Gabriella Baldini e  Ruggiero Crudele
Gabriella Baldini e Ruggiero Crudele
Politica

Coronavirus, Italia Viva: "Emiliano cambi rotta e adotti misure alla veneta"

Ecco le proposte dei consumatori territoriali per fronteggiare l'emergenza sanitaria

Un decalogo per smarcarsi dalla gestione dell'emergenza sanitaria del Coronavirus operata da Michele Emiliano: Italia Viva Puglia, con una nota firmata dai dodici coordinatori provinciali chiede al governatore di cambiare rotta e di adottare misure «alla veneta» contro il Covid, in particolare favorendo la prassi dei tamponi a tappeto.

Il documento - in pieno stile anti-populista, con critiche e proposte - che porta le firme dei dirigenti Ada Fiore e Massimo Toma responsabili a Lecce, e poi di Tiziana Palmisano e Alessio Carbonella (Brindisi), Maria Vittoria Colapietro e Vincenzo Angelini (Taranto); Rosa Cicolella e Aldo Ragni (Foggia), Anna Maria Gentile e Umberto Ceci (Bari) e nella Bat Gabriella Baldini e Ruggero Crudele, è un decalogo elaborato «con l'ausilio di professionisti del mondo medico e di amministratori locali».

«Finora in Puglia siamo stati accompagnati da una buona dose di fortuna scrive Italia Viva Puglia - ma questo non significa che si debba sfidare la sorte: solo qualche giorno fa abbiamo assistito ad una sorta di "retromarcia" da parte del governatore, sostenendo per la prima volta l'importanza di uno screening di massa anche e soprattutto nei confronti degli asintomatici».

«Nelle ultime ore in Puglia ci sono stati nuovi contagi e purtroppo altri decessi. Alcune province risultano ancora fortemente a rischio», aggiungono. «Manca ancora una strategia concreta e dettagliata che spieghi come la Puglia affronterà la fase due dal punto di vista sanitario», sottolineano ancora.

Italia Viva Puglia individua quindi una pars costruens, con un decalogo per una ripresa: «Riteniamo indispensabile seguire le indicazioni delle tre T: "Testare, Tracciare, Trattare". Dunque sorveglianza attiva, capacità di fare tamponi e test, indagini epidemiologiche, tracciatura e monitoraggio costante sul territorio dei cittadini più a rischio».

Le linee vanno dal «rafforzare la medicina sul territorio», dando «la possibilità ai medici di base di diventare "sentinelle" e di poter prescrivere autonomamente tamponi» al consentire «ai singoli comuni di organizzare autonomamente, in aggiunta rispetto alla attività espletata dalla Asl, sempre nel pieno rispetto della privacy, iniziative di screening con condivisione degli esiti con la Asl stessa». Ponendosi in continuità con le critiche delle opposizioni, Iv chiede di «implementare le Unità Speciali di assistenza Territoriale Regionali», «aumentare il numero di tamponi soprattutto nelle strutture ospedaliere, nelle Rsa e Rssa».

Tra i suggerimenti c'è anche la richiesta di fare test sierologici, ritenuti «con i tamponi, gli unici mezzi che abbiamo per valutare la diffusione del virus». La mission dei renziani indica anche tra gli obiettivi la possibilità che i cittadini si sottopongano autonomamente ai test, disponendo l'obbligo informativo del laboratorio verso i medici di base; un monitoraggio delle categorie ad alto rischio («i medici di base, gli odontoiatri, i pediatri di libera scelta inizialmente, e poi tutti i medici che esercitano nelle aree disciplinari più esposte»).

Le ultime tre proposte ricordano l'importanza di una divisione in sicurezza degli ospedali Covid da quelli No-Covid, la necessità di «una campagna di sensibilizzazione e informazione a favore delle applicazioni informatiche utili per monitorare i contagi e i contagiati», con il via libera ad app in grado di perimetrare i contagi, e il rilancio della telemedicina.
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

903 contenuti
Altri contenuti a tema
Fase 2, autosegnalazione per chi fa ingresso in Puglia: oltre 80 mila quelle pervenute Fase 2, autosegnalazione per chi fa ingresso in Puglia: oltre 80 mila quelle pervenute Mentre sono 6608 i moduli già compilati online alle ore 16 di oggi, di arrivi nella nostra regione
Coronavirus, un solo nuovo caso in Puglia. La Bat conferma lo "0" tra contagi e decessi Coronavirus, un solo nuovo caso in Puglia. La Bat conferma lo "0" tra contagi e decessi Sono 1.036 i casi attualmente positivi in Regione
Da Andria arriva la protesta delle aziende di noleggio pullman Da Andria arriva la protesta delle aziende di noleggio pullman Centinaia di autobus e veicoli a noleggio con conducente manifestano a Bari
Ponte 2 Giugno: crollo delle presenze negli agriturismi dell'80% Ponte 2 Giugno: crollo delle presenze negli agriturismi dell'80% Secondo Coldiretti Puglia ci sarebbero segnali di ripresa turisti italiani e stranieri a luglio ed agosto
Fase 2 in Puglia, scatta l'obbligo di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche Fase 2 in Puglia, scatta l'obbligo di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche E da Bari, pronti a ripartire in estate voli EasyJet per Londra, Nantes e Venezia
1 Coronavirus, i nuovi contagi in Puglia si avvicinano allo "0": oggi un solo caso positivo Coronavirus, i nuovi contagi in Puglia si avvicinano allo "0": oggi un solo caso positivo Per la provincia Bat una settimana senza nuovi positivi
Parte la sperimentazione in Puglia di "Immuni", la app disponibile per il download Parte la sperimentazione in Puglia di "Immuni", la app disponibile per il download Lo strumento digitale sarà scaricabile su base volontaria. Emiliano: «Elemento in più per il contact tracing»
Covid 19: migliora la situazione nella Bat, nessun contagio e decesso Covid 19: migliora la situazione nella Bat, nessun contagio e decesso In tutta la regione sono risultate positive solo 4 persone, due i decessi registrati
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.