Assembramenti alla fermata dei bus
Assembramenti alla fermata dei bus
Vita di città

Assembramenti su bus, i pendolari della tratta Andria-Trani esposti a rischio contagi

Situazione surreale: serve il rispetto delle distanze di sicurezza, ma i pendolari chiedono di aumentare le corse

Nulla è cambiato sulle condizioni in cui gli studenti di Trani ogni mattina sono costretti a viaggiare per recarsi all'Itis "Sen. Onofrio Jannuzzi" di Andria. Come per il viaggio di andata, anche all'ingresso dei bus per il ritorno a Trani si vengono a creare pericolosi assembramenti. In un momento storico in cui le distanze sono fondamentali per prevenire il contagio, quello a cui si assiste ha del surreale: i ragazzi tra resse e spintoni per cercare di raggiungere il posto migliore sul bus è qualcosa che se fino agli anni passati era tollerabile, oggi non lo è più per l'incolumità di tutti. Ora più che mai, i pendolari chiedono di aumentare le corse, almeno in corrispondenza dell'orario di uscita dalle scuole.

Le immagini in basso sono state scattate oggi nella prima mattinata alla fermata Ospedale-Cappuccini e nel piazzale della stazione centrale di Andria, piazza del Bersagliere d'Italia. Situazione più contenuta rispetto ai giorni scorsi ma l'invito resta duplice da ambo le parti: da un lato evitare di accalcarsi e cercare, nel limite del possibile, di mantenere le distanze; dall'altro, aumentare il numero delle corse sarebbe la soluzione più idonea per distribuire il gran numero di pendolari.
Pendolari salgono su un bus di fronte alla stazione centrale JPGStudenti alla fermata dei Cappuccini ad Andria JPGassembramenti ad Andria davanti all'industriale "Jannuzzi"
Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutte le notizie sulla pandemia che ha cambiato il mondo

1210 contenuti
Altri contenuti a tema
Conte firma il decreto ristoro, risorse a fondo perduto per le categorie danneggiate dal Dpcm Conte firma il decreto ristoro, risorse a fondo perduto per le categorie danneggiate dal Dpcm "Non ci sono operatori di serie A e di serie B, ma dobbiamo scongiurare il lockdown generalizzato"
Coronavirus, balzo dei contagi nella provincia Bat: sono 142, in Puglia 611 nuovi positivi Coronavirus, balzo dei contagi nella provincia Bat: sono 142, in Puglia 611 nuovi positivi Superati i 15mila casi in Regione dall'inizio dell'emergenza
Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Domani sit-in di ristoratori e commercianti contro le chiusure legate alla stretta anticovid Anche da Andria dalle ore 11.30, in piazza, a Bari, ci sarà una mobilitazione promossa dalla Fipe Bari-Bat
A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid A Canosa di Puglia riattivato il presidio post Covid Decisione presa a causa dell'aumento dei contagi e dei ricoveri nell'ospedale di Bisceglie
424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso 424 nuovi casi Covid in Puglia. Nella provincia Bat 42 positivi e un decesso Superati gli ottomila casi attualmente positivi in Regione
Covid-19: il Presidio Di Quarto di Palo pubblica avviso per l’utenza, familiari e caregiver Covid-19: il Presidio Di Quarto di Palo pubblica avviso per l’utenza, familiari e caregiver Si tratta di informazioni finalizzati a garantire la sicurezza nella struttura sanitaria
Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure Covid, ristoratori e commercianti in piazza anche in Puglia per dire no alle chiusure La manifestazione "Siamo a terra" organizzata a Bari dal sindacato Fipe si svolgerà mercoledì mattina
Didattica a distanza: Ordinanza regionale, dal 24 novembre scuole superiori con quota non inferiore al 75% Didattica a distanza: Ordinanza regionale, dal 24 novembre scuole superiori con quota non inferiore al 75% Una ulteriore misura urgente per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.