Biologica-Mente

Relax e geni

Come il rilassamento altera l’espressione dei geni

Pratiche antiche come la preghiera, la meditazione o semplicemente lo yoga andrebbero a influenzare lo stato differente di espressione di un gene. È quanto riportato nell'articolo su PloS ONE dai gruppi del Massachusetts General Hospital e Beth Israel Deaconess Medical Center della Harvard Medical School guidti da Herbert Benson e Towia Libermann.

Lo stress e i suoi effetti a livello fisico e fisiologico sono stati a lungo studiati, mentre la reazione contraria, il rilassamento, è ancora da considerarsi materia di studio sconosciuta. Si tratta di uno dei primi studi sull'argomento, unico nel suo genere. Il team di ricerca si è concentrato sul profilo di espressione di 22000 geni di un gruppo di 26 volontari che non avevano mai praticato tecniche di rilassamento. I dati iniziali sono stati messi a confronto con quelli ottenuti dopo che i volontari avevo appreso diverse tecniche di rilassamento disponibili. Inoltre, questi stessi dati sono stati paragonati a quelli di altri soggetti volontari che però eseguivano queste tecniche da molto tempo.

I risultati ottenuti hanno evidenziato che il rilassamento produce una maggiore espressione dei geni che controllano l'ATPasi e l'insulina, permettendo una maggiore produzione di energia da parte dei mitocondri (le centrali elettriche cellulari) e una contemporanea diminuzione dei radicali liberi. Lo stress ossidativo è ridotto anche da una down-regulation delle vie molecolari del fattore NF-kB, coinvolto nelle risposte infiammatorie e nel sistema immunitario. Questo comporta una conseguente diminuzione dei fenomeni di morte cellulare programmata (apoptosi) e di autodistruzione dei componenti interni alla cellula, che si innescano in caso di cattivo funzionamento dei mitocondri.

Lo studio ha sottolineato anche che nonostante gli effetti benefici siano più marcati nei soggetti che praticano determinate tecniche da più tempo, questi risultano essere indipendenti dal tipo di tecnica adottata.
    © 2001-2019 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.