Ipsia Archimede via Barletta Andria
Ipsia Archimede via Barletta Andria
Vita di città

Gesatti: «Ipsia "Archimede", il nostro nome strumentalizzato per speculazione politica»

L'azienda interviene in merito alla vicenda dell'immobile su cui torna a parlare anche Laura Di Pilato in un lungo post su Facebook

«A nome della famiglia Attimonelli e di tutte le società del gruppo, riteniamo di dover intervenire a seguito dell'ennesimo inutile attacco frontale ricevuto con riferimento alla locazione da parte della provincia dell'immobile di via Barletta attualmente occupato dall'istituto Ipsia "Archimede" di Andria. Nell'interesse dei cittadini e del loro diritto ad essere debitamente informati, - interviene in una nota l'azienda immobiliare andriese Gesatti - pare opportuno far chiarezza circa quest'annosa vicenda che, puntualmente e maldestramente, viene utilizzata da rappresentanti politici per scopi elettorali. Riteniamo importante che chiunque spenda parole su tale questione debba essere innanzitutto a conoscenza della vicenda e soprattutto informato delle condizioni del contratto che lega la nostra società all'ente provinciale, accordo stipulato nel 2002 dai precedenti proprietari con la provincia di Bari. La Gesatti s.r.l., con l'acquisto dell'immobile, subentrava nel suddetto contratto, le cui condizioni non sono mai state modificate se non per l'adeguamento "al ribasso" dei canoni di locazione e per l'inserimento di un'opzione d'acquisto richiesta dell'ente e puntualmente da noi concessa. L'ennesima ed ultima riduzione del canone di locazione risale al mese di gennaio 2019, durante l'amministrazione Giorgino, allorquando con l'ente si addiveniva consensualmente ad un ulteriore ribasso. Chi considera la locazione dell'istituto "Archimede" come il "tipico esempio di spreco di denaro pubblico", dimentica quanto quell'immobile sia funzionale alle esigenze della Provincia di sopperire alla carenza di edifici scolastici di proprietà e, forse non è a conoscenza, che il costo sostenuto è decisamente inferiore ai parametri stabiliti dall'agenzia delle entrate. A ciò si aggiunga che, ad oggi, risulta occupato circa il 65% dell'edificio, e non il 30% come erroneamente e strumentalmente riferito e che la Provincia è tenuta ad assicurare aule dignitose e condizioni idonee per ospitare gli studenti del nostro territorio.

Le pessime condizioni strutturali in cui attualmente versa parte dell'edificio, già oggetto di clamore mediatico nel recente passato da parte dei medesimi soggetti politici, sono addebitabili esclusivamente alla mala gestio da parte dei conduttori dell'immobile e non certo alla Gesatti s.r.l. che, allo stato, risulta danneggiata dall'incuria e dal disinteresse di chi avrebbe dovuto vigilare sullo stato dei luoghi. Negli anni abbiamo anticipato per conto dell'ente ingenti somme, assumendoci costi per imposte e manutenzione che la Provincia non riusciva a sostenere e abbiamo sempre soprasseduto ai ritardi maturati da tutte le amministrazioni nel pagamento dei canoni di locazione. Ad oggi risultiamo creditori di dodici mensilità arretrate. Diventa, quindi, inaccettabile speculare politicamente su tale vicenda utilizzando il nostro nome e gettando fango sulla nostra società. Preferiamo restar fuori dalle beghe politiche e continuare a confrontarci con l'ente nelle sedi opportune per comprendere se le reciproche esigenze per il prosieguo del rapporto coincidano. Altrimenti è diritto di entrambe le parti, risolvere e non rescindere il contratto in essere.

