inizio prodigio sacra spina
inizio prodigio sacra spina
Vita di città

Sacra Spina di Andria: il prodigio è avvenuto

Bagno di folla in piazza Catuma per la via Crucis

Il prodigio tanto atteso. Da questa mattina l'attenzione dei fedeli è tutta rivolta alla Sacra Spina esposta nella cappella di San Riccardo in attesa del prodigio. L'ultimo si è verificato il 25 marzo 2005, mentre il prossimo è previsto per il 2157. L'evento, già dalle prime ore della giornata, ha chiamato a raccolta tantissima gente che sta affollando la Cattedrale della città federiciana in un clima di silenzio e di preghiera.

ECCO LA CRONISTORIA DEL PRODIGIO:

- Ore 20.20: Si sta svolgendo, in piazza Catuma, la via Crucis davanti a migliaia di fedeli in preghiera.

- Ore 19.30: E' UFFICIALE: IL PRODIGIO E' INIZIATO. La commissione si è espressa e ha sciolto ogni riserva. Da quanto detto, è emerso che alle ore 16,10 si è rilevata la presenza di un rigonfiamento bianco, a forma di gemma, sotto la scheggiatura apicale. successivamente, ne sono emersi altri due: uno all'apice della spina, l'altro pochi millimetri sotto il primo. Alla base è rifiorito il segno del prodigio avvenuto nel 2005.

- Ore 18.45: ARRIVA L'UFFICIALITA' DALLA COMMISSIONE SCIENTIFICA. Questa volta a confermarlo è Paolo Farina che ha affermato: «Annuncio che il prodigio sta per iniziare. Già da questa mattina abbiamo notato qualche segno ma non abbiamo diffuso la notizia per prudenza e quindi evitare ogni esaltazione. I fedeli oggi sono qui per pregare e c'è gente che è tornata in chiesa dopo anni. Questo è il vero prodigio». A quanto pare anche quest'anno il prodigio ci sarà. Un avvenimento storico se si pensa che il prossimo appuntamento è fissato fra oltre un secolo.

- Ore 18.25: La commissione non si sbilancia, ma qualcosa si sta muovendo. A confermarlo è una delle componenti della commissione scientifica, Silvana Campanile, che ha affermato: «Monsignor Calabro ha invitato alla preghiera, evitando ogni tipo di distrazione, perché qualche segno lo stiamo vedendo. La commissione non è concorde, quindi non posso dire nulla con certezza. Un notaio sta verbalizzando ogni aspetto che sta emergendo». Ormai è chiaro che rispetto questa mattina alle 9, quando è iniziate l'ostensione della Sacra Spina, qualcosa è cambiata, ma è ancora presto per gridare al prodigio. Infatti, lo ricordiamo, il legno della spin inizia a scorticarsi e sulla punta è spuntata una bolla.

- Ore 17.45: IL PRODIGIO STA PER COMINCIARE. A dirlo è il vescovo della diocesi di Andria, monsignor Raffaele Calabro, secondo il quale, appena è iniziata la celebrazione eucaristica,la commissione ha individuato dei segni di cambiamento che lasciano pensare a un prodigio. Da quanto emerso si può apprendere che sulla punta della spina ci sia una bolla e il legno stia iniziando a scorticarsi.

- Ore 17.10: PICCOLO CAMBIAMENTO, MA NON ANCORA PRODIGIO. La commissione sta osservando con particolare attenzione l'urna della Sacra Spina. Qualche fedele, addirittura, pare che abbia visto sgorgare delle gocce di sangue. Semplice suggestione o presagio di ciò che sta per accadere: solo i fatti potranno testimoniarlo. Da, inoltre, sottolineare che i componenti della commissione scientifica e pastorale, intervistati finora, non hanno dato alcuna certezza che il prodigio stesse accadendo, però hanno affermato che qualche cambiamento rispetto alle ore 9, quando è iniziata l'ostensione, c'è stato. Da, inoltre, sottolineare che i componenti della commissione scientifica e pastorale, intervistati finora, non hanno dato alcuna certezza che il prodigio stesse accadendo, però hanno affermato che qualche cambiamento rispetto alle ore 9, quando è iniziata l'ostensione, c'è stato.

