono ingenti e si sommano ad altre necessità - spiega Teresa - Quindi vogliamo sostenere quelli che diventano dei veri e propri viaggi di speranza. Insomma, l'obiettivo è sempre e comunque tentare di alleggerire il peso della malattia".

Ad oggi, il progetto (T)urban Wave ha avuto un buon impatto mediatico. In crescita sono le donazioni di tessuti e molto sono i turbanti venduti e regalati; ma soprattutto molte donne si sono avvicinate a questo progetto, decidendo di condividere il proprio percorso con altre donne. Nonostante questo, il progetto è solo agli esordi e tante sono le speranze per il futuro.

Per donare dei tessuti è possibile scrivere a terrycalvano@ondadurto.org
Anime belle
  • onda d'urto
Altri contenuti a tema
Onda d'Urto ha incontrato il Direttore Generale Asl/Bt, Delle Donne Onda d'Urto ha incontrato il Direttore Generale Asl/Bt, Delle Donne Il tavolo scientifico è stato invitato ad un confronto
La 3D della scuola "Federico II" sostiene ancora Onda d'Urto La 3D della scuola "Federico II" sostiene ancora Onda d'Urto Sotto la guida dell'insegnante Lorusso, i piccoli studenti devolvono il fondo cassa al tavolo di ricerca
Onda d'Urto, uniti contro il cancro, Tragno:  “Si torni ad uno spirito di collaborazione” Onda d'Urto, uniti contro il cancro, Tragno: “Si torni ad uno spirito di collaborazione” Il Presidente del sodalizio cittadino prende posizione dopo i chiarimenti del Dg della Asl/Bt, Delle Donne
1 Tumori, "Asl indifferente?" Delle Donne non ci sta e replica a Onda d'urto Tumori, "Asl indifferente?" Delle Donne non ci sta e replica a Onda d'urto L'azienda sanitaria ha fornito i dati al Comune a febbraio 2017
Onda d'Urto contro il cancro: "Caro assessore Lopetuso, la ASL ha consegnato i dati richiesti" Onda d'Urto contro il cancro: "Caro assessore Lopetuso, la ASL ha consegnato i dati richiesti" L'associazione cittadina chiarisce la sua posizione dopo la manifestazione del 6 giugno scorso
Uniti contro il cancro e contro gli indifferenti, Onda d'urto in piazza Catuma: "Noi ci siamo, muoviamoci!" Uniti contro il cancro e contro gli indifferenti, Onda d'urto in piazza Catuma: "Noi ci siamo, muoviamoci!" Manifestazione stamattina in piazza Catuma
Onda d'Urto chiama a raccolta gli andriesi (in)differenti per una marcia silenziosa Onda d'Urto chiama a raccolta gli andriesi (in)differenti per una marcia silenziosa Appuntamento il 6 giugno presso il Largo Torneo per manifestare la sua delusione nei confronti delle istituzioni
Dino Leonetti: «Il cancro uccide nel disinteresse generale» Dino Leonetti: «Il cancro uccide nel disinteresse generale» Il fondatore dell’associazione Onda d’Urto “getta la spugna” dinanzi al profilo di salute che da 5 anni si attende
© 2001-2018 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.