Confidando, forse con eccessivo ottimismo, nella coscienza istituzionale di chi intende proporsi a ricoprire incarichi politici, invitiamo le parti interessate ed intervenute ad evitare strampalate fiere di cifre e annunci senza alcun riferimento giuridico e fattuale. E' necessario che prima di esprimersi, si conoscano le conseguenze giuridiche, economiche ed organizzative che l'ente si troverebbe ad affrontare qualora intendesse procedere ad una risoluzione forzata del contratto in essere. Da inguaribili romantici, ci aspettiamo dalla politica più visione e meno televisione. Ci aspettiamo più attenzione alle esigenze dei nostri figli, delle nostre imprese e di tutti i cittadini che stanno vivendo un momento di grave crisi economica e meno spettacolarizzazione del nulla. Ci riserviamo, quindi, di tutelare i nostri diritti dinanzi le competenti autorità giudiziarie nei confronti di chiunque, per incoscienza e/o incompetenza, diffami il nostro gruppo e la nostra famiglia. Lo facciamo per noi ma soprattutto per i nostri figli e per le famiglie di tanti dipendenti cui diamo lavoro».

Fin qui la replica della Gesatti, il tema continua però a far discutere tanto che, a stretto giro di posta anche dall'intervento della direttrice scolastica dell'Ipsia Archimede, la prof.ssa Ventafridda, Laura Di Pilato con un post su Facebook ritene che la dirigente scolastica e il corpo dei docenti abbiano «deviato l'attenzione mediatica su ben altre questioni, mettendo in discussione un principio sacrosanto, ovvero quello di tutelare sempre gli interessi degli alunni. È proprio questo il mio fine, la mia visione futura: garantire agli alunni ambienti salubri e confortevoli perché il diritto allo studio sia tutelato. Spiace constatare che la dirigenza scolastica abbia ritenuto il mio intervento "strumentale al perseguimento di fini personali", perché di strumentale non ci trovo davvero nulla», chiarisce Di Pilato.

«Da avvocato, madre e cittadina andriese non chiedo altro che una maggiore oculatezza nella gestione dei fondi pubblici per garantire una sede degna di ospitare la comunità scolastica. È questo un fine strumentale e propagandistico? Penso proprio di no», conclude.
  • Ipsia Archimede Andria
Altri contenuti a tema
La maturità di Alessio, una conquista di determinazione. «Ha sfidato il Covid con noi» La maturità di Alessio, una conquista di determinazione. «Ha sfidato il Covid con noi» Ospite della comunità riabilitativa psichiatrica ha raggiunto l'ambito traguardo presso l'Archimede di Andria
Archimede, la dirigente Ventafridda: "Istituto strumentalizzato ai fini di mera propaganda politica" Archimede, la dirigente Ventafridda: "Istituto strumentalizzato ai fini di mera propaganda politica" La professoressa interviene a seguito di notizie apparse su alcune testate giornalistiche relative all’istituto
Ipsia "Archimede", predisposta la rescissione dal contratto con la società proprietaria dell'immobile Ipsia "Archimede", predisposta la rescissione dal contratto con la società proprietaria dell'immobile Lo annuncia l'avv. Laura Di Pilato: «Termina finalmente uno spreco di denaro pubblico»
“Perchè mi sono salvato!”: all’IPSIA "Archimede" di Andria e Barletta una lezione a distanza sulla legalità “Perchè mi sono salvato!”: all’IPSIA "Archimede" di Andria e Barletta una lezione a distanza sulla legalità Incontro con Davide Cerullo nella giornata che ricorda la strage di Capaci
All'IPSIA di Andria un incontro sull'autodifesa con i Marescialli della Polizia Locale Mancini e Perrone All'IPSIA di Andria un incontro sull'autodifesa con i Marescialli della Polizia Locale Mancini e Perrone Alunni e docenti entusiasti dell'iniziativa svoltasi il 27 e 28 febbraio
Gli studenti dell'Archimede di Andria e Barletta impegnati nel progetto "Con le mani" Gli studenti dell'Archimede di Andria e Barletta impegnati nel progetto "Con le mani" I ragazzi hanno utilizzato materiale in disuso da riciclare, per trasformarlo in oggetto di arredo
Giornata contro il bullismo: manifestazione presso l'IPSIA di Andria Giornata contro il bullismo: manifestazione presso l'IPSIA di Andria Intervento dei Marescialli della Polizia Locale Mancini e Perrone
Legalità: All'IPSIA Archimede i Carabinieri salgono in cattedra Legalità: All'IPSIA Archimede i Carabinieri salgono in cattedra Le classi quarte e quinte parteciperanno ad un incontro sull'uso delle droghe, sul bullismo e cyberbullismo
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.