Smart working e ruolo dei social: indagine della Asl Bt
Smart working e ruolo dei social: indagine della Asl Bt
Attualità

Smart working e ruolo dei social: indagine della Asl Bt

Una analisi ha permesso di conoscere il punto di vista dei dipendenti in servizio nell'azienda sanitaria della 6^ provincia

La Asl Bt ha chiesto ai 322 dipendenti in smart working di rispondere a un questionario per analizzare il punto di vista del dipendente rispetto a questa modalità di lavoro e rispetto all'uso dei social come strumento di sostegno alla comunicazione interna.
Il sondaggio è stato lanciato il 5 maggio ed è stato lasciato attivo fino al 15 maggio: a essere coinvolti direttamente e in forma anonima sono stati i 322 dipendenti della Asl Bt che da marzo in poi hanno sperimentato forme anche ibride di smart working.

Lo smart working ha riguardato per lo più donne (62 per cento), l'età media è di 47 anni, si tratta per lo più di dipendenti non dirigenti (79,1 per cento) e di laureati (72,4 per cento). Lo smart working piace e consente di realizzare da casa la maggior parte della propria attività (78,1 per cento). Il "sentiment" si rileva positivo con minime incertezze sulle possibilità organizzative: gli aspetti da prendere in considerazione sono in genere collegati con il miglioramento della qualità della vita.
I dipendenti dichiarano di avere più tempo a disposizione e di concentrarsi meglio. Gli aspetti negativi invece sono legati agli strumenti e alle difficoltà organizzative: a mancare è l'interazione con i colleghi e con gli utenti. Le necessità dichiarate fanno riferimento all'accesso a tutti gli strumenti necessari per svolgere al meglio il proprio lavoro e alla urgenza di condividere nuove regole per l'organizzazione del lavoro. Dal punto di vista strumentale i dipendenti chiedono applicativi per condividere il lavoro con altri colleghi.

L'indagine ha analizzato anche il ruolo dei social e delle community: i dipendenti ritengono che i social siano molto utili per lo scambio di informazioni tra i colleghi, permettono un maggiore confronto, migliorano l'efficienza nella gestione delle task e migliorano il clima azienda.

La Asl Bt, di cui è direttore generale l'avv. Alessandro Delle Donne (nella foto) ha avviato lo Smart Working da marzo 2020: i sistemi informatici utilizzati consentono di realizzare da casa tutte le procedure amministrative.
  • Sanità
  • asl bat
Altri contenuti a tema
Sabino Zinni ed il racconto del contagio: «La morte non ha mascherina, si mostra in tutto il suo aspetto orribile» Sabino Zinni ed il racconto del contagio: «La morte non ha mascherina, si mostra in tutto il suo aspetto orribile» Il notaio andriese, esponente del movimento civico Andria Bene in Comune racconta "in presa diretta" quanto accadutogli
Alla vigilia dell'Epifania boom di contagi in Puglia: 1081 casi postitivi Alla vigilia dell'Epifania boom di contagi in Puglia: 1081 casi postitivi Sono invece 172 i contagiati nella provincia BAT a fronte di quasi 11 mila casi positivi
Prosegue in tutta la Puglia la somministrazione del vaccino anti covid 19 Prosegue in tutta la Puglia la somministrazione del vaccino anti covid 19 Sono 30 le postazioni presenti in tutte le province pugliesi
Al Dimiccoli di Barletta il primo parto gemellare nella Bat Al Dimiccoli di Barletta il primo parto gemellare nella Bat Residente a San Ferdinando, la donna di 32 anni alla sua seconda gravidanza è stata trasportata con il 118
Al Bonomo di Andria un robot per la chirurgia mininvasiva Al Bonomo di Andria un robot per la chirurgia mininvasiva La direzione generale ha dotato la Asl di un Sistema da Vinci Xi IS4000 Dual Console
Area economico finanziaria: il bilancio della Asl Bat è certificabile Area economico finanziaria: il bilancio della Asl Bat è certificabile Concluso con esito positivo il percorso attuativo della certificabilità
Donazione di organi, al Bonomo di Andria l'opposizione più bassa di Puglia Donazione di organi, al Bonomo di Andria l'opposizione più bassa di Puglia Ecco tutti i numeri di espianti avvenuti nel 2020 nella Asl Bat
Nella giornata del V-Day sono 221 i casi positivi in Puglia e 16 nella Bat Nella giornata del V-Day sono 221 i casi positivi in Puglia e 16 nella Bat Purtroppo dei 12 decessi registrati nella regione ben 5 sono della sesta provincia pugliese
© 2001-2021 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.