provincia Barletta Andria Trani. <span>Foto Vincenzo Cassano</span>
provincia Barletta Andria Trani. Foto Vincenzo Cassano
Politica

Assistenza specialista provincia Bat: la replica dei consiglieri Pedone, Cascella, Corrado, Tesoro, Costabile e Lamacchia

«A partire dal 6 aprile, è stato possibile avviare le prestazioni di assistenza specialistica "a distanza" »

Sono i consiglieri provinciali Pierpaolo Pedone, Rosa Cascella, Giuseppe Corrado, Savino Tesoro, Barbara Costabile e Michele Lamacchia a rispondere ai colleghi del gruppo consiliare "Insieme per la Bat", che nei giorni scorsi avevano criticato la Provincia Bat per l'interruzione delle attività dell'assistenza specialistica, a causa dell'emergenza coronavirus. Una attività che dal 6 aprile è potuta ripartire " a distanza" in favore degli alunni audiolesi e videolesi già beneficiari delle prestazioni di assistenza.

«La sospensione delle attività didattiche per l'emergenza epidemiologica da Coronavirus ha determinato sin da subito la necessità di riprogrammare e ripensare i servizi a disposizione dei ragazzi con disabilità per continuare a garantirne il diritto allo studio. La Provincia Bat ha ritenuto di prioritaria importanza garantire sostegno specialistico ai ragazzi più fragili al fine di attenuare l'isolamento in cui sono costretti in questa fase emergenziale a causa dell'assenza forzata dall'ambiente scolastico. Non ignoriamo il dramma di genitori obbligati, tra le mura domestiche e senza alcun aiuto, a moltiplicare gli sforzi per non vedere compromessi o vanificati i progressi dei propri figli in termini di apprendimento, socializzazione, autostima, realizzati durante il loro percorso scolastico. L'amministrazione di centrosinistra che governa questa Provincia, in piena sintonia con le politiche di benessere sociale e pari opportunità promosse dalla Regione Puglia, non hai mai dimenticato o sottovalutato le esigenze delle fasce più fragili della popolazione, acuite da una crisi sanitaria trasformatasi ben presto in emergenza economica e sociale. L'intervento sulla stampa del gruppo consiliare "Insieme per la Bat" ci consente di fare chiarezza sulle attività poste in essere dalla Provincia per sostenere il diritto allo studio dei ragazzi con disabilità, in particolar modo sull'organizzazione delle prestazioni di assistenza specialistica "a distanza" e sull'impiego degli educatori professionali in grado, adesso, di fornire supporto didattico a casa».

Per i consiglieri Pierpaolo Pedone, Rosa Cascella, Giuseppe Corrado, Savino Tesoro, Barbara Costabile e Michele Lamacchia «Il servizio di assistenza specialistica è stato oggetto di costante monitoraggio e riprogrammazione sin dall'inizio della crisi sanitaria, consapevoli che la relazione alunno/educatore è essenziale nel percorso di crescita e di apprendimento degli alunni con disabilità. Abbiamo, dunque, verificato con attenzione, anche grazie al supporto operativo fornito dalla cooperativa che gestisce il servizio, le eventuali e concrete possibilità di attivazione delle prestazioni socio-educative e specialistiche interrotte con l'improvvisa sospensione dell'attività scolastica. A questo si è aggiunto un costante raccordo con la Regione Puglia titolare della funzione. Le scuole stesse hanno attivato modalità diversificate e nettamente ridotte rispetto all'orario scolastico normalmente seguito dagli alunni con disabilità proprio in ragione di ostacoli - a volte pratici, a volte di capacità residue - che hanno impedito all'alunno di beneficiare dell'intervento didattico o educativo "a distanza". E' stato proprio grazie a questo lavoro costante che, a partire dal 6 aprile, è stato possibile avviare le prestazioni di assistenza specialistica "a distanza" rivolta ad alunni audiolesi e videolesi già beneficiari delle prestazioni di assistenza alla comunicazione e assistenza tifloeducativa: è il caso di sottolineare che non tutti gli alunni con disabilità sensoriale hanno accettato l'attivazione di un servizio "a distanza", proprio perché lo stesso non risulta essere funzionale ed efficace nei confronti di tutti. Nella più recente fase di sospensione dell'attività scolastica sono emerse richieste di riattivazione del servizio da parte di altre famiglie; contestualmente abbiamo ricevuto la circolare della Regione Puglia che ci autorizza ad impiegare gli educatori professionali anche nel supporto al lavoro didattico svolto a casa (cosa prima impossibile). Alla luce di questi recenti mutamenti, abbiamo deciso di riaprire il monitoraggio del fabbisogno per riprogrammare con cognizione la riattivazione del servizio: gli Uffici hanno formalmente richiesto alle scuole del territorio provinciale di comunicare, nel più breve tempo possibile, i nominativi degli alunni per i quali risulterebbe possibile ed utile attivare gli interventi socio-educativi secondo le modalità indicate dalla Regione. Ora che le scuole hanno ultimato le loro richieste, gli Uffici hanno potuto procedere alla riprogrammazione, d'intesa con la cooperativa, delle prestazioni socio-educative nei confronti degli alunni con disabilità cognitiva e comportamentale» .
  • Provincia Bat
  • Bernardo Lodispoto
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1386 contenuti
Altri contenuti a tema
Lutto al Santissimo Salvatore di Andria, se ne va padre Vincenzo Pinto Lutto al Santissimo Salvatore di Andria, se ne va padre Vincenzo Pinto Il Padre Dehoniano è deceduto nel pomeriggio al Covid Hospital di Bisceglie
Operatrici sanitarie per tamponi a domicilio, vengono derubate di oggetti personali Operatrici sanitarie per tamponi a domicilio, vengono derubate di oggetti personali E' accaduto ieri ad Andria ad una infermiera ed una operatrice socio sanitaria: denuncia alla Polizia di Stato
Emergenza covid: altri numeri da brivido, registrati nella regione 1.511 casi positivi Emergenza covid: altri numeri da brivido, registrati nella regione 1.511 casi positivi Sono 195 i contagiati nella provincia BAT e due decessi
1 Urge sangue da pazienti covid già negativizzati per andriese 50enne Urge sangue da pazienti covid già negativizzati per andriese 50enne Necessario rivolgersi al più presto presso il servizio trasfusionale della Asl Bt di Barletta allo 0883.577293
Coronavirus, bollettino nero in Puglia: 1.567 nuovi casi e 52 decessi Coronavirus, bollettino nero in Puglia: 1.567 nuovi casi e 52 decessi Nella provincia Bat 199 nuovi casi di positività e 2 decessi
Covid, stretta sui controlli: ispezionati dai carabinieri di Andria 64 esercizi commerciali Covid, stretta sui controlli: ispezionati dai carabinieri di Andria 64 esercizi commerciali Elevate 50 sanzioni su più di 500 persone controllate, servizi analoghi ancora nei prossimi giorni su tutto il territorio provinciale
Covid, necessaria convocazione di un Consiglio Comunale monotematico in tempi brevi sull'emergenza sanitaria Covid, necessaria convocazione di un Consiglio Comunale monotematico in tempi brevi sull'emergenza sanitaria La richiesta arriva da Riccardo Nicolamarino (Forza Italia Andria): «Si è perso già troppo tempo prezioso»
4 Il ministro Boccia visita l'ospedale da campo militare di Barletta Il ministro Boccia visita l'ospedale da campo militare di Barletta Con lui il Capo della Protezione Civile Borrelli, nel pomeriggio odierno riunione con Prefetto e sindaci della Bat
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.