Bandiera Unione Europea
Bandiera Unione Europea
Attualità

La scelta elettorale

Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria

A pochi giorni dalle elezioni europee, vado constatando che l'Europa è sulla bocca di molti, anche di chi ha già deciso di non votare per immotivata pigrizia o ritenendo l'unità un sogno irrealizzabile.

«Sulla bocca di molti» ma…, ahimè, ancora nel cuore di pochi e che, per giunta, spesso contagiati anch'essi da sfiducia e timori di perdere la loro identità, finiscono col non vederne futuro, così abdicando a uno strumento prezioso di partecipazione.

Da questa semplice constatazione, è nato in me il desiderio e la responsabilità, anche se all'ultimo momento, di incoraggiare al voto, attuando un discernimento personale e comunitario, esaminando i progetti, valutando e comparando i programmi.

Cerchiamo di analizzare le liste alla ricerca di candidati affidabili e dalle storie personali trasparenti. Cerchiamo un candidato vicino alle nostre aspettative e di cui abbiamo fiducia; parliamogli se ne abbiamo la possibilità, sentiamo quello che ha da dire. Fidiamoci magari anche del parere di persone che stimiamo, ma cercando sempre le motivazioni per una scelta consapevole. Non pretendiamo che il partito o il candidato che votiamo corrispondano al 100% alle nostre aspettative, ma cerchiamo quello che ci rappresenta almeno in parte. A volte si può decidere di votare "per il male minore" contribuendo, da cittadini attivi, a contrastare quello che si ritiene il "male maggiore".

E se, nonostante tutto, non riusciamo a trovare alcuno per cui votare, che la nostra astensione, scheda bianca o nulla, sia frutto comunque di una scelta politica ponderata e mai definitiva. Bisognerebbe però avere fatto veramente tutti lo sforzo possibile per approfondire le nostre conoscenze sui programmi dei candidati di tutte le liste per arrivare a questa conclusione. Senza dimenticare che possiamo manifestare il nostro disagio scrivendo sui blog, sui siti e inviando e-mail ai giornali affinché il nostro non votare sia suffragato da motivazioni e sia comunque un contributo e non un disimpegno.

Sono consapevole che per attuare tutto questo "è necessario vivere con una nota eroica" - come diceva l'evangelico Albert Schweitzer -, ma è proprio questa nota che ci farà superare ogni forma di sfiducia e di ripiegamento su di sé e aprirci alle novità della storia.
  • centro igino giordani
  • elezioni europee 2019
Altri contenuti a tema
Ricordando un grande comunicatore: Igino Giordani Ricordando un grande comunicatore: Igino Giordani Il referente dell'omonimo centro sito in Andria, Gennaro Piccolo, condivide alcune riflessioni
20 luglio 1969 - 20 luglio 2019. «Alto, vicino alla Luna» 20 luglio 1969 - 20 luglio 2019. «Alto, vicino alla Luna» Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
12 luglio 2016 - 12 luglio 2019: perchè, o Dio, tanto dolore? 12 luglio 2016 - 12 luglio 2019: perchè, o Dio, tanto dolore? Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Marcia per la Legalità: «E adesso?» Marcia per la Legalità: «E adesso?» Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Marcia per la legalità: “Resurrezione di Andria” Marcia per la legalità: “Resurrezione di Andria” Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Rialziamoci e andiamo! Una goccia di cronaca bianca per non scoraggiarci Rialziamoci e andiamo! Una goccia di cronaca bianca per non scoraggiarci Riflessioni di Gennaro Piccolo, referente del centro Igino Giordani di Andria
Ad Andria incontro post voto europeo con il parlamentare neo eletto Mario Furore Ad Andria incontro post voto europeo con il parlamentare neo eletto Mario Furore Appuntamento lunedì 17 giugno, alle ore 20 in via Cavallotti, n. 46
Nicola Giorgino rimbrotta i suoi detrattori: "Taluni di Forza Italia ad Andria, farebbero bene a concentrarsi sull'ultima disfatta elettorale" Nicola Giorgino rimbrotta i suoi detrattori: "Taluni di Forza Italia ad Andria, farebbero bene a concentrarsi sull'ultima disfatta elettorale" E l'ex primo cittadino aggiunge: "Nessun cambiamento di opinione e azione politica verso chi ha tradito il mandato popolare ed il patto con la città"
© 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.