Roverelle vandalizzate nel bosco di San Leonardo
Roverelle vandalizzate nel bosco di San Leonardo
Cronaca

Roverelle vandalizzate nel bosco di San Leonardo

Ancora un attentato all'ambiente murgiano. Si spera che adesso i Carabinieri Forestali possano individuare i responsabili

Un vero e proprio danno, e non di poco conto, all'ambiente murgiano quello compiuto nei giorni scorsi nel vasto agro di Andria. Delle roverelle, specie autoctona di quercia sono state vandalizzate nel bosco di San Leonardo. A scoprire l'ennesimo scempio ecologico è stato lo storico ambientalista andriese Nicola Montepulciano, impegnato anche con la forte calura estiva a girovagare, per studio e ricerca, attraverso i boschi della Murgia di Andria.

La scoperta, come dicevamo è avvenuta nel corso di uno di questi sopraluoghi, in compagnia di altre persone. Moltissimi rami e buona parte dei relativi tronchi di roverella, residui di alberi presenti in zona San Leonardo, che costeggiano, sia a destra che a sinistra una strada interpoderale non asfaltata all'interno del bosco sono stati completamente distrutti.

"Ciò che preoccupa è l'incomprensibile motivo di questo atto, a dir poco, di grave danneggiamento dell'importantissimo ecosistema bosco. Come si può, probabilmente, intuire dalle foto, la strada non è proprio stretta e i tronchi sono alquanto cresciuti in altezza, perciò anche i rami erano situati in alto, non potevano lambire il suolo stradale e creare difficoltà a qualsiasi mezzo di locomozione, anche se particolarmente ingombrante. A primo intuito, si può pensare che qualsiasi veicolo poteva facilmente transitare sotto una galleria di rami di querce".

E' amareggiato per quanto accaduto Nicola Montepulciano e ricorda come quest'ultimo episodio è solo l'ultimo in ordine di tempo che ha coinvolto degli alberi di roverella. "Siamo di fronte ad un attentato all' integrità del bosco o, meglio, a quel che rimane della vasta distesa di boschi che sino alla fine dell'800 ricopriva ancora la Murgia di Andria, ma anche parte del territorio pianeggiante, come ci testimonia la presenza di ben 6 roverelle plurisecolari in contrada Papparicotta, località molto vicina alla nostra città e di altri altri undici esemplari posti nelle immediate vicinanze. E' andata perduta, così, una parte di ossigeno ed il microclima della zona in cui vegeta il bosco è stato danneggiato, a discapito della nostra salute. E' auspicabile che adesso i Carabinieri Forestali possano far luce su questo triste episodio qualora la zona di San Leonardo dovesse far parte del Parco dell'Alta Murgia. Va considerato che anche la strada asfaltata, piuttosto ampia, che introduce e poi attraversa un lungo tratto del bosco presenta moltissimi tagli di rami di querce che vegetano ai bordi della stessa. Stiamo parlando di un intervento di scarsa utilità dal punto di vista dell'accesso con i mezzi a motore", conclude Nicola Montepulciano.
Roverelle vandalizzate nel bosco di San LeonardoRoverelle vandalizzate nel bosco di San LeonardoRoverelle vandalizzate nel bosco di San LeonardoRoverelle vandalizzate nel bosco di San Leonardo
  • parco alta murgia
  • ambiente
  • Murgia
  • Carabinieri Forestali
Altri contenuti a tema
Da Castel del Monte, a cavallo per i parchi di Puglia, Lucania e Calabria Da Castel del Monte, a cavallo per i parchi di Puglia, Lucania e Calabria Domenica al via l'iniziativa del Parco Nazionale dell'Alta Murgia che darà l'inizio al "Viaggio dei 3 Parchi"
Truffa dei pascoli tra le province Bat e Bari: Carabinieri forestali sequestrano 400mila euro Truffa dei pascoli tra le province Bat e Bari: Carabinieri forestali sequestrano 400mila euro Le indagini sono state svolte dal Reparto Specializzato dell'Arma alla sorveglianza dei territori ricadenti nel Parco Nazionale dell'Alta Murgia
L' Aqp avvia interventi pianificati di sanificazione e lavaggio reti fognarie: I° ciclo deblattizzazione nella città di Andria L' Aqp avvia interventi pianificati di sanificazione e lavaggio reti fognarie: I° ciclo deblattizzazione nella città di Andria Una serie di interventi sono in corso, fino al 30 aprile 2024 ad esclusione dei sabati e delle domeniche
Piccolo allagamento di una aiuola del giardino di piazza Unità d’Italia Piccolo allagamento di una aiuola del giardino di piazza Unità d’Italia La nota dello storico ecologista Nicola Montepulciano
On. Matera (FdI): "Auspico che dati ARPA, su qualità dell’aria, confermino ufficialmente quelli del Forum Ricorda e Rispetta" On. Matera (FdI): "Auspico che dati ARPA, su qualità dell’aria, confermino ufficialmente quelli del Forum Ricorda e Rispetta" I dati sulla qualità dell'aria ad Andria, sulla base di cinque sensori posizionati in città dalla ditta Wiseair di Milano
Monitoraggio delle centraline del Forum Ambiente e Salute Monitoraggio delle centraline del Forum Ambiente e Salute In 9 mesi, 244 giorni di buona qualità dell’aria
Ancora sversamenti di rifiuti mentre il Comune ripulisce le strade rurali e quelle extraurbane Ancora sversamenti di rifiuti mentre il Comune ripulisce le strade rurali e quelle extraurbane Durante la scorsa notte, scarico allo svincolo del SS. Salvatore, sulla ex sp 231 per Canosa
Ecomafie, Coldiretti: Puglia al secondo posto per crimini ambientali Ecomafie, Coldiretti: Puglia al secondo posto per crimini ambientali A causa dello sversamento nelle campagne di rifiuti di ogni genere
© 2001-2024 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.