incendio sull'altopiano murgiano
incendio sull'altopiano murgiano
Territorio

Alta Murgia, potenziati punti di avvistamento incendi: “Non mandare in fumo il Parco”

C'è anche l'approvvigionamento idrico con il coinvolgimento di 17 aziende agro-zootecniche

Contrastare gli incendi boschivi che spazzano via annualmente ettari di prezioso verde, con gravi danni come perdita di biodiversità, impoverimento del suolo, maggiore permeabilità ai cambiamenti climatici. Mirano a questo le azioni messe in campo a più livelli dal Parco Nazionale Alta Murgia nell'ambito della Campagna AIB, l'annuale Campagna Antincendio Boschivo della Protezione Civile. Le attività per l'anno 2020 coinvolgono in primis gli agricoltori - le vere sentinelle del territorio – fondamentali nell'opera di prevenzione e contenimento. A loro è affidato il compito di realizzare fasce taglia fuoco e ospitare serbatoi d'acqua, aumentando così i punti di approvvigionamento idrico. Si affianca a ciò l'aggiornamento del Piano AIB per il periodo 2019/2023; il rinnovo della collaborazione con Arif per l'utilizzo della rete di telerilevamento presente nelle aree boschive; l'avvio di una collaborazione con il CNR per monitorare da satellite le zone percorse dal fuoco, e la campagna social "Non mandare in fumo il Parco" sulle azioni da evitare per scongiurare il rischio incendi.

Sulla base di un Avviso Pubblico, il Parco dell'Alta Murgia ha individuato quest'anno 17 aziende agro-zootecniche il cui compito è l'avvistamento incendi, con il supporto di serbatoi d'acqua ricevuti dall'Ente per garantire scorta idrica nelle aree boscate. La scelta ha tenuto conto di criteri tra cui la vicinanza ad aree vulnerabili rientranti nelle zone A e B del parco, il facile accesso da strade principali per favorire il rapido rifornimento dei mezzi AIB, il tipo di attività zootecnica che assicura costante presenza di personale nell'azienda, l'aver partecipato in precedenza ad attività convenzionate con l'Ente.
La sinergia con Arif è volta a migliorare l'attività di avvistamento con azioni di co-gestione e sviluppo della rete di telerilevamento, con 6 postazioni presenti nelle aree boscate che puntano a rilevare l'incendio al suo esordio, limitandone il propagarsi. Con il CNR di Bari, l'Ente Parco ha attivato invece un servizio sperimentale di rilevazione che prevede analisi e foto associate al sistema GIS, per il monitoraggio da satellite delle zone percorse dal fuoco e del suo impatto sulla vegetazione.
Completa il quadro la campagna Facebook e Instagram "Non mandare in fumo il Parco" realizzata in collaborazione con Arif Puglia, "comandamenti" da tenere a mente per evitare l'insorgere di un incendio e azioni da compiere in sua presenza per non farsi dominare dal panico. Tra i gesti da "NON" fare, l'accendere fuochi di nessun genere, gettare mozziconi di sigarette dai finestrini dell'auto, lanciare lanterne volanti, effettuare ripuliture del bordo strada con il fuoco, abbandonare rifiuti e così via. "Non mandare in fumo il Parco" segnala i numeri di soccorso da contattare in caso di incendio, invitando a fornire indicazioni per localizzarlo.
Il Parco dell'Alta Murgia è nella cerchia dei 13 parchi nazionali più a rischio incendi per le particolari condizioni climatiche, tipiche dell'ambiente mediterraneo, che in estate mettono a rischio i boschi e le numerose espressioni della vegetazione d'interesse forestale. Nel 2019 sono stati avvistati 44 incendi, 14 di questi hanno distrutto 87 ettari di bosco e 30 mandato in fumo 1.250 ettari di pascolo. È dei giorni scorsi l'incendio al bosco di Acquatetta, tra Spinazzola e Minervino Murge, che ha distrutto 350 ettari di terreno di cui 220 di bosco.

«Negli ultimi anni – dichiara Francesco Tarantini, presidente PNAM – l'Ente Parco ha potenziato il lavoro di avvistamento, attivando con Arif un sistema di telerilevamento da remoto che ha permesso di contenere le zone percorse dal fuoco, con ben sei postazioni all'interno delle aree boschive. Quest'anno abbiamo incrementato i punti di approvvigionamento idrico dotando le aziende agro-zootecniche di serbatoi d'acqua, coinvolgendo gli agricoltori che riteniamo le vere sentinelle del territorio. Un'adeguata scorta idrica è una fondamentale risorsa che facilita le attività di spegnimento a terra, limitando l'espandersi del fuoco e la necessità di interventi aerei. Contrastare gli incendi è un'attività complessa ma non impossibile, dove ognuno deve fare la sua parte con comportamenti responsabili e di tutela dell'ambiente, come quelli elencati nella campagna Non mandare in fumo il Parco, che ci auguriamo saranno presi alla lettera».

  • Parco nazionale alta murgia
Altri contenuti a tema
Connettività wifi e servizi digitali nelle aree rurali con il progetto "Masserie 2.0" Connettività wifi e servizi digitali nelle aree rurali con il progetto "Masserie 2.0" Iniziativa del Parco Nazionale Alta Murgia, Ministero dello Sviluppo Economico e Infratel Italia
Una volpe uccisa da animali nei pressi di Castel del Monte: sull'episodio indagano i Carabinieri forestali Una volpe uccisa da animali nei pressi di Castel del Monte: sull'episodio indagano i Carabinieri forestali Dopo la notizia del cane sbranato un nostro lettore ha inviato una foto di una volpe uccisa da qualche predatore
2 Indagini dei Carabinieri Forestali di Andria e Ruvo portano alla denuncia presunto autore incendio bosco Acquatetta Indagini dei Carabinieri Forestali di Andria e Ruvo portano alla denuncia presunto autore incendio bosco Acquatetta Si tratta di un bracciante agricolo di 53 anni, residente a Spinazzola
Pattuglie dei Carabinieri in mountain bike nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia Pattuglie dei Carabinieri in mountain bike nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia Saranno impegnati nella sorveglianza delle zone più impervie dell’area naturale protetta
Internet gratis nel parco nazionale dell’Alta Murgia Internet gratis nel parco nazionale dell’Alta Murgia L'ente aderisce a WiFi Italia. Presidente Tarantini: "Fondamentale per valorizzare il nostro patrimonio"
In Puglia nasce il "Distretto del cibo Alta Murgia" In Puglia nasce il "Distretto del cibo Alta Murgia" Uno dei sette creati dalla giunta regionale per promuovere lo sviluppo locale
Coronavirus: nessuna gita o scampagnata sulla Murgia, scongiurato rischio affollamenti Coronavirus: nessuna gita o scampagnata sulla Murgia, scongiurato rischio affollamenti I Carabinieri forestali hanno trovato solo due persone senza giustificato motivo nell’area protetta
Nove andriesi denunciati dai Carabinieri forestali mentre andavano a spasso sulla Murgia Nove andriesi denunciati dai Carabinieri forestali mentre andavano a spasso sulla Murgia Sono stati sorpresi nello scorso week end, nonostante la stretta sugli spostamenti prevista dagli ultimi decreti
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.