Ulivo distrutto dal maltempo
Ulivo distrutto dal maltempo
Territorio

Olivicoltura: oltre alle gelate adesso anche rischi per i limiti al Clorpirifos

Miscioscia, scrive ai Ministri Centinaio e Grillo ed all’Assessore reg.le all’Agricoltura Di Gioia

"Clorpirifos: Il Consigliere delegato alle Politiche Agricole di Andria Benedetto Miscioscia, scrive ai Ministri Centinaio e Grillo ed all'Assessore all'Agricoltura della Regione Puglia Leo Di Gioia per sottoporre la problematica relativa al nuovo Regolamento UE 2018/686 del 04/05/2018.

"L'eccezionale gelata che ha colpito la maggior degli impianti olivicoli del territorio pedo-murgiano del nord barese ha notevolmente compromesso la produzione olivicola ed olearia con le immaginabili conseguenze economiche e sociali caratterizzate dalla crisi occupazionale che purtroppo subiremo con le mancate assunzioni dei numerosi operai agricoli solitamente impegnati sia nelle operazioni di raccolta delle olive che nelle attività dei nostri frantoi, senza dimenticare le conseguenze economiche e finanziarie dei nostri produttori che non vedranno realizzato il proprio reddito.

Oltre al danno per la mancata produzione olivicola, anche la beffa. Infatti non molti stanno considerando la portata di un'altra novità: l'introduzione dei nuovi Limiti Massimi Residuali (LMR) di clorpirifos ammissibili nelle nostre olive, fissato allo 0,01 mg/kg. dal nuovo Regolamento 2018/686 a partire dal 5 dicembre 2018, con le immaginabili implicazioni in campo commerciale per le olive e per l'olio. Limiti che ci portano a rappresentare le legittime preoccupazioni degli olivicoltori e produttori oleari che, incolpevolmente ed inconsapevolmente, si ritrovano nel proprio olio tracce di questo principio attivo. Dopo la battaglia affrontata qualche anno fa contro il "procimidone", un anticrittogamico che si ritrovava inspiegabilmente in tracce nel nostro olio, oggi il problema si ripresenta con il clorpirifos la cui presenza, se pur in tracce, genererà conseguenze di natura commerciale per l'immaginabile probabile deprezzamento qualitativo del valore stesso dell'olio. Un vero e proprio dilemma che, oltre alle conseguenze commerciali e alle ripercussioni economiche, ci condurrà inevitabilmente, a doverci confrontare sul problema interpretativo tra il residuo presente nell'oliva e quello rilevabile nell'olio. Infatti si appalesa un vuoto normativo in tal senso, che va definito, considerato che il nuovo limite stabilito dal Regolamento Europeo si riferisce al residuo nell'oliva ma non nell'olio estratto, il cui limite, ma solo nel nostro Paese, rimane fissato allo 0,05 mg/kg., ciò determinando conseguenze preoccupanti soprattutto per chi commercializza in particolare oli monovarietali. Infatti, nonostante la limitazione prevista nelle stesse "norme di difesa eco-sostenibile regionali" sull'impiego di presidi fitosanitari a base di clorpirifos etile registrato per altre colture, al fine di evitarne l'uso in coincidenza con il periodo di inoliazione delle olive, non è difficile rilevarne la presenza anche nell'olio, se pur in tracce e nei limiti ammissibili per legge ai fini alimentari, compromettendone irrimediabilmente il valore commerciale con il rischio di vederselo rifiutato e/o svalutato dalle grandi aziende commerciali. A subire le conseguenze non sono solo le aziende olivicole biologiche ma anche quelle che adottano il metodo della lotta integrata che sfortunatamente si ritrovano in un contesto territoriale in cui gli olivi si alternano con vigneti e frutteti in genere.

A tal proposito, si è reso necessario sottoporre la questione ai Ministri competenti Centinaio e Grillo e all'assessore regionale Di Gioia, per valutare se vi sono ancora i presupposti alla commercializzazione di tale principio attivo, atteso che rimangono inspiegabili i motivi della sua presenza, se pur in tracce, nell'olio stesso pur non trattato. Una questione che si rende necessaria esporre per salvaguardare e garantire non solo la qualità della nostra produzione olearia ma anche gli interessi dei consumatori e dei nostri produttori olivicoli ed oleari che si sforzano sempre di più a differenziare la propria offerta qualitativa degli oli, rispetto alle comuni miscele di oli comunitari e/o extracomunitari, normalmente in commercio esaltando quel valore identitario legato alla biodiversità varietale, grande ricchezza colturale del nostro Paese che abbiamo il dovere di tutelare e salvaguardare", conclude la nota del vice Presidente Nazionale delle Città dell'Olio e Consigliere Comunale delegato alle Politiche Agricole, Benedetto Miscioscia.


  • benedetto miscioscia
Altri contenuti a tema
Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Andria celebra la giornata della "Festa della Primavera” Iniziativa di “FareAmbiente - laboratorio verde" di Andria e  dell’Istituto Scolastico Secondario di 1° grado "G. Salvemini"
Città dell’Olio della Puglia: "Grave preoccupazione per l’avanzamento incontrollato della xilella" Città dell’Olio della Puglia: "Grave preoccupazione per l’avanzamento incontrollato della xilella" Necessario coinvolgimento degli Enti locali e di informare gli agricoltori all'utilizzo delle buone pratiche agricole
Olio capitale: a Trieste dal 15 al 18 marzo Olio capitale: a Trieste dal 15 al 18 marzo Ecco come partecipare alla manifestazione
Decreto Sicurezza: è botta e risposta tra Miscioscia e Zinni che replica "Solo un altro occhiolino mandato a Salvini" Decreto Sicurezza: è botta e risposta tra Miscioscia e Zinni che replica "Solo un altro occhiolino mandato a Salvini" "Ministro Salvini, Miscioscia è un brav'uomo e un bravo politico, basti vedere i conti del Comune che ha amministrato: non si dimentichi di lui".
Miscioscia (Noi con Salvini): "Sulla presa di posizione circa il Decreto Sicurezza non so se ridere o piangere" Miscioscia (Noi con Salvini): "Sulla presa di posizione circa il Decreto Sicurezza non so se ridere o piangere" "Una contestazione contro Giorgino solo strumentale e distorta per polemizzare sul piano politico"
Impianto Api di via Togliatti ad Andria, divampa la polemica Impianto Api di via Togliatti ad Andria, divampa la polemica Montaruli (4^ Consulta Ambiente): «Miscioscia non faccia l’inutile portavoce, il suo è un intervento di bassa lega»
Miscioscia (Lega): "Montaruli e la brutta figura sull'ex distributore API di via Togliatti. Amministrazione Giorgino incolpevole" Miscioscia (Lega): "Montaruli e la brutta figura sull'ex distributore API di via Togliatti. Amministrazione Giorgino incolpevole" Il consigliere comunale della Lega-Noi con Salvini, dott. Benedetto Miscioscia ripercorre la vicenda giudiziaria ed amministrativa                             
Le Città dell’olio pugliesi verso il 25° Anniversario, assemblea nazionale in Puglia Le Città dell’olio pugliesi verso il 25° Anniversario, assemblea nazionale in Puglia Olio, dieta mediterranea, paesaggio olivicolo e biodiversità sono i punti di forza sui quali puntare
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.