Andria Bene Comune presenta il progetto di rete civica
Andria Bene Comune presenta il progetto di rete civica
Politica

Una rete civica di gruppi e associazioni: Andria Bene Comune presenta il progetto "Futura"

Ieri sera momento di confronto con i cittadini presso il chiostro di S. Francesco

"Futura": una rete civica popolare di cittadini, gruppi e associazioni per far ripartire la città di Andria. E' il progetto del movimento Andria Bene Comune che, in vista delle elezioni comunali previste nella primavera del 2020, ieri sera, lunedì 16 dicembre, ha presentato la prima iniziativa pubblica presso il chiostro di S. Francesco. Una "rete" perchè non è una piramide, e dunque non c'è qualcuno che comanda; "civica" perchè risponde alla comunità e non alle logiche dei partiti; "popolare" perché tutti devono impegnarsi.

E' il progetto che Andria Bene Comune ha presentato ai cittadini, incontrandoli soprattutto per accoglierne le proposte e discutere insieme delle problematiche più urgenti da affrontare, condividendo possibili soluzioni per avviare, passo dopo passo, un rilancio della città che si preannuncia lento ma sicuramente possibile con la giusta programmazione. Andria Bene Comune nasce per costruire una coalizione di persone responsabili che trascendono le appartenenze a diversi partiti ma sono unite per affidabilità, capacità, e unità d'intenti nella progettualità.

Tra i volti principali che hanno aderito, al momento, all'idea di costruzione di una rete civica figurano l'ex Primo Cittadino Vincenzo Caldarone, l'ex assessore alla cultura Francesca Magliano, l'ex consigliere comunale Francesco Sansonna e il vice-presidente del Parco dell'Alta Murgia nonchè vice Presidente del Gal "Le città di Castel del Monte" Cesareo Troia. Presente anche il coordinatore regionale del partito "Idea-Cambiamo", Francesco Losito.

«Andria va governata - afferma l'ex sindaco Vincenzo Caldarone - altrimenti il buco finanziario del Comune rischia di diventare il buco dell'anima della città. Questa comunità ha bisogno di nuova linfa e di credere in se stessa: per questo vogliamo raccogliere adesioni di cittadini, gruppi e associazioni per costruire una rete civica. Risentirci parte integrante della comunità può segnare positivamente le nostre esistenze».

Nel corso dell'incontro, Andria Bene Comune ha presentato i dieci punti primari ed irrinunciabili sui quali è necessario intervenire: rispetto per la comunità, sicurezza e lavoro, investimenti nelle infrastrutture e sostenibilità ambientale, cultura e innovazione, finanze e risorse del Comune, lotta alle povertà; c'è tanto da lavorare su questi aspetti, ma possono anche aggiungersene altri dietro sollecitazioni e manifestazioni d'interesse da parte dei cittadini.

Ed è proprio dall'impegno di tutti che la città può ripartire: come ha sottolineato l'ex assessore alla cultura Francesca Magliano, «questa comunità è in grado di esprimere tante risorse, ma bisogna mettere da parte le ambizioni personali e le conflittualità fra i partiti e proporre invece ciò che i cittadini invocano a gran voce, ovvero soluzioni. Vogliamo essere concreti e propositivi, non importa da dove veniamo ma dove vogliamo andare».
10 fotoAndria Bene Comune
  • Chiostro di San Francesco
  • Andria Bene in Comune
Altri contenuti a tema
Comunali: sostegno alla candidatura di Giovanna Bruno da l'Alternativa e Andria Bene in Comune Comunali: sostegno alla candidatura di Giovanna Bruno da l'Alternativa e Andria Bene in Comune Comincia a delinearsi la coalizione di centrosinistra: «Pronti ad aiutarla nella ricostruzione di Andria»
Sabato 15 febbraio 2° appuntamento con “Ciò ama fè? Incontriamoci per la città” Sabato 15 febbraio 2° appuntamento con “Ciò ama fè? Incontriamoci per la città” In programma presso il Chiostro San Francesco a partire dalle ore 17,30
"Io che conosco il tuo nome": ad Andria la presentazione del libro di Adelmo Cervi "Io che conosco il tuo nome": ad Andria la presentazione del libro di Adelmo Cervi Incontro organizzato dall'associazione politico-culturale "Partecipa" e dallo SPI CGIL BAT
Strutture ricettive non alberghiere: problematiche sanitarie legate alla legionella Strutture ricettive non alberghiere: problematiche sanitarie legate alla legionella Incontro pubblico presso il Comune di Andria, giovedì 13 febbraio, alle ore 15:30
Trani capitale della cultura, opportunità anche per Andria? Trani capitale della cultura, opportunità anche per Andria? Andria bene in comune: "La città rischia di rimanere tagliata fuori anche da questo percorso"
"La domenica ad Andria si va a piedi": l'audace proposta di Andria Bene in Comune   "La domenica ad Andria si va a piedi": l'audace proposta di Andria Bene in Comune   "Questa iniziativa non risolverebbe il problema delle polveri sottili"
Trifoglio, Andria Bene in Comune: "Un'altra cooperativa sta per chiudere" Trifoglio, Andria Bene in Comune: "Un'altra cooperativa sta per chiudere" Chiesta alla gestione commissariale l'apertura di "un tavolo con il Terzo Settore"
“Ciò ama fè? Incontriamoci per la città” “Ciò ama fè? Incontriamoci per la città” Sabato 1° febbraio la presentazione dell'iniziativa politico culturale
© 2001-2020 AndriaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
AndriaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.