Camera del Lavoro incontro CGIL, Massimo Marcone
Camera del Lavoro incontro CGIL, Massimo Marcone
Vita di città

Reddito di cittadinanza, in Puglia quasi 7000 domande

Altrettante non ancora messe in sistema. Ieri vertice a Roma sul navigator

Nella prima settimana utile per presentare le domande per il Reddito di Cittadinanza, in Puglia sono state registrate quasi 7 mila pratiche nei soli Caf di Cgil, Cisl e Uil. In tutta la Regione, nei circa 600 Caf dei tre sindacati, sono però altrettante persone che hanno depositato domande non ancora immesse nei sistemi informatici o che hanno preso appuntamento fino alla fine del mese, termine ultimo per ottenere il sussidio a partire da maggio. In particolare, delle 6.824 pratiche registrate, nei Caf Cgil ne sono state verificate ad oggi 2.267 (nei primi due giorni la Puglia si attestata prima regione del Mezzogiorno per numero di domande sottoscritte), in quelli Cisl 2.239 e nelle sedi Uil 2.318, con netta prevalenza di pratiche in provincia di Bari, circa un terzo del totale regionale (2.244). In provincia di Brindisi sono state presentate 1.326 domande, a Foggia 930, a Lecce 1.198 e a Taranto 1.526. A queste si aggiungono quelle presentate agli sportelli degli uffici postali e negli altri Caf. Intanto nelle scorse ore a Roma c'è stato un confronto tra regioni e governo sul cosiddetto navigator, le figure professionali previste dal decreto sul reddito di cittadinanza da reclutare per supportare i disoccupati nella ricerca del lavoro". "Prima siamo stati in nona commissione – ha spiegato - dove le regioni hanno elaborato una proposta che poi è stata condivisa nel pomeriggio con il ministro Di Maio. Poi siamo andati in Conferenza delle Regioni dove all'unanimità è stato dato il parere favorevole per l'accordo con il governo. Infine abbiamo inoltrato a Di Maio il testo su cui c'è l'accordo di tutte le regioni: i temi sono il rispetto delle prerogative delle Regioni, la definizione di una fase transitoria, la costruzione delle convenzioni per gli ingressi dei navigator, l'utilizzo dei fondi e il numero dei navigator che saranno 3.000. Questo ci sembra un buon punto di equilibrio e adesso ci aspettiamo che l'accordo venga recepito in un emendamento al "decretone" attualmente all'esame alla Camera".
  • cgil bat
  • Cgil Puglia
Altri contenuti a tema
Villa Gaia, Cgil Bat: "I vertici della cooperativa disertano il tavolo della trattativa" Villa Gaia, Cgil Bat: "I vertici della cooperativa disertano il tavolo della trattativa" Deleonardis: “Atteggiamento arrogante oltre che sgarbo istituzionale verso il Sindaco di Andria”
Cooperative sociali, ad Andria "trattative con i sindacati per pagamento spettanze" Cooperative sociali, ad Andria "trattative con i sindacati per pagamento spettanze" Emerge dalla nota della Fp e Cgil sui rapporti tra cooperative sociali e settore pubblico
Nuova sede Anpi nella Camera del lavoro di Andria Nuova sede Anpi nella Camera del lavoro di Andria Lunedì 4 marzo durante l'inaugurazione saranno ricordate “Le donne della Resistenza”
E' scomparso Sabino Memeo, responsabile del Caf CGIL della Camera del Lavoro E' scomparso Sabino Memeo, responsabile del Caf CGIL della Camera del Lavoro Consigliere comunale per Rifondazione comunista. Lascia la moglie e tre figli. Il cordoglio del modo politico e del sindacato
Bat, legge di Bilancio: il 9 febbraio Cgil Cisl e Uil manifestano a Roma Bat, legge di Bilancio: il 9 febbraio Cgil Cisl e Uil manifestano a Roma Assemblee in tutti i Comuni, il 31 gennaio si comincia da Andria e Canosa. Pullman in partenza da tutta la Bat
Fatturazione elettronica: cosa è cambiato? Fatturazione elettronica: cosa è cambiato? Assemblea domani nella Camera del lavoro di Andria
Rigenerazione urbana ad Andria, al via l’attivazione dei “Cantieri scuola” Rigenerazione urbana ad Andria, al via l’attivazione dei “Cantieri scuola” Deleonardis (Cgil Bat): “Risultato frutto di un percorso di condivisione tra le parti”
Nasce nella Bat un coordinamento per dire "no al decreto di Salvini" Nasce nella Bat un coordinamento per dire "no al decreto di Salvini" Presentato nella sede della Cgil di Andria un documento-appello per i sindaci
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.