- Ore 16.30: «Grande affluenza di fedeli». Questo è, secondo don Sabino Lambo presidente della commissione liturgica, il vero segno di grazia che la Sacra Spina sta donando alla città di Andria. «Importante in questa giornata - continua don Sabino - è la liturgia quaresimale che si appresta a farci vivere il mistero pasquale. Il segno rimanda sempre a una realtà, quindi la spina rimanda a Cristo che l'ha portata sul capo e che deve essere sempre il centro della fede»

- Ore 15.50: Un clima di preghiera e di ascolto. Così i fedeli stanno vivendo un'appuntamento con la storia che si ripeterà fra oltre un secolo. A confermarlo è don Gianni Agresti, del capitolo cattedrale, che ha affermato: «C'è una notevole partecipazione. I fedeli stanno vivendo con spirito di preghiera, accostandosi al sacramento della confessione». Un testimone che ha vissuto il prodigio nel 2005 e che oggi potrà essere testimone di un altro pezzo di storia. «In tanti - continua don Gianni - stanno riacquistando la fede proprio grazie a questa attesa. Fino a questo momento, confermano i medici, non c'è stato nessun segno che possa ricondurre a un prodigio».

- Ore 13.00: La commissione scientifica ancora non si pronuncia, ma qualcosa rispetto a questa mattina è cambiata. La conferma arriva dal dottore Antonio Riezzo, componete dell'equipe, che intervisto in diretta, ha affermato: «Nessuno gridi al prodigio, perché, come la storia insegna, occorre che la spina, proveniente dalla corona data a Gesù nel momento della sua crocifissione, sanguini e cambi di colore. Le telecamere che da 4 ore stanno riprendendo nella cappella di san Riccardo in cattedrale non hanno fatto notare nessun segno particolare».
Sacra spina inizio prodigioSacra spina inizio prodigioSacra spina inizio prodigioSacra spina inizio prodigioSacra spina inizio prodigioSacra spina inizio prodigiosacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattinasacra spina mattina
  • Sacra Spina
Altri contenuti a tema
Mons. Luigi Mansi racconta il prodigio della Sacra Spina a TV2000 Mons. Luigi Mansi racconta il prodigio della Sacra Spina a TV2000 Il vescovo diocesano in collegamento questa mattina col programma "Bel tempo si spera"
1 Variazione cromatica della Sacra Spina, mons. Mansi: «Il Signore ci è vicino in quest'ora di prova» Variazione cromatica della Sacra Spina, mons. Mansi: «Il Signore ci è vicino in quest'ora di prova» Riflessione del Vescovo di Andria sul segno prodigioso avvenuto lo scorso 10 aprile, Venerdì Santo
Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Segno prodigioso! Non c’è spina senza rosa Riflessione di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Sacra Spina di Andria, una storia di fede e prodigi: nel 2016 l'ultimo evento miracoloso Sacra Spina di Andria, una storia di fede e prodigi: nel 2016 l'ultimo evento miracoloso Ieri sera l'annuncio del vescovo Mansi: la preziosa reliquia cambia colore. Dal 1633 il prodigio si è verificato ben quindici volte
Diocesi di Andria: osservata una variazione cromatica della Sacra Spina Diocesi di Andria: osservata una variazione cromatica della Sacra Spina E' accaduto al termine della Via Crucis del Venerdì santo, presieduta da Mons. Mansi
Quarto anniversario del prodigio della Sacra Spina il 25 marzo Quarto anniversario del prodigio della Sacra Spina il 25 marzo Domani alle ore 18 S. Messa in diretta su Teledehon presieduta da mons. Luigi Mansi, senza la partecipazione dei fedeli
Festa liturgica della Sacra Spina, il venerdì dopo le Ceneri ad Andria Festa liturgica della Sacra Spina, il venerdì dopo le Ceneri ad Andria Un lungo corteo di fedeli, ha accompagnato la Sacra Reliquia dalla Chiesa dell’Immacolata fino alla Cattedrale di Andria
Festa liturgica della Sacra Spina, inizio cittadino del cammino quaresimale Festa liturgica della Sacra Spina, inizio cittadino del cammino quaresimale Venerdì 28 febbraio alle ore 18.00 raduno presso la chiesa Immacolata
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.